Home ATTUALITÀ XX Municipio – presunto conflitto d’interessi nella Giunta Municipale: un nodo da...

XX Municipio – presunto conflitto d’interessi nella Giunta Municipale: un nodo da sciogliere

xx-municipio-via-sabotino.jpgUn passaggio politico delicato quello di stamani nel Consiglio del XX Municipio. Il capogruppo PD Alessandro Sterpa, con una question-time al Presidente Gianni Giacomini, ha risollevato il velo sulla delicata questione di un presunto conflitto d’interessi che per il PD sembrerebbe insito negli incarichi contestualmente ricoperti da Marco Perina in qualità di Assessore Municipale ed amministratore del Consorzio stradale Cortina d’Ampezzo.

Il pregresso: il problema era stato posto all’attenzione del Consiglio nella seduta del 13 ottobre 2008  nella quale il PD, sulla base di diverse interpretazioni di disposti di legge combinati e di passate sentenze del TAR  e del Consiglio di Stato, ha denunciato di ritenere che l’Assessore Marco Perina possa essersi trovato in passato o possa trovarsi ancora oggi in possibile condizione di impedimento elettorale passivo (“incandidabilità, ineleggibilità o incompatibilità”), in relazione ai due incarichi di cui sopra. Ciò in virtù del fatto che il Consorzio Stradale di via Cortina d’Ampezzo apparirebbe, stando alla documentazione prodotta dal gruppo PD, avere rapporti di dipendenza economica con il Comune di Roma e con il Municipio e quindi – semplifichiamo così la complessità delle argomentazioni addotte – il controllore ed il controllato parrebbero essere la stessa persona (per il resoconto della seduta del 13 ottobre leggi qui).

E questa mattina, alla richiesta di Sterpa di conoscere gli esiti dell’istanza chiarificatrice posta allora dal presidente del Municipio al Segretario Generale del Comune di Roma – vertice piramidale della struttura amministrativa del Comune di Roma –  Gianni Giacomini ha informato il Consiglio di aver ricevuto giacomini4.JPGrisposta da pochi giorni. Una risposta che, stando alla lettura di alcuni brani successivamente fatta all’aula dai partecipanti al dibattito, sembrerebbe dare ragione alle argomentazioni del gruppo PD: nel caso in fattispecie parrebbe esserci conflitto d’interessi. “Una risposta complessa – ha affermato però il Presidente Giacomini – che sottoporrò a degli esperti affinchè mi dicano come devo procedere. Nel frattempo l’Assessore Perina ha prodotto tre memorie di tre studi legali diversi che confutano le affermazioni del Segretario Generale e quindi, fintantoché non si chiarisce la situazione – ha concluso Giacomini – gli confermo la mia piena fiducia”.

perina.jpgNel silenzio dell’aula, ha quindi preso la parola l’Assessore Perina . E’ parso imbarazzato, ma era comprensibile. Lo ha ammesso lui stesso  esordendo con queste parole “l’autodifesa è sempre imbarazzante, e questa situazione mi duole a livello personale “.  Ha poi commentato alcuni passaggi della relazione del Segretario Generale contestandone la valenza giuridica alla luce delle memorie da lui prodotte. “Sono sereno e tranquillo – ha concluso – e non mi sento affatto nella condizione di dovermi dimettere da uno dei due incarichi”.

Vivace la reazione di Sterpa contestata poi da altri consiglieri PdL, solidali con il loro collega di gruppo. Sterpa ha infatti dichiarato che “l’aula di consiglio è un’aula politica e non giudiziaria” e che tutte le memorie producibili nell’aula consiliare di un municipio “non possono inficiare la valenza sterpa1.jpgdelle conclusioni alle quali è giunto il Segretario Generale” organo super partes del Comune di Roma. “Che l’Assessore scelga quale dei due incarichi vuole mantenere – ha proseguito Sterpa –  e se non lo fa che sia il Presidente Giacomini a revocargli le deleghe”.  Pesante come un macigno la conclusione del capogruppo PD: “se nessuno dei due prenderà l’iniziativa, il gruppo PD ricorrerà al tribunale per far valere le proprie ragioni, con il rischio che ciò produca l’annullamento delle elezioni – vista l’esistenza del conflitto d’interessi già alle votazioni – il commissariamento del Municipio ed il ritorno alle urne”.

Quali saranno le prossime mosse, effettivamente il Presidente Giacomini ricorrerà a degli esperti, veramente il PD adirà per le vie legali ? I cittadini corrono seriamente il rischio, dopo l’ultima consiliatura durata meno di due anni, di averne una ancora più breve ? Riteniamo che dell’argomento se ne parlerà ancora.

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Come elettore di destra mi vergogno per quello che è venuto alla luce! I politici di oggi dovrebbero capire che i tempi sono cambiati! Se vogliono mantenere la fiducia del proprio elettorato, se scoperti con le dita nella marmellata, dovrebbero avere la creanza di mostrare di avere carattere lasciando volontariamente una delle due poltrone senza indugio e non aspettare il verdetto o la richiesta di qualcuno. Inoltre Perina avrebbe la possibilità, se scegliesse di rimanere al XX Municipio, di recuperare la stima e la credibilità persa cercando di sistemare i problemi esistenti nella scuola di via Vallombrosa, come ha fatto in passato per conquistarsi i voti che gli hanno permesso di crescere politicamente. Quella è la vera strada della politica. Questo esempio, comunque, non fa che dare ragione a Grillo che dice tutti a casa dopo 4 anni e spazio ai nuovi!

  2. Scusi Fabio, ma cosa è venuto alla luce? …che il PD del Municipio XX non ha altra opposizione da fare che ridursi a questi cavilli? Ma cosa pensa che interessi ai cittasdini se L’assessore è anche membro del Consorzio Cortina d’ampezzo?
    A noi cittadini interessa ben altro, ci interessa la salute del territorio e la buona amministrazione del Municipio. Poi che valenza ha questo consorzio? E’ meno di fare l’amministratore di condominio! non siamo ridicoli e non cadiamo in facile trappole che nascondono chissà quali beghe ? L’assessore è lì dal 2001 perchè casualmente esce solo ora la questione? Il Cons.Sterpa, ops, mi scusi l’illustre Prof. Sterpa è lì da due anni e mezzo. Perchè ha sorvolato fino ad ora, pur sapendo da tempo? Perchè non si preoccupa di scoprire che fine ha fatto il suo collega di partito, il cons. Rizzo, candidato alla Presidenza del Municipio? Questa si che è una vera offesa ai cittadini!!!

  3. ora capisco perche’ non riaprono via Cassia Antica, potevano dirlo prima… i post dell’articolo precedente diventano immediatamenta aria fritta…

  4. Scusi Monica, parliamone pacatamente perchè di solito lei ed un’altra lettrice arrivate sempre come tifoni a spazzare via dibattiti e dubbi come foste le uniche portatrici del verbo. Ora che siate accanite fan della PDL è chiaro, ma questo non dovrebbe impedirvi di discutere con chi la pensa diversamente. Invece anche oggi invece di discutere e di entrare nel problema e capirne le ragioni, l’unica cosa che leggo è ribaltare il tutto sulla parte avversa.
    Scusi ma c’entra il “quando” della denuncia ? Mi vuol dire che se la denuncia del PD, tutta da dimostrare ne sono convinto anche io, fosse stata fatta anni fa lei non avrebbe avuto nulla da ridire sul contenuto ? Sia sincera…
    ecco vede ? ho svelato il suo modo di sviare il discorso….
    Accetti invece di parlare della sostanza: visto che lei sembra essere molto addentro al problema, se desse qualche chiarimento in più anche a me (io non uso il noi come lei) riuscirei meglio a capire la questione e quindi a schierami pro e contro l’assessore.
    Perchè veda cara Monica quando lei dice “a noi cittadini” sarebbe meglio se dicesse “a me cittadina”, nel senso che la invito a parlare per lei e non a nome di tutti non essendo ancora stata eletta.
    A me invece, come cittadino, interessa e come sapere da chi sono governato perchè non può esserci la “buona amministrazione” da lei (e da tutti) auspicata senza che vi siano “buoni amministratori” perchè è dalla virtù dei governanti che discende il buon governo e non viceversa.
    Lei dice che il ruolo del sig.Perina nel consiglio del consorzio è meno di un amministratore di condominio ! non riesco a crederlo, mi creda mi sembra impossibile che un assessore locale, personaggio di spicco della politica e del suo partito a roma nord, si accontenti di fare l’amministratore di condominio, a quadrare conti dello scarico del gasolio o ad incassare le bollette. Dunque perchè sminuirlo così ? Per difenderlo a tutti i costi gli fa pure del male ! Ma perchè non si difende da solo ? Sarebbe così bello che a spiegare le ragioni di queste ombre sul suo capo fosse proprio l’assessore, invece di delegare le sue supporter. Sarebbe un gran bel gesto di onestà, di trasparenza, di fiducia nei cittadini. Così si mantiene la credibilità negli elettori e così si conquista la stima di chi non l’ha votato.
    Glielo vuole dire lei Monica, che sembra conoscerlo ? Non è ironia la mia mi creda, glielo direi pure io ma sul sito del municipio gli indirizzi di posta degli assessori non ci sono, con loro non è possibile dialogare. Non è per esempio questo un altro sistema di nascondersi anzichè di essere trasparente ?
    Veda lei, io i miei dubbi li ho espressi serenamente, parlando della sostanza del problema e non dei dettagli a contorno, quelli si che non interessano.
    un saluto. Marcello
    PS: su Rizzo sono pienamente d’accordo: o si dimette o comincia a lavorare davvero in consiglio per rispetto di chi l’ha votato. Oggi come oggi è un’offesa.

  5. cara Monica è difficile trovare un condominio che gestisce svariate centinaia di migliaia di euro (piu’ che svariate) il 50% dei quali a carico del contribuente romano. E visto che fai l’esempio del condominio, hai mai trovato un condomino che fa causa al condominio ed allo stesso tempo e’ anche amministratore? io mai.

    claudio

  6. Monica,
    al di là di banalità partitiche che lasciano il tempo che trovano e noiose difese di bandiera, se Perina facesse un passo indietro o come amministratore in causa con se stesso o come amministratore pubblico che non vuole riaprire via cassia antica chissà per quale motivo, non farebbe di certo brutta figura, a meno che ci tenga così tanto alla poltroncina, e allora è giusto che se la tenga stretta ….. eppoi conflitti di interesse, principi piegati all’altare della Politica, che cosa sono mai oggigiorno !!!
    Luigi

  7. Caro fabio ti dovresti vergonare di parlare di “dita nella marmellata”… E così facile sentenziare su cose che non si conoscono solo per il gusto “Dipietresco” di fare gli inquisitori. Conosci il problema? Hai letto qualcosa? Sai di cosa parli? Sei informato? Di quali poltrone parli?….Non posso credere che un Blog così attento ai problemi dei cittadini permetta che si getti fango su persone (che non conosco personalmente ma che so che si sono sempre comportate con lealtà e correttezza dei problemi della nostra zona) senza valutare cosa viene pubblicato. Non è giusto!!
    Io prima di farmi anche soltanto un’opinione mi riprometto di cercare il telefono di Perina e chiedergli personalmente come stanno le cose. Prima di allora non mi permetto NEMMENO di formulare una idea personale, figurarsi se potrei SCRIVERE di cose (come spesso purtroppo per pressapochismo e demagogia) che non conosco.
    Invito il Blog a non pubblicare (e, scusate parlo anche per Rizzo) mail ingiuriose e, comunque, prive di fondamento o di verifica.

  8. Chiamati in causa, interveniamo.
    Gentile Filo, confermiamo di essere attenti a tutti i problemi del nostro territorio ed a tutti i cittadini che vi abitano, qualunque ruolo essi abbiano, ed è proprio per questo che spesso interveniamo per moderare l’animosità di alcuni commenti, come ad esempio fatto la scorsa notte in calce all’articolo sulla riapertura della Cassia Antica.
    Ed oltre a moderare, non pubblichiamo affatto i commenti contenenti ingiurie od offese, come accaduto in merito all’articolo relativo alla revoca della delega sulla sicurezza al consigliere comunale Piccolo da parte del sindaco Alemanno. In quel caso ricevemmo numerosi commenti ingiuriosi nei riguardi del sindaco che ci guardammo bene dal rendere pubblici.E di ciò ne demmo notizia con un commento redazionale.
    Nel caso in fattispecie “le dita nella marmellata” od il termine “poltrone” non appaiono essere ingiuriosi, fanno parte da anni del lessico comune e questo blog è una piazza comune nella quale tutti possono dire la loro, ognuno col proprio linguaggio, purchè non offensivo e lesivo della dignità e dell’immagine altrui.
    Se il lettore Fabio è indignato con l’assessore, perchè censurare la sua indignazione, per quanto accalorata ? Se la lettrice Monica si scaglia sul consigliere Sterpa, perchè dovremmo toglierle la voce, per quanto dai decibel elevati ?
    Ci permetta invece di dire, con un eccesso di presunzione, vivaddio che c’è VignaClaraBlog dove ci si può incontrare, scontrare, dibattere e magari fare amicizia perchè prima di VignaClaraBlog c’era il silenzio ed il vuoto assoluto.
    Ed infine, in relazione al suo invito, gradiremmo che fossero i diretti interessati ad inoltrarcelo. Grazie.
    VignaClaraBlog

  9. Cara o caro Filo, permettimi di rigirarti la domanda: tu conosci il problema ? hai letto qualcosa ? sai di cosa parli ? sei informata/o ? Se la risposta è si allora dille anche a noi tutte queste cose, se la risposta è no non capisco il tono del tuo intervento.
    Io non ne so molto, ma ho letto l’articolo di questo blog, che mi sembra asettico, e quello che c’è oggi a pagina 3 della cronaca di Roma del Corriere della Sera nel quale si dice che l’assessore Marco Perina è incompatibile anche per il Comune di Roma che, se non erro, è guidato dallo stesso partito di Perina.
    Anche io vorrei telefonargli per chiedergli come stanno le cose, ma chi me lo da il suo numero di telefono ? Vorrei scrivergli, perchè non mi accontento di quello che leggo, ma dov’è il suo indiririzzo di posta elettronica ? L’ho cercato sul sito del municipio come ha già fatto Marcello ma non c’è. Devo mandargli una raccomandata per sentire le sue ragioni ? Non ho il tempo e la voglia di andare all’ufficio postale.
    Perchè non interviene qui ? Lo apprezzeremmo tutti. Buona notte.
    Roberto

  10. Caro Marcello, spero che essere sostenitrici della PDL non sia un reato? o siamo tornati indietro di 30 anni?
    O devo lasciare il campo, così ve la suonate e ve la cantate da soli?
    Pensi che io l’assessore Perina non lo conosco neanche, se non per averlo visto in qualche manifesto! …e sono una forte sostenitrice della riapertura della Cassia antica, tanto per chiarire le idee!!!!!!!
    Di certo l’assessore non ha bisogno di me per difendersi, anche perchè rispondendo alla question time di Sterpa dice di avere in mano tre pareri di altrettanti studi legali che dicono il contrario di ciò che dice il Segretariato generale del Comune. Penso che li abbia sottoposti al Segretariato generale che a quel punto dovrà tenerne conto oppure nel caso continuasse a ribadire l’incompatibilità, sarei io stessa la prima a chiedere il ripristino della leggittimità!
    Saluti, Monica.

  11. Cara Monica, le avevo chiesto di parlarne pacatamente mentre ancora una volta lei arriva con tutta la sua irruenza. Mah, sarà un fatto caratteriale…
    perchè io non le ho affatto detto che essere sostenitori del PDL sia un reato nè che deve farsi da parte, perchè vuole travisare a tutti i costi ciò che dice chi non la pensa come lei sottraendosi invece ad un pacato dibattito ?
    Che lei conosca personalmente o no l’assessore non mi interessa, non è questa la questione, quanto il fatto che sia nel suo primo intervento qui sopra sia in tutti gli altri fatti da lei nel passato dimostra sempre di essere a conoscenza di notizie dettagliate che lasciano pensare ad una sua diretta conoscenza dei fatti, come quando afferma che l’amministratore del consorzio di via cortina è meno di un amministratore di condominio: come fa a dirlo senza conoscere il sig.Perina ed i fatti specifici ?
    Io ho cercato il dialogo con lei con il solo desiderio di confrontarmi con chi la pensa diversamente da me, pronto a ricredermi se necessario, perchè non sono stato d’accordo sulla sua affermazione “a noi cittadini non importa”. Ecco, è questo che non capisco e glielo ripeto: come può non importare che un amministratore eletto con tantissimi voti possa trovarsi in una situazione imbarazzante di conflitto di interessi ? come ci si può dichiarare interessati solo al buon governo senza pensare che non esiste un buon governo senza buoni governanti ?
    Guardi che quando io dico “essere interessato” non significa “essere colpevolista” a priori per partito preso, intendo solo dire che non riesco a capire come si possa fare gli struzzi, scusi il termine, quando il sospetto tocca un politico per il quale si simpatizza per poi diventare giustizialisti irremovibili quando il politico è di un’altro partito. Tutto qui. Certo che se fosse direttamente l’assesore a discutere con i cittadini di questi argomenti sarebbe una grande bella prova di onestà intellettuale, spero proprio che l’assessore voglia farlo. Tanti saluti. Marcello

  12. Caro Marcello, non capisco di quale irruenza lei parli?
    Io sono assolutamente pacata.
    Lei è sicuramente persona intelligente e arguta e ha la capacità di strvolgere i contenuti.
    parla di una situazione imbarazzante di conflitto di interessi, di sospetto.
    Ma si rende conto? Penso che sia necessario un pò di equilibrio!
    Io stessa nell’intervento ho dichiarato che se il Segretariato generale, non condividesse i pareri legale presentati dall’assessore, sarebbe giusto che si dimettesse o dal Consorzio o da Assessore!
    Con cordialità, Monica.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome