Home ARTE E CULTURA La settimana del 16 novembre in romanesco

La settimana del 16 novembre in romanesco

vernacolo di vignaclarablog.itAnche oggi, alle 12 in punto come il cannone del Gianicolo, Giovanni Berti torna a tuonare con i temi caldi della settimana appena trascorsa riassunti in versi romaneschi. Un appuntamento un po’ per sorridere ed un po’ per ricordare quali sono stati  gli argomenti più  salienti degli ultimi sette giorni. E’ Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it.

 Finarmente su ‘a Cassia bbis è terminato ‘o smaneggio.
Ner mentre che pe’ quella antica se moveno li cittadini,
a La Storta resteno li ziggilli ar novissimo parcheggio
e quarcuno sorveja quello che assuccede in via Jacini.

Se fà ‘mbrojata ‘a situazzione der consijere assente,
cottuttociò er punto è puranche quello de trovallo!
Perdeppiù pare esse materia der silurato presidente:
verrebbe propio a cecio che se squajasse ssenza fallo.

Ahò, s’è svortata paggina: semo passati ar diggitale!
Stamosene boni e nun se famo spiggionate illusioni.
Certo, ce viè drento ‘a saccoccia quarc’artro canale
ma sempre Marzullo ariscappa fora da le televisioni.

Quarchiduno s’è penzato adatto a dispenzà saviezza
e dinnanzi l’imbasciata accroccheno er tappeto rosso.
Ciumachelle nostre, ce pija un momento d’amarezza
vedè che pe’ ‘na limosina v’affollate a più non posso.

“E’ ‘na groviera er recinto de la riserva de l’Insugherata”,
predica Robbin Hood ,comitato battajero e puro attento.
‘e machine sgommeno e pe’ le famije chiudeno l’entrata,
mentre socchì arimucina er modo pe’ costruicce drento.

Quale dorce maravija esse er solo e premiato concorente:
pe’ ‘na gara nun serve esse armeno ‘n due, pori noi illusi!
A via der Podismo baccajeno contro er padrone prepotente
li bracchi e li bassotti, mentre li gatti spiffereno li soprusi.

Su l’asfarto de Via Cassia resta in agguato er serpentone,
schefo rigalo de l’azzienna italica che provede ar metano.
Ortre a le machine, stamo attenti ar travajo assai pecione:
propio scicche nun è lassà le bucie e imbertasse er grano.

Nun esiste gnente de mejo e più vero de l’amore famijare:
avè ‘na madre piena de premure o ‘n fratello assai solidale.
Er bene de un nipote fin drento i cassetti ariva a rovistare
ner mentre che ‘a zia se cura drento ‘na stanzia de spedale.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome