Home ATTUALITÀ Roma, multe pazze: arriva il mini-condono

Roma, multe pazze: arriva il mini-condono

multepazze.jpgMaurizio Leo, deputato e neo assessore al bilancio del Comune di Roma, ha mantenuto la promessa. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno infatti accettato un suo emendamento al decreto anti-crisi che oggi approda  nell’aula di Montecitorio per l’esame ed il voto. L’emendamento consiste in un mini-condono che sanerà le multe emesse fino al 2004 e con gli importi iscritti a ruolo o per i quali sia stata emessa ingiunzione di pagamento.

I cittadini coinvolti potranno dunque estinguere il loro debito pagando un importo pari al minimo della sanzione pecuniaria prevista per ogni singola norma violata aumentato del 4% che corrisponde all’aggio dovuto all’agente della riscossione. Gli stessi agenti della riscossione o gli uffici comunali competenti dovranno informare i debitori della possibilita’ di avvalersi della sanatoria.

Questa norma, dopo il varo del decreto anti-crisi da Camera e Senato, si applicherà  ovviamente a livello nazionale ma per quanto riguarda la capitale saranno tra i 400 ed i 600mila gli automobilisti a beneficiarne. “I romani possono andare in vacanza tranquilli – ha dichiarato soddisfatto Maurizio Leo – se c’è stata prescrizione ovviamente non dovranno pagare nulla, mentre se non c’è stata al loro ritorno pagheranno soltanto la sanzione base come se la stessero onorando entro i 60 giorni”.

La norma prevede anche che la stessa possa essere ampliata sulla base di singoli provvedimenti presi da ciascun Comune. In tal senso il Campidolglio aveva già annunciato che le multe relative all’anno 2005 potranno essere rateizzate fino a 30 rate mentre per quelle dell’anno 2006 e successivi il Campidoglio invierà ai cittadini un avviso bonario preventivo prima dell’emissione della cartella esattoriale affinchè possano far sentire le loro ragioni in caso di sanzione contestabile.

“Ringrazio l’assessore Leo per essere riuscito a far approvare questo emendamento, grazie al suo impegno parlamentare – ha detto il sindaco Gianni Alemanno – Un emendamento che apre una via d’uscita all’annosa questione delle multe pazze e dei pagamenti arretrati o mancati che non derivano dall’inadempienza dei nostri concittadini ma da quella dell’amministrazione”.
Una macchina amministrativa, almeno sotto questo aspetto, nel tempo inefficiente e lenta, lo aveva rimarcato anche lo stesso assessore Leo fin dai primi giorni del suo insediamento quando aveva dichiarato che a Roma la situazione delle multe insolute, le cosiddette multe pazze, è una vera emergenza “derivante da antiche responsabilita’ dell’amministrazione e di altri soggetti come l’ufficio del Giudice di pace e la Gerit, societa’ pubblica di riscossione“. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

10 COMMENTI

  1. ho ricevuto il 30 maggio la notifica di una “multa pazza” (tanto pazza che non mi è mai stato contestato il verbale … andrei a pagare non so nemmeno che cosa !!!! )
    naturalmente il 30 lug mi scadono i 60 giorni per pagare … ma ora si da notizia del condono !

    Ma a distanza di poco piu’ di una settimana … cosa devo fare, pagare o non pagare ?

    E’ operativo o no il “condono”?

    voi che ne pensate ???

  2. ringrazio quel parlamentare che ha fatto aprovare il condono grazie di cuore mi havevano pignorato lo stipendio adesso potro pagare il giusto mi sono venute multe dal 1991 cerono molti interesi finalmenteadesso potro pagare il giusto la agenzia EQUITALIA credeva prendere i soldi dal mio stipendio per creare il suo stipendio grazie di cuore

  3. La gerit mi ha mandato una multa di 270 euro per una multa del 2004.Io non trovo il verbale in casa e non ricordo di averlo mai ricevuto.Ho trovato ricevute di multe pagate nello stesso periodo nel posto dove abitualmente le ripongo,ma questa non c’è.Domanda:è possibile che non me l’abbiano per niente notificata?

  4. E’ possibile. Per la legge speciale sul condono dovrai pagare soltento il minimo edittale della sanzione amministrativa pecuniaria irrogata dall’Ente Pubblico.
    Quindi, la Gerit S.p.A. si dovrà rassegnare.

  5. Ho pagato con spese multe ante 2004, comunque sono contento che in un periodo di crisi e di emergenza del condono fatto.Vorrei anche che il Governo procedesse ad annullare le supermulte fatte con autovelox taroccati senza andare da Giudice di Pace per avere giustizia,tanto più che i Giudici di pace non notificano udienze fuori del circondario, e pertanto ci vuole un avvocato che segua la causa.Ho appreso che a Bologna e Milano non sono contenti, a quei signori vorrei dire che c’è gente che prende 1000/1200 € al mese……….Loro con il loro stipendio forse questi problemi non li sentono. Di qualsiasi partito essi siano non votateli più.

  6. MI è ARRIVATA UNA MULTA DI QUASI 400 EURO DA EQUITALIA PER UNA MULTA DEL 2006 PRESA A ROMA .PREMETTO CHE A ROMA NON VADO DA QUASI 30 ANNI E SOLO IN TRENO ,IN AUTO NON CI SAPREI NEMMENO ANDARE.ORA NON SO COME FARE PERCHE PER IL RICORSO è TARDI E QUEI MALEDETTI USURAI DI EQUITALIA VOGLIONO QUEI SOLDI PER UNA MULTA CHE ALL EPOCA ERA DI 68 EURO/SE ALMENO L AVESSI SAPUTO PRIMA AVREI PAGATO 68 EURO ANCHE SE NON L HO MAI PRESA QUESTA MALEDETTA MULTA.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome