Home AMBIENTE Stadio Olimpico – chi differenzia vince: parola di AMA

Stadio Olimpico – chi differenzia vince: parola di AMA

amaChi differenzia vince. E’ la parola d’ordine alla base del progetto di promozione della raccolta differenziata dei rifiuti all’interno dello stadio Olimpico che sara’ attuata dall’AMA in occasione di tre grandi eventi del calcio:  Lazio – Roma (11 aprile), la finale di Coppa Italia (13 maggio) e la finale di Champions League (27 maggio) per  enfatizzare il tema della differenziazione.

AMA comunica che calciatori, tifosi e forze dell’ordine avranno a disposizione 38 contenitori di colore marrone da 40 litri per il conferimento dei rifiuti organici: 35 saranno posizionati presso le attività di ristoro, 2 presso l’area catering e 1 presso il bar spogliatoi. Il materiale organico raccolto verrà prelevato il lunedì, all’indomani delle partite, per essere trasferito all’impianto di compostaggio AMA  di Maccarese che produce fertilizzante di qualità.

Fuori dallo stadio sara’ invece aumentato il numero dei cassonetti blu per la raccolta differenziata del multimateriale (contenitori in vetro, plastica, alluminio e altri metalli), e bianchi per la carta. “Un’iniziativa stupenda e un veicolo di promozione culturale per la nostra città che avviene in un momento storico in cui stiamo avviando una seria politica di raccolta differenziata”. Cosi’ ha definito il progetto Fabio De Lillo, assessore capitolino all’Ambiente. “Il calcio a Roma è un fatto sociale, questa iniziativa allo Stadio e’ molto importante perché contribuirà a promuovere la cultura del riciclo in tutti i cittadini”. (Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Sembra , dalle iniziative intraprese, che sia l’assessore De Lillo e sia il nuovo presidente dell’AMA continuino a seguire la strada tracciata da quei galantuomini di Manlio Cerroni e di suo genero Mario Di Carlo. Una modesta proposta per iniziare da subito a risolvere il problema dei rifiuti a Roma è indicata sul sito isdn.altervista.org

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome