Home AMBIENTE Punto Verde Qualita’Area: a Via della Mendola dialogo fra sordi

Punto Verde Qualita’Area: a Via della Mendola dialogo fra sordi

querciaContinuano a rimanere irrisolti i problemi del Punto Verde Qualita’ Area di via della Mendola, in zona via Cortina D’Ampezzo, e freddi i rapporti fra gli utenti e la societa’ concessionaria, un dialogo fra sordi. Pubblichiamo oggi una lettera aperta inviata da un cittadino a Fabio De Lillo, Assessore capitolino all’Ambiente. Una lettera che riassume l’esasperazione condivisa dai tanti residenti e frequentatori del PVQ. Questa stessa lettera e’ stata poi inoltrata da Giovanni Maria Tamponi, a nome della sezione Roma-Nord del Movimento di Difesa del Verde, a Gianni Giacomini, presidente del XX Municipio, che già lo scorso 30 Marzo gli aveva promesso un sollecito intervento sulla societa’ concessionaria del PVQ Area a seguito di quanto dallo stesso Tamponi denunciato a nome degli utenti.

Scrive dunque Francesco Cucinelli a Fabio De Lillo:
“Scusate l’irruenza ma penso  che la sfacciataggine del malcostume e dell’ arroganza che imperano indisturbati  in alcuni dei cosiddetti concessionari ha veramente qualcosa di ineguagliabile, cosi’ come impareggiabile e’ l’indifferenza del vostro ufficio preposto al controllo del rispetto della normativa inerente ai PVQ, punti verde qualita’. Cosa sono tali punti? Cito le vostre parole. 

“Punto Verde Qualità” è l’espressione scelta per indicare un innovativo programma di riqualificazione ambientale che l’Amministrazione Comunale ha intrapreso per recuperare alcune aree verdi abbandonate o in stato di degrado, interessate in molti casi da procedure di esproprio rimaste in sospeso.
Queste aree di proprietà comunale, attraverso bandi pubblici, sono state concesse in gestione a soggetti privati che le hanno trasformate in parchi curati e attreazzati. Al loro interno sono stati realizati servizi di interesse aggregativo, ricretivo e sportivo, accessibili in parte gratuitamente e in parte a pagamento.
La pvq4.jpgformula “dei Punti Verdi” è nata proprio per reperire le risorse necessarie alla creazione e alla custodia di nuove parchi pubblici: in cambio della manutenzione e del controllo delle aree da sistemare, i gestori ricevono infatti dalla Pubblica Amministrazione la possibilità di svolgere alcune attività commerciali. Per questo motivo, all’interno dei Punti Verde Qualità sono spesso presenti bar, campi sportivi, asili nido convenzionati con il Comune, ludoteche, palestre e piscine. Tali attività sono comunque sottoposte a vincoli di eco-compatibilità perchè non possono estendersi oltre un terzo della superficie totale di ciscuna area verde e perché prevedono l’utilizzo di foti rinnovabili. Resta invece libero e gratuito, l’accesso alle aree verdi, così come sono gratuiti e aperti a tutti i giochi per bambini, i bagni pubblici e le aree ludiche per i cani. I Punti Verdi Qualità, oltre a migliorare la qualità urbana del verde, soprattutto nelle zone decentrate della città, contribuiscono così a dare una risposta concreta al problema della carenza di fondi in bilancio da destinare alla manutenzione del verde pubblico urbano, trasforamando spazi inutilizzati in frequentatissimi poli di incontro e di svago per frequentatori di tutte le età” .

Come propaganda di un senso civile assolutamente larvato va benissimo, ma andiamo nel dettaglio. Il punto verde qualita’ in questione di via della Mendola (PVQ Area, ndr) tra vari concessionari  poi falliti  ed altri che addirittura hanno chiuso il parco per più di un anno, è approdato alla gestione della signora pvq3.jpgBarbara Mezzaroma, che tra un sorriso ed una promessina non solo ha fatto sì che le aree ricreative pubbliche siano state inglobate in maniera esclusiva all’interno di un circolo sportivo privato ma ha ridotto ulteriormente gli spazi comuni ormai prevalentemente occupati da parcheggi. Lo spazio che al concessionario non interessa a fini lucrativi  è stato completamente abbandonato quasi inagibile con fogne a cielo aperto che scorrono lungo i viali. Considerate che utilizzo anch’io gli spazi privati ma sono talmente disgustato da tutto ciò da pensare che è ora di farla finita. E’ quasi un anno che tutto il quartiere protesta, ma muro di gomma. Pensate che nulla si possa fare quando il cognome allude all’estensione? Bene! Chi è reticente è ugualmente responsabile.  Firmato Francesco Cucinelli”  (Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. L’annoso problema del degrado P.V.Q. AREA di via della Mendola antistante la mia abitazione credo che sia anche di pertinenza del XX municipio. L’ Assessore Molinari (vista la delega per i parchi) credo possa intervenire fattivamente per sanare il parco pubblico del punto verde che è ormai sotto gli occhi di tutti: erba incolta, fogne a cielo aperto, perdite d’acqua con grave danno ambientale, attrezzature ginniche che sporadicamente utilizzavo completamente impraticabili poichè ricoperte da rovi e quant’altro. Vogliamo una volta per tutte porre fine a questa vergognosa situazione. Ho avuto modo di contestare quanto esposto al Direttore del Circolo AREA ma è stato un dialogo tra sordi così come riportato sul vostro post.
    Distinti saluti
    Michelangelo

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome