Home ATTUALITÀ XX Municipio – Gruppo Pd: La maggioranza di questo Municipio dice no...

XX Municipio – Gruppo Pd: La maggioranza di questo Municipio dice no all’ufficio anagrafico a Ponte Milvio

Comunicati Stampa“Questa mattina il consiglio del XX Municipio ha votato una risoluzione nella quale si chiede al Presidente la possibilità di istituire un ufficio anagrafico utile per chi vive nei quartieri Vignaclara, Fleming e Ponte Milvio – affermano in una nota i consiglieri PD Alessandro Cozza e Francesco Scoppola – tuttavia tale risoluzione non da nessuna indicazione specifica su dove situare il nuovo ufficio e rimarrà dunque – dichiara Scoppola – un semplice pezzo di carta buono solo per fare pubblicità politica senza andare effettivamente incontro ai disagi dei cittadini”.

“L’emendamento proposto dall’opposizione, che chiedeva di rendere efficace e di vero indirizzo politico la proposta, è stato bocciato nonostante la paradossale situazione in cui sia il Presidente che l’Assessore al commercio del Municipio lo condividessero”
“L’ emendamento – spiega Cozza – infatti chiedeva di valutare l’ipotesi di attrezzare come ufficio anagrafico, una volta acquisito e reso funzionante, il locale del Municipio presente al mercato di Ponte Milvio che è tutt’ora vuoto e non utilizzato”.

“Ci dispiace – chiude Scoppola – prendere atto di come questo Municipio abbia perso la possibilità di dare concretezza alla sua manovra politica che rischia di ridursi a semplici pezzi di carta buoni solo per fare volantinaggio”.

Visita la nostra pagina di Facebook

29 COMMENTI

  1. E intanto noi poveri cittadini e residenti di questa zona dobbiamo arrivare fino a Prima Porta per ottenere questi servizi.

    Pensate quanto tempo, traffico, inquinamento etct etc. si risparmierebbero. Mi piacerebbe proprio sapere perché non si farà.

  2. MA IL PD è IMPAZZITO ????

    POSSO TESTIMONIARE LA MIA PRESENZA TRA IL PUBBLICO IN AULA MENTRE SI VOTAVA TALE PROPOSTA FIRMATA SOLO DAL PDL , LA QUALE CHIEDEVA AL PRESIDENTE DEL MUNICIPIO DI ATTIVARSI PRESSO GLI UFFICI COMUNALI FACENDO RICHIESTA DI UN NUOVO ANAGRAFICO PER I CITTADINI DI PONTE MILVIO VIGNA CLARA , FLEMING E CASSIA CON RELATIVI DIPENDENTI.

    E UNA PROPOSTA PASSATA SOLO CON I VOTI DELLA PDL , MENTRE LA SINISTRA SI è ASTENUTA ( COME SE LA QUESTIONE NON LE RIGUARDASSE ) E LA DESTRA HA VOTATO CONTRO , DOPO CHE ENTRAMBE LE FORZE DI OPPOSIZIONE HANNO CERCATO CON SCARSI RIULTATI DI NON FAR PASSARE QUESTA BUONA PROPOSTA…….

    SE NON CI CREDETE PRENDETE IL VERBALE DELLA PROPSTA DI RISOLUZIONE VOTATA( E SCARICABILE DAL SITO DEL MUNICIPIO O RICHIEDENDOLA ALL’UFFICIO CONSIGLIO A VIA POMA ) E VI ACCORGERETE NELLO SPAZIO RISEVATO ALLA VOTAZIONE QUANTO DETTO SOPRA.

    SONO SENZA PAROLE

    PS : CHIEDO A CHI GESTISCE IL SITO DI PUBBLICARE IL VERBALE DI CONSIGLIO COME GIA FATTO IN PRECEDENZA CON ALTRE RISOLUZIONE. GRAZIE

  3. Scusi Carlo,
    ma nessuno ha mai detto che la proposta di risoluzione non sia stata votata, credo che l’inizio di questo articolo sia chiaro.
    Quello che forse a Lei è sfuggito in aula è come le forze di opposizione, Pd come firmatario e La Destra come sostenitrice, abbiano cercato di dare concretezza alla proposta della maggioranza inserendo al testo l’emendamento di cui si parla nel comunicato che è stato successivamente bocciato.
    L’astensione del Pd è dovuta proprio alla mancanza di concretezza della proposta.
    Alessandro Cozza
    Cons. PD

  4. Certo che se il XX municipio pubblicasse i verbali del consiglio come fanno gran parte degli altri municipi sarebbe un bell’atto di trasparenza più volte sollecitato dai cittadini.
    Sul sito del nostro municipio le risoluzioni sono ferme al 17 dicembre 2008, mentre di verbali del consiglio neanche l’ombra.

  5. Carlo, c’ero anche io in aula. Il problema è molto semplice: la maggioranza ha riconosciuto la necessità di aprire un ufficio anagrafico per queste zone molto lontane dall’ufficio di Prima Porta ma contemporaneamente ha bocciato la proposta dell’opposizione che individuava molto giustamente dove aprire il nuovo ufficio, e cioè quel locale al piano terra del mercato di ponte milvio, abbandonato dal giorno dell’apertura, anche se sulle vetrine c’è scritto “ufficio del xx municipio”. E perchè la maggioranza non vuole che si parli di questo locale ? Ordini dal Campidoglio….
    Invito un qualsiasi esponente della maggioranza a scrivere su questo blog la reale motivazione, se ce ne fosse una diversa. Grazie e saluti.
    Caterina

  6. Cara Caterina ,

    allora le rigiro la domanda , per quale motivo la sinistra vuole tanto al mercato di ponte milvio ? perche è una zona con molti parcheggi o perche è amica del parcheggiatore sotto il mercato ? o ancor meglio di chi ha costruito il mercato e quindi propietario dello spazio libero?

    Mi scusi caterina lei è una cittadina e si presume che paga le tasse come il sottoscritto , per quale motivo il comune deve spendere nuovi soldi (come sostiene la sinistra ) ? anzichè verificare prima l’esistenza di locali di propria proprietà ( come sostiene l pdl) ?

    comunque le parole stanno a zero ………l’astensione della sinistra su questo voto è a dir poco vergognosa……mentre noi aspetteremo che si realizzi la giusta proposta del pdl

  7. Accolgo con favore la richiesta di chi invoca la pubblicazione integrale del verbale della seduta in questione.
    Solo in quel momento sarà chiaro a tutti la genesi dell’ennesimo spot elettorale di questa maggioranza.
    Come rappresentato giustamente dal cons. Cozza, le opposizioni hanno concordato sin da subito sulla necessità di assumere un provvedimento del genere ed hanno, responsabilmente e – forse – con un più spiccato senso dell’amministrazione pubblica, richiesto che, nella Risoluzione, fossero indicati tre elementi fondamentali per la applicazione di un atto di indirizzo politico: localizzazione, risorse economiche – soprattutto in considerazione del fatto che anche iniziative che comportano limitatissimi impegni vengono bocciate per mancanza di risorse economiche, vedi dirette web delle sedute – , risorse umane.

    A quest’ultimo proposito è stato segnalato come la situazione del personale nel Municipio sia assolutamente drammatica, circostanza questa che porta i più validi collaboratori a cercare sistemazioni altrove. Ultimo caso: la dott.ssa Sellani, che per anni ha gestito servizi fondamentali come sport, cultura e, soprattutto, scuola, in cronica carenza di personale (7 dipendenti sui 15 figurativamente assegnati e sugli oltre 30 previsti dalla pianta organica). Senza dilungarmi sull’argomento, che non è oggetto della presente discussione, annuncio che prestissimo, il nuovo direttore del Municipio, la dott.ssa Menichelli, sarà chiamata, sia a livello sindacale, sia politico, a rispondere della gestione dello scarsissimo personale, soprattutto nel momento in cui le poche risorse umane in arrivo, vengono destinate ai pochi uffici non in carenza di personale – il suo, appunto, e quello della presidenza.

    Tali indicazioni, come spiegato in aula dal cons. Cozza, non avevano scopi polemici, ma rappresentavano la sostanza stessa di un Risoluzione che, così come approvata, non ha alcuna possibilità di prendere forma.
    Spero che, da qui ad un anno, la Redazione sia a chiedere conto di che fine ha fatto la Risoluzione approvata da questa maggioranza; noi lo faremo.

    Andrea Antonini
    Presidente commissione trasparenza
    333.3484506
    Andrea

  8. Caro Carlo, mi scusi ma le sue sono solo illazioni… forse le sfugge che il comune STA già spendendo nuovi soldi perchè STA pagando a vuoto l’affitto di quel locale da maggio 2008, da quando è stato aperto il nuovo mercato. Il locale è SEMPRE vuoto, si chieda il perchè, anzi lo chieda a chi si ostina a tenerlo vuoto pur pagando l’affitto… a chi deve essere destinato ?? Se le ponga queste domande e cerchi delle risposte sensate e quando le avrà ottenute ce le venga a dare anche a noi, ma risposte concrete, non illazioni campate in aria. Nel frattempo aspetti e speri e ogni volta che andrà fino a Prima Porta, o alla Storta a fare un certificato ringrazi chi di dovere per il tempo e la benzina che le servirà. Buona notte. Caterina

  9. Un ufficio anagrafico per Ponte MIlvio-Fleming-VIgna Calra-inizio Cassia è senza dubbio utile e comodo per i cittadini.

    Mi sembra di capire da quanto dicono Antoni e Cozza che uno dei problemi (forse quell oprincipale) sia non tanto la cireca di un locale che ospiti l’ufficio ma il numero esiguo di perosnale disponibile eventualmente d aimpiegare nello stesso. Tra l’altro problema comune da anni a molti altri municipi. Forse qulche lettore ricorderà,ad esempio, gli episodi verificatesi d’estate agli uffici anagrafici di Cinecittà e di Tor Bellamonaca con i cittaidi venuti alle mani con i dipendenti. Allora intervenne anche allora assessre al personale Lucio D’Ubaldo promettendo nuove assunzioni che a quanto pare non fece.

    Bello, uitle e necessarioavere un locale per un nuovo uffiio (personalemente preferire fosse uno già di proprietà comunale per evitare spese diaffitto di ogni tipo) ma se poi non si può aprire per mancanza di perosonale. questo sì mi sembrerebbe uno spot elettore di maggioranza o opposizione poco importa.

    Sollevo poi una mia parplessità sul locale nel nuovo mercato di Ponte Milvio che a molti sembra essere il luogo perfetto per un ufficio anagrafico. Visto da fuori a me sembra di dimensioni piuttosto ridotte per farvi un ufficio nel quale affluiscono molte persone. Considerate poi che essendo POnte Milvio centrale, ben collegato con i mezzi pubblici e limitrofo ad altri quartieri non dl XX MUnicpio, molto probabilmete l’affluenza di cittadini sarà molto alta. Proprio come avviene ad esempio in X Municipio dove affluiscono cittadini anche di altri municpi perchè lo trovano più facilmente raggiungibile (metro, bus, parcheggio) rispettoa quello dei loro municpi di residenza.

    La vera priorità del XX Municipio comunque, secondo me, è una nuova sede del municipio finalemente sul proprio terriorio. Anche se, data la grande estensione territoriale del XX, rimarrà comunque il problema dei collegamenti e la necessità di decentrare alcuni servizi.

    Angela

  10. Con l’approccio del guardare ai problemi grandi non si risolvono mai quelli piccoli.
    Avere una nuova sede è importante. Ma fra il dirlo ed il farlo passano gli anni, e intanto l’argomento viene usato come propaganda.
    Basta guardare sul sito del municipio dove il presidente si vanta di essere intervenuto “fin da giugno” per sollevare il problema nelle sedi competenti. L’ha sollevato o sta cercando ancora la leva per farlo ? Il fatto che non abbia scritto più nulla la dice lunga…

    E allora intanto preoccupiamoci dei piccoli problemi cara Angela, perchè per tutti noi che abitiamo a sud di questo territorio andare a Prima Porta per fare una carta d’identità o un cerificato è una gran rottura di scatole non credi ?

    Come ha già detto Caterina il locale individuato nel mercato è già pagato, non facciamo finta di non saperlo, il comune tutti i mesi paga l’affitto pr tenerlo vuoto !! Con i nostri soldi ! Perchè fare gli struzzi e non denunciare a voce alta questo spreco ???
    A te sembra piccolo ? cominciamo con l’aprirlo con un paio di impiegati, magari a giorni alterni, magari in orari ridotti, vediamo cosa succede e poi si aggiusta il tiro.
    Se mai si comincia mai si capisce la porrtata del problema. Il fatto che per cominciare serve iniziativa e coraggio di sperimentare … tu ne vedi nei nostri amministratori locali ?

    Marcello

  11. @ Antonini
    al nuovo direttore del municipio oltre a come impiega il personale dovete chiedere anche come impiega il suo tempo: è vero o no che il fascicolo sulla partenza del registro pubblico degli interessi è fermo sulla sua scrivania da settembre ?
    Ma anche a Lei Antonini chiedo: perchè la commissione trasparenza sta zitta ?
    Grazie. Andrea

  12. Capisco benissimo il problema residendo anche io in zona.
    Evidenziavo solo possibili problemi. Soprattutto quello del personale che mi pare abbiano evidenziato Antonini e Cozza, oltre alla mia personale constatazione circa le ridotte dimensione del locale nel nuovo mercato di Ponte Milvio. Non pensi, marcello, che anche un ufficio allestito ma chiuso per mancanza di personale sia uno spreco? O ai disagi per i cittadini di un ufficio di piccole dimensioni?

    Certo andare a Prima Porta è una seccatura, però non facciamo sempre i lamentosi. Non è che ci si deve andare ogni giorno all’anagrafe e soprattutto non è obbligatorio andare a Prima Porta. Ad es. mi sembra di ricordare che esista un ufficio al Villaggio Olimpico, più vicino e comodo per chi abita in questa zona.
    E’ vero non è in XX ma in II Municipio ed è giusto che il XX pensi a risolvere i problemi dei cittadini, piccoli o grandi che siano.
    Però a me sembra che come cittadini molto spesso ci limitiamo a pretendere tutto e subito, preferibilmente sotto casa, senza file, ecc. Pensiamo invece poco a provare di capire e analizzare i problemi nella loro interezza, discernere le priorità. Ad esempio l’ufficio postale a Corso Francia non è il massimo della comodità per chi abita in certe zone del Fleming, soprattutto se anziano e senza auto e alla posta ci sia va molto più spesso che all’anagrafe. Oppure l’anagrafe a Ponte Milvio per chi abita a Cortina d’Ampezzo o in alcune zone della Cassia rimane comunque scomodo.
    Se il XX Muncipio (ma il discorso vale per molti altri municpi) dovesse veramente venire incontro a tutte le necessità dei cittadini proviamo a immaginare in un territorio così grande quanti uffici anagrafici ci vorrebbero? E poi sarebbero veramente necessari?cioè moltiplichiamo gli uffici anagrafici ma poi quanti utenti realmente ne usufriscono? No è che ci ritroveremo qui a lamentare lo spreco di risorse e personale di uffici anagrafici vuoti?
    Va benissimo farne dove c’è bisogno, per carità. Solo forse non è il problema principale. E iniziative e coraggio ci vogliono soprattutto per questioni più importanti.

    Angela

  13. Se il XX municipio dovesse veramente venire incontro a tutte le necessità dei cittadini ??? perchè, cosa altro deve fare un municipio, preoccuparsi solo delle necessità dei suoi impiegati, dei consiglieri e del presidente ??
    Noi facciamo sempre i lamentosi ? Io pago le tasse ed è mio diritto pretendere un minimo di efficienza da chi si è candidato ed è stato eletto per governare il territorio, altrimenti se ne poteva stare a casa. E l’efficienza si dimostra anche affrontando concretamente problemi piccoli come questo.
    Io non concordo sul fatto che al Villaggio Olimpico c’è un altro ufficio anagrafico e quindi possiamo fare a meno di quello eventuale di Ponte Milvio. Come ci arriverebbero al Villaggio Olimpico gli anziani, i portatori di handicap, le mamme con i bambini piccoli che vivono intorno a ponte milvio e nelle zone adiacenti ? a piedi, perchè non c’è nessun autobus che unisce i due quartieri !! Informiamoci per favore. Ed allora non sarebbe giusto pensare alle fasce di popolazione in difficoltà che troverebbero enorme giovamento dall’apertura di questo ufficietto ? Ufficietto che per inciso il comune paga tutti i mesi per tenerlo vuoto, perchè questo argomento non viene commentato ?

  14. Rocco,quanto ti scaldi.
    Guarda che le tasse le apghiamo tutti e tutti vorremmo maggiore efficienza.
    Chi dice che il municipio no ndeve venire incontro alle esigenze dei cittadini? Non fraintendere il mio pensiero e soprattutto non sentirti colpito nel vivo perhcè non ho accusato nessuno. Semmai ho fatto una riflessione che riguarda pre prima propiro me.

    Quanto al Villaggio Olimpico, non dicevo che bisogna andare lì per forza ma segnalavo che c’è un altro altro ufficio anagrafico più vicino a Ponte Milvio di Prima Porta. Tu dici che sarebbe difficile arrivarci per gli abitanti di ponte milvio perchè manca un autobus e così dicendo mi cofnemi nella convinzione che come cittadini vorremmo tutto subito, comodo e vicino casa.Perché?Perchè prendendo non solo un autobus ma più di uno al Villaggio Olimpico si arriva ugualemente. E perchè con il tuo ragionamento chi abita sulla Flaminia Nuova o in alcune zone della Cassia per arrivare a Ponte Milvio non ha un autobus che lo porterebbe direttamente all’ufficio anagrafico.

    Un ultima cosa. Vedo che altre due questioni da me sollevate non susciano il vostro interesse, invece mi piacerebbe condividerle con altri. Intendo il problema del numero di dipendenti comunali che dovrebbero lavorare nell’uffiico angrafico del mercato di Ponte MIlvio dato che qui sopra alcuni politici dle municpio hann osottolineato che già oggi si è i ncaenza di personale. E poi le dimensioni che a me sembrano molto piccole del locale del mercato indicatoom possibile sede con tutti iproblemi connessi.

    Saluti.

    Angela

  15. Prima non mi ero scaldato ma mi scaldo adesso, quando vedo che volutamente si travisano le cose.
    1) chi dice che il municipio non deve venire incontro alle esigenze dei cittadini ? l’hai detto tu, rileggi bene l tuo commento alla 20ma riga, per la precisione
    2) quanto al villaggio olimpico, io confermerei la tua convinzione che noi cittadini vogliamo tutto subito e comodo vicino casa ? io non ho parlato di tutti, ma delle fasce deboli, degli anziani, dei portatori di handicap, delle mamme con bambini piccoli !
    O di questi non ti interessa nulla o per la fretta di rispondermi a tono, come se io ti avessi toccato un nervo scoperto, non hai prestato alcuna attenzione alle mie parole, segno di superficialità
    3) infine, sollevi due questioni collaterali per gettare fumo sull’unica domanda che io ti ho posto: perchè non commenti il fatto che il Comune sta pagando a vuoto da maggio l’affitto di quel locale ??
    Buona notte. Rocco.

  16. Angela, levami una curiosità: ma tu lavori alla protezione civile del comune di roma ?
    te lo chiedo perchè negli ultimi giorni ogni volta che c’è una critica anche minima al nostro municipio su qualsiasi argomento tu arrivi di corsa con i tuoi commenti portando coperte e generi di prima necessità, cerotti per le ferite, fumogeni per segnalare i pericoli, acqua per spegnere i focolai (di protesta) e ciambelle di salvataggio … ma questi baldi giovani consiglieri della maggioranza e della giunta sapranno pure proteggersi da soli o hanno bisogno di una signora per farlo ?
    Questa storia mi ricorda quello che diceva Andreotti: a pensare male…. 🙂
    Ciao.
    Maurilia

  17. Ci mancherebbe altro che difendo il comune di Roma.

    Sarò libera di pensarla come voglio e non dovere sempre e solo attaccare, criticare, ecc?Oppure ha diritto di parola solo la polemica?

    Forse a molti commentatori del blog sembrerà incredibile ma ci sono anche cittadini che non cercano sempre e solo di trovare magagne,critiche, complotti. Che provano di capire. Che concordano con alòcune scelte prese dall’amministrazione(peccato mortale!). Che non ne condividono latre delle passate amministrazioni (un’eresia!). Anche loro hanno diritto di parola,sapete? L’inquisizione è finta.

    Alcuni mie interventi di questi giorni poi sono risposte a altrettanti commendi che, come questo, mi chiamano in causa. Esiste il diritto di replica, no? Oltre che la buona educazione di rispondere a chi fa una domanda.

    Mi colpisce poi molto che, non solo per i miei commenti, ma anche per altri si tenda a rispondere solo su alcun iapsetti spesso marginali e spesso intepretendo liberamente il pensiero di chi la scritto. Invece spesso notizie a spunti per discussioni più approfondite o da altri punti di vista ci sono. Solo non vengono colti, anche quando solo chiari.

    Lo sai Mautilia, a me acnhe la storia di chi attacca e critica sempre, quasi per partito preso, senza provare ad approfondire le questioni,a leggerne le sfaccettature ricorda quello che diceva Andretotti: pensare male… 🙂

    Ciao

    Angela

  18. Caro Rocco,
    ho visto solo ora che mi hai risposto.

    Prima di tutto credo che occorra darci tutti una calmata e moderare i toni. Io non ti ho giudicato nel mio commento nè ho insinuato nulla su di te. Ti pregherei di fare altrettanto. Grazie.

    Mi dispiace che pensi che “volutamente” fraintendo le tue parole. Cosa che non ho fatto nè voglio fare.
    Però anche tu hai franteso, certamente non volutamente, le mie parole. Non infatti ho affermato che il XX Municipio non deve venire incontro alle esigenze dei cittadini ma ho ipotizzato (vedi l’uso del “se”) in una domanda (vedi il punto interrogativo e non il punto fermo) cosa accadrebbe se lo facesse in riferiemnto a un preciso contesto. E soprattutto le esigenze dei cittadini a cui mi riferivo (vedi il contesto in cui la mia domanda è posta) riguardavano l’avere più uffici anagrafici nei diversi quartieri di cui è composto il XX Municipio così da soddisfare i bisogni di tutti. Forse non hai letto con attenzione (non parlo,come vedi, di superficialità) il mio commento e quelli successi.

    Evito di rimettermi a spiegare nuovamente il mio pensiero perchè sarebbe un’inutile ripetizione per i lettori del blgo che ne avreno abbastanza anche di questo scambio di post personali. Per questo motivo, Rocco, ti prongo di interrompere qui i nosri scambi di commento su questo argomento che, così impostati, non arricchiscono la dicussione.

    Prima però concludo questo. Cercherò di farlo senza ripetere concetti già esposti sopra.

    Non conoscendomi, non puoi sapere quale è il mio rapporto con bambini, disabili e anziani. Quindi ti pregherei, ancora una volta, di non etichettarmi.

    Sul Villaggio Olimpico e sulle esigenze delle fasce deboli ho fatto due esempi per i quali vale il tuo ragionamento: la posta di Corso Francia per chi abita al Fleming e l’ufficio postale a Ponte MIlvio per chi abita sulla Flaminia Nuova o sulla Cassia. Entrambi i servizi per i cittadini deboli di questi quartieri sono difficilmente raggiungibili a piedi e male collegati con i i mezzi pubblici. Come risolviamo il problema? Aprire nuovi uffici in quelle zone è sicuramente una possibile soluzione. Ma se potrebbero trovare altre e anche meno dispensioni per le casse pubbliche che poi son oanche quelle di cittadini. Ad es. soprattutto per l’anagrae pensare a un servizio domiciale e di “taxi” per accompagnare disabili o anzini disagiati all’ufficio. Lo potrebbero gestire ad esempio le associazioni di volontariato che già operano in questi settori.Credo che qualcosa del genere sia già stato speriemntano gli anni scorsi in IX Municipio.

    Non mi sembrano affatto fumo negli occhi (torni a giudicarmi e me ne dispiace) le due questioni che sollevo cioè poco personale disponibile e locale del mercato di ponte milvio piccolo. Non torni a spiegarle perchè l’ho già fatto sopra. Mi farebbe piacere però capire perchè per te sono fumo negli occhi. Sinceramente non ne capisco il motivo.

    Mi chiedi un commento sull’affitto che il XX Municipio starebbe pagando al propietario del locale senza utilizzare il locale. Ho già risposto nel mio primo commento ma, dato che ti è sfuggito, lo ripeto: sbaglia. E aggiungo ancora una volta che preferirei che l’ufficio anagrafico di cui si parla fosse collocato in un locale già di prorietà del comune proprio per evitare nuove spese/sprechi.
    Un cosa è dire che, poichè il municipio sta pagando invano l’affitto (sarebbe interessante anche conoscere a quanto ammonta il canone) per un locale che non usa (sarebbe interessante sapere il motivo, se e quali progetto intende realizzarci)), sarebbe bene che utilizzasse quello spazio. Un’altra è valutare la possibilità e la fattibilità di realizzarvi proprio l’ufficio anagrafico. Le mie osservazioni, tra cui le due che giudichi fumo negli occhi, vanno propio in questa direzione.

    Ti saluto Rocco.

    Angela

  19. Non abbiamo volutamente pubblicato un nuovo commento di Rocco spiegandogli via email le motivazioni, da lui poi condivise.

    Cogliamo dunque l’occasione per chiedere gentilmente ai nostri lettori di non trasformare questo blog in un tavolo da ping pong dove la pallina delle recriminazioni politico-personali va avanti e dietro, da un lettore all’altro, fra destra e sinistra locale, capitolina, regionale e nazionale.

    Lo chiediamo non solo agli autori dei commenti al comunicato-stampa di questa pagina, ma a tutti gli autori di analoghi commenti agli altri articoli e comunicati-stampa degli ultimi giorni che, a quanto pare, hanno vivacizzato non poco gli animi.

    VignaClaraBlog, come recita la nostra testata, vuole essere un sito di di notizie, idee e proposte da e per i cittadini del XX Municipio, non un agorà politico, e le vostre centinaia di migliaia di accessi di questi mesi (grazie!!) lo confermano.
    Perchè dunque questi ultimi stizzosi commenti, sia al femminile che al maschile ?

    Commentiamo pure,discutiamo, critichiamo, confrontiamo tesi ed antitesi e proponiamo, ma sempre con spirito costruttivo e proattivo con l’obiettivo di far sentire la nostra voce, la voce della comunità locale a chi ha il dovere di ascoltarla e tenerne conto.

    Ovviamente, dalla richiesta di astenersi dal ping pong escludiamo Consiglieri ed Assessori, che siano Municipali, Comunali, Provinciali o Regionali, perchè fare politica è “mestier” loro.
    Voi e noi, al massimo, ne parliamo… ma senza litigare, giusto ?

    Grazie, ed abbiatevi tutti una felice notte.

    Il team di VignaClaraBlog

  20. Ripropongo la notizia di ottobre scorso e cioè che nello spazio che doveva essere adibito a ufficio comunale presso il nuovo mercato di Ponte Milvio, alcuni addetti del comune sono andati a fare dei sondaggi di gradimento per adibire lo spazio a un bar.
    Tanto è vera la notizia, che i gestori dei bar all’interno e all’esterno del centro commerciale si sono attivati presso il Comune.
    A proposito di questo, vorrei ricordare a chi ha dimenticato, che lo spazio in questione non è più comunale dopo la delibera del DPR n. 380/2001,perlatro non molto chiara in merito alla concessione dell’immobile che è per 35 anni. Quindi di fatto si è privatizzato l’intero edificio. Inoltre la delibera prevedeva il permesso di costruire in deroga ai distacchi degli edifici e della strada esclusivamente per edifici ed impianti pubblici o d’interesse pubblico.

  21. 1) inviterei itutti in primo luogo alla brevità : bastano poche righe per la propria tesi ed essere letti con piacere ,
    2) è ovvio che non si possono accontentare tutti , ma tra coprire la distanza da Cortina d’A. (ad es.) e ponte milvio, oppure tra C.d. A. e la Storta ce ne corre…….. (anche in auto )!! Senza dimenticare che molto probabilmente ci si sposta + frequentemente dal centro nord della città verso il foro italico che NON VICEVERSA ED IN TAL MODO SI POSSONO RIUNIRE DIFFERENTI APPUNTAMENTI con minor traffico ed inquinamento!!

  22. Inspiegabile ed ingiustificabile il comportamento dell’opposizione che ha negato l’istituzione di un Ufficio Anagrafico più centrale per i cittadini del Municipio
    XX. Un ostruzionismo che rispecchia quel corto circuito tra la sinistra e i cittadini siglato con l’ultimo responso elettorale. Ciononostante il solo voto del Pdl in consiglio municipale è bastato ad impegnare il Presidente Giacomini a verificare presso i competenti uffici del Comune di Roma la possibilità dell’apertura di un nuovo Ufficio Anagrafico da ubicarsi possibilmente in una posizione epicentrica rispetto ai quartieri di Ponte Milvio, Vigna Clara, Fleming e Cassia, assegnando anche nuove risorse umane che si andrebbero ad aggiungere a quelle che già oggi operano negli altri uffici anagrafici del Municipio. Una richiesta tendente ad eliminare i
    disagi dei cittadini nel doversi obbligatoriamente recare negli uffici di Prima Porta, La Storta e Cesano, percorrendo moltissimi chilometri e contribuendo anche all’incremento del già convulso traffico delle consolari Cassia e Flaminia. Grazie a questa amministrazione ben presto la sede del Municipio, attualmente dislocata nel XVII,tornerà nel XX Municipio. Auspico quindi che a breve lo stesso esito possa avere anche un nuovo ufficio anagrafe.

    Dario Antoniozzi
    capogruppo PDL e Vice Presidente del Consiglio, XX Municipio

  23. Vorrei dire anche la mia : credo che la proposta fatta in consiglio di aprire un ufficio piu’ comodo sia veramente eccezionale!!! A tutti è piu’ copmodo che andare fino agli uffici di LA Storta o Cesano, o Prima Porta…
    Poi il fatto che non sia indicato in quale dei quartieri interessati è molto serio : evidentemente si puo scegliere in un secondo momento, tenuto conto che sarebbe ottimo aprirlo in posizone comoda per tutti gli abitanti dei vari quartieri interessati…!
    E poi non facciamo ridere i polli! L’Avete visto l’ufficio a piano terra del nuovo insediamento mercatale di Ponte Milvio? E’ due metri quadri… Ce lo vedreste un ufficio che dovrebbe servire alcune migliaia di cittadini…? Purtroppo credo che la sinistra si voglia suicidare in questo municipio XX se permette ai suoi esponenti di affermare cio che leggo…
    BRAVI A COLORO CHE HANNO PENSATO DI APRIRE QUESTO NUOVO UFFICIO:::: ANDATE AVANTI RAPIDAMENTE COSI!

  24. Sono daccordo con tutti gli schieramenti politici che vanno dalla parte del cittadino, nessuno escluso! Ed in questo modo si potrebbero fare tante cose nuove pr tutti i cittadini…. Anzi invito gl organizzatori del blog di dare uno spazio per le nuove proposte… sarebbe interessante, non trovate? Molte sarebbero irrealizzabili, ma qualcuna, magari, importante !!!!

  25. Gentile Carlos Primero,
    in relazione al suo invito desideriamo segnalarle che già nel secondo semestre 2007 VignaClaraBlog lanciò la campagna “in20amoci un XX migliore” con l’obiettivo di raccogliere fra i lettori proposte per il miglioramento dei servizi erogati alla comunità da parte del nostro Municipio.

    Al termine della stessa raccogliemmo una ventina di suggerimenti, tutti interessanti, che, dopo le elezioni di Aprile 2008, offrimmo come nostro contributo ai neo amministratori. Legga qui:
    https://www.vignaclarablog.it/200806182455/xx-municipio-lettera-aperta-al-presidente-del-consiglio-ed-ai-capigruppo/

    A distanza di quasi otto mesi, ci spiace prendere atto che la nostra lettera è rimasta lettera morta.

    Un solo suggerimento sembra che sarà applicato dalla giunta, pur dimenticando che lo stesso è stato per primo avanzato nell’ambito di tale campagna: l’installazione di un sistema di videosorveglianza a Ponte Milvio.

    Ma tutti gli altri sono caduti nel vuoto, almeno così sembra.

    Peccato per tutti i cittadini che avevano partecipato con entusiamo all’iniziativa.
    Cordialità

    VCBTeam
    il team di VignaClaraBlog

  26. Fra i tanti suggerimenti presentati ce n’è uno che taglia la testa al toro nella discussione di dove mettere il nuovo ufficio. Fra l’altro è stato già adottato da altre circoscrizioni. Si tratta di un camper attrezzato ad ufficio mobile che ogni giorno si posiziona su una piazza diversa a disposzione dei cittadini per prendere le domande o rilasciare i certificati.
    E’ la montagna che deve andare da Maometto e non viceversa! Bravo a chi l’ha presentato.
    Ma perchè la nostra circoscrizione non ha preso in esame neanche un suggerimento ? Lo trovo un po’ offensivo nei riguardi dei cittadini. Ciao a tutti. Ugo.

  27. Per caso rileggendo il comuncato stampa di Sterpa e Cozza mi ha colpito un passaggio:

    “L’ emendamento – spiega Cozza – infatti chiedeva di valutare l’ipotesi di attrezzare come ufficio anagrafico, una volta acquisito e reso funzionante, il locale del Municipio presente al mercato di Ponte Milvio che è tutt’ora vuoto e non utilizzato”.

    Cosa vuol dire “una volta acquisito”?
    Comprato? O preso in affitto?
    A_Se il PD intende comprarlo perchè non ritiene opportuno prima valutare ache altre possibilità?Perchè incaponirsi proprio con quel locale?Tra laltro molto piccolo come ricordato da alcuni lettori di VCB. Su questo punto mi trovo in accordo con Carlo che ha scritto alcuni dei primi commenti qui sopra.
    Inoltre sarebbe interessante in questo caso sapere dal Pd anche quali sono le modalaità e i costi che considera equi per comprare il locale.
    B_Se il Pd, invece, intende prenderlo in affitto allora mi sembra la conferma che non è vero che il Municipio paghi da mesi l’affitto a vuoto per questo locale, come qualcuno ha affermato qui sopra (e senza rispondere alla richiesta di un lettore di dire il prezzo e per quale uso). Che abbia allora ragione Elsa a ricordare che il locale non è più pubblicoma privato e che povabilmete ci verrà un bar? Anche in caso di affitto del locale, ovviamente, valgonoe le osservazioni fatte per l’acquisto.

    Se invece il Pd intede altro con “acquisire” non avranno problemi né Sterpa né Cozza a spiegarcelo.

    Ringrandiandoli fin da ora, li saluto cordialmente.

    VIncenzo

  28. Ho letto solo a distanza di tempo che il BLOG Vigna Clara aveva fatto una proposta per la segnalazione di soluzioni.
    Certamente è una ottima iniziativa, da perseguire indipendentemente se in collaborazione con il Municipio. Visto che consiglieri del municipio comunqiue seguono questo blog, il fatto di segnalare potrebbe comunque indurli a “raccogliere” dei suggerienti!!! Se fossi in voi istituirei questo “sportello” della cittadianza del XX … scriverebbero molte fesserie, ma anche consigli interessanti.
    perche’ non provare….
    E poi ritornerei a spingere per una anagrafe piu’ umana per gli aitamyo del XX….
    grazie

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome