Home ARTE E CULTURA Teatro Cassia, Casa Bracci siamo noi

Teatro Cassia, Casa Bracci siamo noi

teatro-cassia.jpgIl 16 Maggio alle 21 ed il 17 alle 17,30 al Teatro Cassia si aprono per noi le porte di Casa Bracci.  “Devo chiedere agli attori di non ridere tra loro durante le scene della commedia, talmente e’ divertente. Questo e’ il segreto di Casa Bracci” ci confida Ennio Coltorti, regista, mentre ci illustra i passaggi salienti della commedia scritta da Sandra Conti.

La famiglia Bracci e’ composta da due genitori ex sessantottini Toni e Rosy “nome che evoca una spensieratezza di altri tempi” e Luigia “ricerca di originalita’ a tutti i costi voluta dai genitori”, la loro unica figlia, per riflesso conformista ed intransigente. Mentre si ritrovano a fare un bilancio del loro matrimonio, Luigia ha un “appuntamento al buio” con un uomo che diventera’ suo marito, figlio di genitori separati “un altro tipo di famiglia-tipo italiana, disgregata. I due ragazzi sono disadattati ed in difficolta’ impauriti dalla vita”.

Da questa atmosfera tesa che si respira dentro Casa Bracci, Sandra Conti, l’autrice, tira fuori un canovaccio divertente con battute esilaranti che traggono lo spunto per riflessioni sulla nostra societa’. “Non una vera trama, ma una specie di tranche de vie di una famiglia medio-borghese italiana, la cui caratteristica e’ che i genitori ex sessantottini, forse non si sono mai staccati da quell’epoca e quindi Luigia e’ paradossalmente piu’ matura di loro, i ruoli sono scambiati” prosegue Coltorti. Quindi il punto centrale e’ la diversita’ di caratteri genitori e figlia e del rapporto che di conseguenza si viene a creare tra loro. “E’ una piece che vuole raccontare gli anni ’70 e quelli attuali e le differenze tra le diverse generazioni con situazioni paradossali, divertente carrellata sui disagi del mondo di oggi.

Domandiamo a Coltorti quando e’ stata rappresentata la commedia la prima volta “Ha una vicenda curiosa: – ci risponde – per 21 anni ho fatto una rassegna casa-bracci.jpgdi autori italiani ed europei che ha lanciato grandi nomi come Virzi’ e Salemme ecc… Mi sono imbattuto in Sandra Conti che porto’ quello che ora e’ il primo atto di questa commedia: l’incontro al buio. Lo rappresentai al Teatro Quirino e vinse il primo premio. L’anno dopo lei porto’ un altro atto non legato al primo e rivinse. Le proposi di unire i due atti e di scrivere il seguito. Venne rappresentato a Stanze segrete Teatro salotto, ed ebbe successo. Ora dura un’ora ed un quarto e consta di 4 atti. Finora Casa Bracci ha avuto una quarantina di repliche tutte con successo”.

Gli interpreti sono Paolo Buglioni, speaker ufficiale della Rai, Anita Zagaria, attrice napoletana di fiction e di teatro, Sandra Conti, autrice della piece e Simone Crisari, doppiatore e attore. Anche Ennio Coltorti oltre ad essere regista ed attore e’ un famoso doppiatore di celebri voci come Gerard Depardieu, Ben Kinsley, Michael Caine.
«ho sempre cercato di lavorare a 360°, – conclude Coltorti – combattendo contro i luoghi comuni per imporre una figura come la mia che voleva fare cinema, teatro, doppiaggio. Il mio Maestro Orazio Costa mi disse quando gli confidai che venivo criticato perche’ facevo tante cose: “No, un artista deve fare tantissimo” Allora capii di essere sulla strada giusta».

Alessandra Stoppini

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome