Home ATTUALITÀ Stadio Olimpico: vendo bandiere, che male faccio?

Stadio Olimpico: vendo bandiere, che male faccio?

bandiere.jpgUn’insolita dimostrazione si è svolta questa mattina nella sede del XX Municipio. Alcune persone, in rappresentanza degli operatori commerciali che ad ogni evento all’Olimpico aprono i loro banchi di sciarpe e bandiere, hanno steso uno striscione e poi sono rumorosamente intervenuti in aula durante la seduta di Consiglio in corso già da oltre 90 minuti.

 Lamentavano una regolarizzazione attesa da decenni le circa dieci persone che stamani, nella nuova sede del XX Municipio in via Flaminia 872, sono venute a perorare la causa dei 7 operatori ambulanti, 18 famiglie ed un indotto di circa 50 lavoratori – così ci hanno detto – che pur chiedendo da anni una ufficializzazione del loro lavoro, in termini di corretta localizzazione dei banchi e di occupazione di suolo pubblico, vedono disattese le loro aspettative in virtù di un mix di decreti ed ordinanze.

Ed è proprio in virtù di un’ordinanza dello scorso anno – ci hanno raccontato – che si è acuita l’attività di repressione da parte della Polizia Municipale che ad ogni apertura di banco con mostra di bandiere e sciarpe dai toni e colori sportivi interviene comminando pesanti multe, dai 5 ai 10mila euro. C’è chi ha già accumulato sanzioni per 50mila euro e chi, caso limite, per 100mila euro. C’è chi mantiene famiglia con questo lavoro, “pur laureata e pur avendo fatto decine di concorsi è vendendo bandiere che sbarco il lunario” ci ha detto una giovane signora, “che male faccio?”

[GALLERY=467]

Il problema sembrava in dirittura d’arrivo. Lo scorso 19 Giugno il Comune di Roma aveva dato mandato al XX Municipio di individuare le aree dove collocare i banchi e di indire una gara per l’aggiudicazione delle stesse. Pareva fatta, i sette ambulanti che da anni già operano nei dintorni dello Stadio Olimpico erano pronti, carte alla mano, per fare domanda. Ma dal 19 Giugno ad oggi non è successo nulla. Il bando di gara non è stato emesso ed il 23 Agosto riparte il campionato di calcio. E ricominceranno a fioccare le multe.

Ed è così che dopo aver esposto il loro striscione i rappresentanti dei 7 ambulanti hanno chiesto ed ottenuto la parola durante la seduta in aula. Lo hanno fatto in modo un po’ concitato ma comprensibile, poco avvezzi come sono alle ferree regole che prevedono l’intervento dei cittadini solo ad inizio seduta.

[GALLERY=468]

Ne è nato un vivace dibattito, dai toni anche accesi, che ha finito per coinvolgere i consiglieri, il direttore del Municipio, d.ssa Claudia Menichelli – che ha spiegato tempi e modi dell’iter burocratico della gara – e lo stesso presidente Giacomini che, più volte interrotto dal rumoreggiare dell’aula, ha infine dato una mano ed una rassicurazione ai dimostranti. “In attesa che le pratiche seguano la loro strada” ha infatti dichiarato “sono pronto a risolvere il problema firmando una delibera di giunta a carattere provvisorio che consenta agli operatori di lavorare in tranquillità. Se serve che la delibera passi anche per il Consiglio, sono pronto a farlo convocare per la prossima settimana”.
Sventolio di bandiere, questa volta per esultanza.  (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome