Home ATTUALITÀ Ponte Milvio – da venerdi’ 26 la nuova viabilita’. Tutti i dettagli

Ponte Milvio – da venerdi’ 26 la nuova viabilita’. Tutti i dettagli

vigili.jpgCi siamo, fra due giorni scatta il provvedimento tanto atteso. Un provvedimento pero’ temporaneo “emesso direttamente dalla comandante del XX Gruppo, d.ssa  Rosa Mileto, che entrerà in vigore venerdì 26 giugno e durerà sino alla fine del mese. Tale esperimento, che cambia l’attuale viabilita’, e’ mirato a trovare una possibile e piu’ idonea soluzione per limitare i disagi ai residenti nella zona di Ponte Milvio” Questo e’ quanto comunica una nota odierna della Polizia Municipale. Vediamo i dettagli.

Il Comando del XX Gruppo di Polizia Municipale ha reso noto il piano di limitazione del traffico che sarà adottato da venerdi’ 26 Giugno, nella fascia oraria 21.00-02.30, con l’obiettivo di contrastare il caos notturno della movida. Il tutto a seguito del recente annuncio del Presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, in merito alla pedonalizzazione della zona di Ponte Milvio. Il piano prevede comunque dei percorsi alternativi sulla base dei quali, almeno sulla carta, il disagio derivante dalle limitazioni dovrebbe essere ridotto al minimo.

Potranno passare residenti, mezzi dell’Atac e dell’AMA, taxi e mezzi di soccorso. Lo stop alla circolazione per tutti gli altri sarà invece applicato nell’area che comprende il lato destro di Piazza Ponte Milvio (direzione via Cassia Antica), via Flaminia Vecchia (nel tratto compreso tra la Piazza e via Riano), via Bolsena e la corsia interna di viale Tor di Quinto (dal civico 35 fino alla Piazza). Il lato sinistro della Piazza, in direzione Largo Maresciallo Diaz resterà invece aperto.

I varchi. A disciplinare la nuova viabilità saranno gli Agenti del XX Gruppo di Polizia Municipale. Al presidio fisso che già opera abitualmente sulla Piazza saranno affiancati altri 20 Vigili per ogni giornata di chiusura ed avranno il compito di presidiare i varchi che verranno creati all’intersezione di Via Cassia con Via Bolsena; sulla corsia interna di Viale Tor di Quinto altezza civico 35 per chi proviene da via Riano, all’imbocco della corsia per l’inversione di marcia posta sulla Piazza nonché all’altezza di Via Prati della Farnesina per chi proviene da via degli Orti della Farnesina.

La segnaletica. Fin da venerdì mattina saranno esposti dei cartelli per informare i residenti e chi abitualmente transita sulla Piazza perché è importante ricordare che la chiusura realizzata all’incrocio tra Lungotevere Maresciallo Diaz e la Piazza di Ponte Milvio, proprio di fronte alla Torretta Valadier, consentirà solo l’accesso dei mezzi Atac e di soccorso.

I percorsi alternativi. Sono stati individuati percorsi alternativi per permettere ai residenti l’accesso alla zona chiusa.

Per chi proviene dallo Stadio Olimpico questo è il percorso consigliato: viale Antonino di San Giuliano / via del Foro Italico / Corso di Francia / via Flaminia / via Riano / viale di Tor di Quinto carreggiata laterale; oppure viale Antonino di San Giuliano / via dei Colli della Farnesina / via della Camilluccia / Piazza dei Giuochi Delfici / via Nemea / via Orti della Farnesina / Piazzale di Ponte Milvio (varco fronte via Prati della Farnesina) oppure via Cassia / via Bolsena.

 Per i veicoli provenienti dal Gra si consiglia: Corso di Francia / via Flaminia / via Riano /viale di Tor di Quinto (carreggiata laterale); oppure Corso di Francia / via di Vigna Stelluti / Piazza dei Giuochi Delfici / via Nemea / via degli Orti della Farnesina / Piazzale di Ponte Milvio (varco fronte Via Prati della Farnesina) oppure Via Cassia / via Bolsena.

 Per i veicoli dei non residenti diretti nella zona Farnesina, sono stati individuati i seguenti percorsi alternativi: provenienti dallo Stadio Olimpico: viale Antonino di San Giuliano / Via dei Colli della Farnesina / via della Camilluccia / Piazza dei Giuochi Delfici / Via Nemea / via degli Orti della Farnesina. Per i veicoli provenienti dal GRA: Corso di Francia / via di Vigna Stelluti / Piazza dei Giuochi Delfici/ via Nemea / via degli Orti della Farnesina.

 Sabato mattina il primo bilancio. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

15 COMMENTI

  1. Chissà quando Giacomini si occuperà della riapertura di via cassia antica, suo “antico” cavallo di battaglia in campagna elettorale e ben presto caduto nel dimenticatoio (assieme a Via Mastrigli) malgrado i numerosi solleciti.

  2. caro simone non ti smentisci mai… appena uno prende una decisione tu non perdi l’occasione per dire quello che manca da fare… diamo il merito al presidente di aver preso una decisione (di cui non sono ancora pienamente convinto) dopo che per anni comune e municipio non si erano mossi.
    bravo presidente

  3. Non penso di conoscerla Gianni, ma mi compiaccio nel vedere che lei mi segue con costanza ed interesse.

    Nel caso fosse distratto le ricordo pero’ che nel programma del Presidente Giacomini, tra i punti piu’ importanti, c’erano 1.la riapertura di via Cassia antica, 2.la questione residence Mastrigli e 3.l’attuazione della trasparenza negli atti del municipio.

    Liberandosi delle faziosità che ogni tanto affiora in alcuni interventi, occorre essere onesti ed ammettere che finora Giacomini ha completamente disatteso tutti e tre i punti, ignorando la petizione per la riapertura di via cassia antica, disattendendo (al limite dell’indifferenza) le numerose richieste del comitato villaggio dei cronisti e liquidando l’importante tema della trasparenza come inattuabile per mancanza di fondi e risorse (….).

    Cambiali in bianco di un lustro non si firmano piu’ ed è un dovere civico, a cui non voglio sottrarmi, monitorare cio’ che è stato promesso e cio’ che è stato mantenuto da questa giunta.
    Per adesso il risultato è francamente deludente.

    Continui a seguirmi !

  4. Sì, benissimo…. ma tutto quello che dice Simone cosa c’entra con l’isola pedonale???
    E poi sarà pure una decisione importante quella di Giacomini (gliene diamo pure atto), ma vi sembra una bella decisione?
    Un’isola pedonale a metà….
    Andrò sicuramente a Ponte Milvio, mi arrabbierò non trovando pacheggio (e peggio del solito) e poi voglio vedere i risultati….. Sono molto scettico, molto…

  5. Che tu possa arrabbiarti non lo metto in dubbio.
    Che la tua arrabbiatura lasci tutti indifferenti è fuor di dubbio.
    La presunzione di dover trovare posto a Ponte Milvio è incredibile.
    Ti sei mai accorto di possedere un paio di gambe ?
    E che queste servano a camminare lo sapevi ?
    W Giacomini, ma solo per l’isola pedonale.
    W Simone per quel che dice su Mastrigli e tutto il resto.

  6. Eretico, ma tu pensi davvero che io cerchi posto A Ponte Milvio? O forse cerco posto per ANDARA a Ponte Milvio?
    Sai quante camminate mi sono fatto?
    Solo che ora la camminata diventerà una maratona immagino… e pe i residenti non cambierà NULLA.

  7. Io abito a via della farnesina, davanti alla piazza… il parcheggio e’ impossibile.
    In relazione alle promesse elettorali, come al solito i politici non si semtiscono mai, sempre pronti a promettere e poi tutto cade nel dimenticatoio

  8. Trovo assolutamente scandaloso che i consiglieri del Municipio debbano venire a sapere del progetto dell’isola pedonale a Ponte Mlvio tramite i mezzi di comunicazione.
    Non è bastato che l’idea sia stata lanciata tramite i media senza che il Consiglio del
    Municipio ne sapesse niente, ma adesso il piano continua ad essere negato alle commissioni e nonostante tutto i mezzi di comunicazione continuano a ricevere informazioni su quello che sarà il futuro del Piazzale…tutto ciò e inamissibile.
    Alessandro Cozza
    Francesco Scoppola
    Cons. Pd

  9. Come se fosse normale camminare di notte per Roma in stradine poco luminose… sapete, se fossi un padre e sapessi che mia figlia gira da sola per quelle stradine… felice proprio non lo sarei.
    Giacomini su questo deve lavorare, se nelle sue intenzioni c’è l’idea di mantenere “Ponte” come l’unico centro di movida di Roma nord.

    Comunque, diciamocela tutta: in questa maniera si spera far diventare Ponte Milvio una piazza silenziosa? (la mia mente va verso la movida di Trastevere, Testaccio o Centro Storico…)
    Ho i miei dubbi su questa trovata, ma comunque vediamo gli esiti e soprattutto speriamo che gli abitanti ottengano una condizione più vivibile (me lo auguro col cuore).

    Saluti a tutti,
    Mattia

    p.s.
    ringrazio il blog per aver pubblicato le strade alternative da percorrere.

  10. C’è un punto che vorrei capire meglio. Non conoscendo proecedure e competenze chiedo l’aiuto e la consulenza di qualche lettore esperto. Come i consiglieri dle Pd Cozza e Scoppola, ad esempio, che sopra hanno scritto insieme un commento.

    A quanto pare l’oridanza sull’isola peodnale a Ponte Milvio è del capo della Polizia Municipale del XX gruppo, Rosa Mileto. Non del Presidente dle Municipio Gianni Giacomini.

    Mi spiego. O meglio, chiedo spiegazioni.

    Il comadante di un gruppo dei vigili può emettere l’ordinanza senza un documento del XX Muncipio o del Comune che l’autorizzi il provvedimento?Mi sembra di ricordare che quando i vigili chiusero la pista ciclabile il municipio voleva riaprila e, nonostante le protesta, nulla potè. Insomma, sembrebbe che,se si può istitutire un parallelo tra le due vicende,la Polizia Municipale può agire in autonomia. Cosa che sembra aver fatto ora nel caso dell’isola pedonale. Però è un mio ragionamento persoanle per il quale chiedo, appunto, conferma o smentita.

    Se invece l’ordianza parte da atti, decisioni ufficiali del Comune e o dal Muncipio (chi dei due?), allora è ai vigili che spetta il compito di emettere l’ordinanza? Strano però in questo caso che manchino interventi e comunicati ufficali proprio di chi ha preso la decisone, cioè appunto Comune o Municipio, o Sindaco/assessore e Presidente del XX. Soprattutto dopo gli interventi di Giacomini sulla stampa.

    Infine, se la decisine è “libera inizativa personale” del Presdiente Giacomini, è corretto che il comandante dei vigili del XX Muncipio ne dia immediata esecuzione senza “le cosiddette carte? In tal caso è come dire o che i vigili obbediscon odirettamente al Presidente di un municipio, quindi che dare rodini al camandante dei vigili è tra le competenze del rpesidente di municipio, o che in XX c’è una sorta di regime dittatoriale armato del presidente di municipio e delle sue truppe (capogruppo e tutto il gruppo dei vigili, dato che nessuno di questi ha finora protestato, neanche i vari sidnacati di categoria).

    Confidando nei chairimenti e nelle spiegazioni di lettori o consiglieri esperti, vi saluto.

    Angela

  11. Meglio tardi che mai: pensavo lasciassero scoppiare la piazza come per Campo de Fiori (senza controlli per troppi anni ed ora con l’antisommossa).
    Mi sembra positiva l’idea di limitare quanto possibile il traffico nella piazza.
    Frequento i chioschi fino a tarda sera e sinceramente le macchine in terza o quarta fila (con relativi proprietari incuranti…) o i SUV sul marciapiede centrale era una bella vergona.
    Speriamo i vigili riescano a gestire la situazione in maniera adeguata.

  12. fino ad ora io ho visto interventi dell’amm.ne mirati ad agevolare i gestori dei locali (faccio un esempio su tutti: l’autobus a due piani che stazionava in via flaminia per permettere ad un localino di avere più coperti)
    sono curioso di vedere cosa non si inventeranno i “padroni” di Via Flaminia con l’isola pedonale: tavoli in mezzi alla strada?
    non fraintendetemi: è un bene che si prendano iniziative per cercare di risolvere il chaos di Pte Milvio.Però sono pessimista: conosco i personaggi che gestiscono i locali e riusciranno in qualche modo a rigirare questa iniziativa a loro vantaggio.La logica che li muove è quella del profitto; non capiscono che si devono integrare al più presto nel contesto urbano in cui vivono : ossia oltre a spremere la zona per fare soldi si facciano carico dei disagi che creano utilizzando un pò di quel profitto per non far degenerare la piazza (e nel lungo periodo questo gli garantirebbe la sopravvivenza).

  13. Prevedo una bolgia dantesca. Non è così che si risolve il problema di una piazza strangolata dal traffico tutti i giorni (e non solo dal venerdi alla domenica dopo le 21).
    I vigili urbani non ci sono, o, se ci sono, presidiano ma agiscono molto poco contro la sosta selvaggia (e selvaggia è dire poco, quando davanti a Gianfornaio la doppia o tripla fila avviene a spina di pesce con i vigili presenti).
    Inoltre riguardo al percorso alternativo che comprende Via del Foro Italico, Corso francia e Via Flaminia, come si fa a scendere dall’Olimpica a Corso Francia in direzione Flaminia/Ponte Milvio?

  14. Cerchiamo di ragionare con la nostra testa.

    Partiamo da una considerazione ovvia:

    *Le sole pedonali sono fatte per i pedoni.*

    I pedoni, nelle ore notturne, sono i clienti dei vari locali di Ponte Milvio, i quali potranno godersi con ancora maggiore piacere e soddisfazione le calde estati romane, tornando volentieri sempre più numerosi nel nostro bel Ponte Milvio.

    L’idea che i nottambuli possano diminuire per la difficoltà di trovare parcheggio si scontra con altre 2 ovvie considerazioni:

    1) vista l’età media credo che una percentuale importante dei nottambuli vengano in motorino

    2) nell’area pedonale c’è al massimo un centinaio di posti macchina. Nei dintorni invece ci sono decine di migliaia di parcheggi, più o meno legali, sufficienti per accogliere i sessantamila tifosi dell’Olimpico.

    Vediamo cosa succederà ai residenti:

    1) i blocchi creeranno traffico terrificante all’ingresso della zona pedonale.

    2) i residenti dovranno perdere tempo a spiegare ai vigili di essere residenti e soprattutto ad aspettare che gli altri residenti abbiano finito di parlamentare a loro volta

    3) non potranno invitare ospiti a cena

    4) dovranno subire ancora più rumore

    5) se saranno in grado di far sbollire la rabbia potranno uscire di casa,e prendersi una birretta fresca, trasformandosi essi stessi in pedoni notturni e godendo in pieno dei vantaggi dell’isola pedonale notturna.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome