Home AMBIENTE Farnesina – Via Ranuccio Farnese e’ un vergognoso colabrodo

Farnesina – Via Ranuccio Farnese e’ un vergognoso colabrodo

dscf0700.JPGDi via Ranuccio Farnese abbiamo già scritto circa un mese fa ma la situazione da allora ad oggi e’ talmente peggiorata che non possiamo esimerci dal farlo nuovamente. Pur riasfaltata a meta’ Gennaio, gia’ alla fine dello stesso mese nuove e vecchie buche (leggi qui)  cominciavano a riapparire mettendo a rischio la circolazione dei mezzi a due ruote. Ma la situazione che si presenta ai nostri occhi in questi giorni e’ veramente  scandalosa.

 [GALLERY=304]

Via Ranuccio Farnese e’ un vergognoso colabrodo. Queste immagini parlano da sole: buche di 20cm, dislivelli, tombini sopraelevati, asfalto sbriciolato, in soli 50 metri di strada un campionario di ostacoli da far gridare al miracolo se ancora non s’e’ verificato un grave incidente.

[GALLERY=305]

La nostra prima denuncia non ha sortito alcun effetto. Ci riusciremo con questa? Ma oltre a richiudere le buche oggi vorremmo anche che si dicesse quale ditta ha effettuato il primo intervento di Gennaio, quanto e’ costato, se e’ stato fatto e chi ha firmato il collaudo. E’ dovere dell’Amministrazione locale rendere conto ai cittadini di situazioni del genere. (Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. “Vada, vada…, non si preoccupi.”

    Queste le cortesi parole che i due agenti della Municipale hanno rivolto – mentre passavo accanto a loro – alla signora che stata lasciando la macchina in questo punto di piazza di Ponte Milvio alla congiunzione di via della Farnesina e di via Cassia – stamattina alle 11:15 circa.

    Visto che la signora che ha lasciato la macchina in divieto di sosta ed in intralcio della circolazione non si deve preoccupare, visto che i due agenti non erano affatto preoccupati, mi domando se siamo solo noi utenti della strada a doverci preoccupare del degrado e del caos nella circolazione a cui l’inerzia e l’incapacità delle Autorità preposte ci stanno accompagnando.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome