Home AMBIENTE Roma – continua a salire il livello del Tevere

Roma – continua a salire il livello del Tevere

Gli aggiornamenti e la diretta della Piena del Tevere a Ponte Milvio di Gennaio 2010 sono qui.

Il livello del Tevere a Roma continua a salire, lo si vede quasi ad occhio nudo a Ponte Milvio mentre all’idrometro di Ripetta la piena ha raggiunto gli 11 metri ed è previsto un aumento dovuto alle abbondanti precipitazioni in atto nella regione. Le previsioni meteorologiche annunciano infatti ancora piogge e preoccupa anche la situazione dei mari che, da mossi a molto agitati, incidono sulle foci dei fiumi. Oggi, secondo i dati dell’osservatorio meteorologico del Collegio Romano, è stata la giornata più piovosa a Roma rispetto agli ultimi giorni ma la situazione inizia a farsi preoccupante e l’allerta resta alta per le prossime 24-72 quando la piena del Tevere potrebbe raggiungere il picco di 13 metri e mezzo, lo stesso di dicembre 2008.

La Protezione Civile Regionale del Lazio ha messo in allerta tutti i Comuni e le associazioni di volontari del bacino del Tevere e dell’Aniene in quanto le copiose piogge precipitate in Umbria hanno ingrossato l’affluente Paglia e la diga di Corbara.”Tutti i mezzi sono mobilitati per il monitoraggio del territorio e per far fronte alle eventuali esigenze che si presenteranno” si legge in una nota.

Nel frattempo gli uomini della Protezione Civile hanno rinforzato gli ormeggi dei 57 galleggianti presenti sul tratto urbano del Tevere legando i barconi con delle funi ai muraglioni. La protezione civile del Comune di Roma ha messo a disposizione della Polizia fluviale due gommoni per le attività di controllo.
Per ora nessun pericolo per l’isola Tiberina dove una squadra di volontari della Protezione Civile sta monitorando di ora in ora la situazione sull’isola. «Se l’acqua sale di un metro allora ci saranno problemi. Per ora la discesa dell’isola non è stata ancora completamente sommersa – ha detto uno dei volontari – noi siamo comunque in codice rosso».

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome