Home AMBIENTE Roma – maltempo: alberi caduti, traffico impazzito, incidenti. E un bambino muore

Roma – maltempo: alberi caduti, traffico impazzito, incidenti. E un bambino muore

maltempo21.jpgUn nubifragio e fortissime raffiche di vento si sono abbattute sulla città  intorno alle 17 provocando molti allagamenti e la caduta di un gran numero di alberi. Uno di questi ha causato una tragedia: un giovane di 13 anni, in zona Tuscolano, è morto schiacciato da un pioppo mentre era in un parco. Nicolò, così si chiamava, insieme ad altri amici stava correndo via per mettersi al riparo dalla forte pioggia quando l’albero gli è crollato addosso.

Circa 500 le chiamate di soccorso fin’ora giunte ai Vigili del Fuoco ed al centralino del Comando della Polizia Municipale. Al Foro Italico, nelle vicinanze di Ponte Duca D’Aosta, un grosso albero si è abbattuto su alcune auto parcheggiate. In una di queste si trovava una donna incinta, che però non ha fortunatamente riportato ferite. I Vigili del Fuoco sono intervenuti con due  autogru.

Traffico impazzito e lunghe colonne di auto sul LungoTevere e sulle principali arterie urbane. Al Santa Maria della Pietà un albero è caduto davanti al parcheggio delle ambulanze: l’uscita è rimasta bloccata per circa 30 minuti. Ben 200 i Vigili Urbani all’opera per fronteggiare i numerosi  allagamenti, alberi caduti, persone rimaste all’interno delle autovetture mentre diverse pattuglie sono sul Grande Raccordo Anulare dove l’acqua ha invaso il tratto del raccordo compreso tra le uscite per la Prenestina e la Casilina e il traffico è andato completamente in tilt.

Il temporale ha causato guasti anche ai sistemi ferroviari, in particolare alla linea Roma – Viterbo sulla quale i treni hanno registrato ritardi fra i 40 ed i 60 minuti. Seri problemi anche all’aeroporto di Fiumicino dove decolli ed atterraggi hanno subito notevoli rallentamenti a causa della scarsa visibilità per la fitta pioggia.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome