Home AMBIENTE Campidoglio – Alemanno: stop a lavavetri, parcheggiatori abusivi e writers

Campidoglio – Alemanno: stop a lavavetri, parcheggiatori abusivi e writers

alemanno.jpgGiro di vite sulla sicurezza e sul decoro urbano. Sono questi i temi salienti trattati dal sindaco di Roma Gianni Alemanno nel corso di un incontro tenutosi a Cortina d’Ampezzo il giorno di ferragosto. Stop ai parcheggiatori abusivi, stop ai writers che deturpano i monumenti (che il sindaco sia reduce da un tour notturno a Ponte Milvio? Senza ironia alcuna, ma da anni vignaclarablog.it denuncia questi due situazioni). Ma stop anche ai lavavetri ed all’accattonaggio minorile, come recentemente richiestogli da Fabrizio Santori e Ludovico Todini con una mozione presentata in consiglio comunale.

 Ma non basta, saranno istituiti gli “osservatori volontari” che girando per la città segnaleranno problemi legati alla sicurezza e, se necessario, le “scorte” per i turisti che li accompagneranno dall’aeroporto all’albergo per metterli sull’avviso ed istruirli su come evitare le truffe.

 Insomma, un agguerrito piano per sconfiggere le piaghe che segnano l’epidermide di Roma. Un piano che ci auguriamo possa sfociare in concreti provvedimenti e non restare la solita dichiarazione di una notte di mezza estate.
Perché ci corre l’obbligo di ricordare che esattamente un anno fa il Sindaco di Roma ebbe a dichiarare “La tolleranza zero sulle regole sarà la stella polare di questa amministrazione. Quello della tolleranza zero è un principio che può creare dei problemi ma Roma deve indubbiamente diventare la capitale italiana delle regole. Sull’eccesso di graffiti e su come punire gli autori abbiamo allo studio, con il Ministro degli Interni Maroni, un pacchetto di misure alternative, ad esempio chi verrà preso a sporcare i muri dovrà non solo cancellare la sua scritta ma anche altri dieci “.
Riportammo questa dichiarazione nel nostro articolo del 20 agosto 2008, ma, se prendiamo ad esempio Ponte Milvio, da allora ad oggi nulla è stato fatto clicca per ingrandireperché scritta dopo scritta, cuore dopo cuore, imbecillità dopo imbecillità i parapetti di Ponte Milvio sono ancora oggi ogni giorno oscenamente imbrattati e scalfiti dai moderni cantori dell’amore graffiato che sciamano come cavallette col pennarello nero nella tasca dei jeans o con due euro già pronti per acquistarne uno dagli ambulanti abusivi che stazionano sul ponte. Lo denunciammo per l’ennesima volta nell’articolo succitato che, a distanza di un anno, mantiene ancora tutta la sua attualità.
Ma nonostante ciò il sindaco Alemanno, alla richiesta di dare un voto all’operato della sua amministrazione dopo un anno di lavoro, si è ritenuto moderatamente soddisfatto: “Mi do 6 e mezzo, tutto è migliorabile” ha infatti dichiarato. Confidiamo tutti sulla sua voglia di miglioramento.  (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome