Home ARTE E CULTURA Er cocommero de feragosto

Er cocommero de feragosto

Un insolito vernacolo di VignaClarablog.it. Il nostro vernacoliere, sor Giovanni Berti, si e’ cimentato nel descrivere, con la sua solita ironia, una giornata di ferragosto di Elide e Francesco, due veraci romani che agli amici hanno detto di essere andati ai Tropici mentre sotto sotto… 

ER COCOMMERO DE FERAGOSTO
(ovvero le vacanze a li tropici de Elide e Francesco)

Elide e Francesco drento casa se rinchiudeno
perchè de esse visti fora c’hanno sacro timore;
le serande abbassate, mica parleno, bisbijeno
e a piedi scarzi cammineno, pe’ nun fà rumore.

Co’ li vicini se sò vantati de trascore le vacanze
a li tropici, a godesse mare pulito e sabbia fina;
e invece sò baricati drento salotto e du’ stanze
e consumeno ore e pasti ner bujo de la cucina.

C’hanno ‘na terazza piena de piante e de flora,
pe’ la portiera, annaffia un di lui o de lei parente
e invece Francesco nottetempo striscia de fora
guasi che fosse ‘na razza nostrana de serpente.

“Moje mia, voi vede lo sceneggiato cor capitano
o preferisci la partita der fillandese campionato?”:
affisseno la tivvù silenziosa tenennose pe’ mano
mentre er corridojo odora de fresco e de bucato.

“Marito mio” – se lagna lei – “nun è feragosto vero
senza cocommero, la più succosa de le certezze!
Er chiosco è operto, sorti e portamene uno intero,
sinnò pe’ un ber pezzo te scordi amore e carezze”.

Accosì, er sor Francesco, barba e baffoni posticci,
sorte lesto de casa, ben camuffato da straccione;
ar venditore marocchino molla un fracco de spicci
e al ritorno incrocia solo er dirimpettaro ‘mbriacone.

Ritornato da Elide, co’ parole acconce la rassicura:
“nun m’ha riconosciuto, Coso beve a più non posso”.
Propio in quer mentre un urlo concrude l’avventura:
“ah vacanzieri de noantri, forza, tajate che è rosso!”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome