Home AMBIENTE Domani non lasciarlo per strada

Domani non lasciarlo per strada

 Domani, 1°Agosto, il grande esodo annuale. 
Sei sicuro che sulla tua auto
ci saranno tutti
ma proprio tutti i componenti della tua famiglia ?
  
.
abbandono-cani.jpg

ma se per lui non c’è posto
lascialo da un parente, lascialo da un amico, lascialo in una pensione.
Alla peggio, lascialo in un canile.
Ma domani, quando partirai per le vacanze, non lasciarlo per strada.

.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. mi auguro che tu mentre sei sul ciglio della strada intento ad abbandonare il tuo cane,venga travolto da un tir che ti spappoli! Cosi ti impari a fare l’infame. DANIELE TESTONI

  2. NOTIZIA UTILE:
    Vi informo di una bella iniziativa dell’Associazione OIPAITALIA ed è attiva solo in autostrada, quindi se viaggi in autostrada e vedi un animale abbandonato invia un sms al numero 334 1051030 Il tuo sms sarà inoltrato alla sede più vicina della Polizia Stradale che attiverà le necessarie operazioni di emergenza ed interesserà le strutture preposte al recupero del cane.
    Ricordati di specificare la località e la provincia; la direzione di marcia e l’ora dell’avvistamento.
    Più dettagli saranno inviati e più facile sarà intervenire.
    Formidabile … vero !
    Vi ricordo una bellissima frase del GRANDE mahatma Ghandi :”La civiltà di un popolo si vede da come tratta i suoi animali.”
    G.M.T.

  3. Con grandissima soddisfazione Vi rimetto di seguito una letterina della mia amica PAPI dell’associazione BAUBEACH che finalmente dopo tre anni di spinosi iter giudiziari con il Comune di Fiumicino è riuscita a far riaprire la famosa spiaggia per i nostri beniamini.

    http://www.baubeach.it/Default.asp

    Amici miei,

    con una faticosa quanto minimalista messa in moto, siamo pronti per ricevervi…!

    Ci raccomandiamo di evitare la domenica, per chi può, dal momento che la zona è molto intasata per il traffico. Una volta giunti alla meta , NON SCIOGLIERE I CANI prima di essere arrivati alla spiaggia, se il cane fa i suoi bisogni NON OSATE non vedere: gli abitanti della zona sono già pronti a metterci sul banco degli imputati…

    Portate una scorta di acqua , dal momento che abbiamo un serbatoio ma potrebbe essere insufficiente: per il resto abbiamo organizzato una zona d’ombra, abbiamo gli ombrellini, le ciotole, un minimo di attrezzatura. Confidiamo nel buon senso e nello spirito di adattamento di ognuno di noi.

    Nella pagina DOVE SIAMO si spiegano i dettagli, comunque siamo alla sinistra del vecchio Baubeach.

    NON INFILATEVI NELLA RAMBLA per parcheggiare o altro, non sono così collaborativi..

    la stradina di accesso è esattamente alle spalle della Rambla , con un sentiero sabbioso recintato e pulito da noi , che la Maccarese Spa ci ha affittato : anche lì evitate di lasciare “ricordini” dei vostri cani: se non riusciamo adesso a dare un segno di civiltà, possiamo dimenticarci che da questa piccola ipotesi iniziale si sviluppi domani il nostro sogno.

    Per mangiare vi consiglio di essere autosufficienti, anche se la Rambla è abbastanza vicina con bar e ristorante, ma all’interno i cani non sono naturalmente accettati: se siete in due non è un problema, ma i single si equipaggino!!!

    Ciao a tutti e mille baci ai vostri cani

    papi

  4. abbandonare un cane, un gatto, o qualsiasi animale per partire per le vacanze, è un atto così schifosamente esecrabile da esigere il ritorno della legge del taglione e punire chi lo fa sottoponendolo allo stesso strazio.

    Ciò detto vorrei richiamare l’attenzione di tutti sull’ipocrisia della campagna governativa del “non lo abbandonare” con tanto di manifesto che si vede anche all’inizio di questo articolo. Si badi bene è stato sempre così: da circa 20 anni veniamo subissati da inviti da parte di questo o quel ministero (da questo punto di vista tutti i governi che si sono succeduti sono stati uguali) a non abbandonare i nostri amici pelosi.

    Benissimo direte voi.

    Malisimo dico io: che senso ha invitarmi a non abbandonare ad esempio un cane se:

    1 non posso portarlo con me a fare il bagno, neppure su una spiaggia libera. Eppure il nostro amico non farà mai i suoi bisogni in acqua (al contrario di tutti noi!) non abbandonerà mai cartacce o buste di plastica, non lascerà siringhe usate o rifiuti alimentari di ogni genere sulla spiaggia, e potrei continuare a lungo;

    2 non posso portarlo con me nella stragrande maggioranza di alberghi o pensioni (almeno in Italia);

    3 non posso portarlo in nessun ristorante;

    4 non posso lasciarlo “in pensione” in strutture pubbliche (che nemmeno esistono!)che almeno non chiedano lo stesso prezzo, non abbordabile per tutte le tasche, che pretendono quelle private, senza neanche la possibilità di una detrazione fiscale;

    5 è quasi impossibile, se non a pagando prezzi esorbitanti, e previe infinite complicazioni anche di ordine burocratico, portarlo in treno o su altri mezzi di trasporto pubblico (non parliamo poi dei taxi!);

    6 su quasi tutte le autostrade e strade di grande scorrimento sono inesistenti “punti di ristoro” per cani, dove sia possibile almeno dargli un po’ d’acqua fresca;

    E potrei continuare a lungo.

    Finisco con un invito ai signori del governo: meno parole e più fatti se si vuol cercare di sradicare la mala piaga dell’abbandono!

  5. @ Roberto Colica: un applauso col cuore.

    E’ verissimo tutto ciò che hai detto e questa è una pena che ci tocca sopportare quotidianamente.
    Aggiungo anche: in tanti si fanno solidari e si spacciano per amici del cane, ma poi sono vergognosamente ipocriti.

    Criminali sono anche chi lascia cani di grossa taglia in un balcone (3x3mq) tutto il giorno e il bello è vedere che si meravigliano se vedono il loro cane essere aggressivo o eccessivamente vivace: ce li vorrei vedere LORO a stare in quelle condizioni barbare!
    Cartellino rosso per quei soggetti che si schifano di avere contatti ravvicinati col cane, perché poco igenico. Se fosse davvero così, dovrebbero stare tutto il giorno a lavarsi le mani per lo schifo che è presente nell’aria di questa città.
    Penosi quelli che, appena vedono l’ombra di un cane davanti al negozio (con tanto di presenza del padrone e legati al guinzaglio), ti chiedono di allontanarti, come se appresso ti stai portando un terrorista munito di bombe molotov pronto per far saltare in aria il negozio.

    La cosa brutta è che tutte queste persone sono le prime, davanti a tutti, a sostenere che adorano i cani.

    L’ultima discussione sui ‘cani’ l’ ho avuta con una signora del mio condominio in una riunione: prima tutta carina ad interessarsi dei miei cani (ho uno zoo in casa), poi, dopo un’oretta, si rivolge all’amministratore chiedendo che sia imposta una regola condominiale in cui non vi è permesso di far salire i cani sull’ascensore.
    Nemmeno a dire che i miei abbiano lasciato sporcizie… assolutamente no e solo quando erano cuccioli capitava che lasciassero qualche goccia, che il sottoscritto immediatamente andava sempre a pulire con tanto di stracci ed ammoniaca.
    Quello che ho risposto alla signora, appena sentita la richiesta, ve lo lascio immaginare.

    Per carità… esistono anche i padroni maleducati, ma ancor peggio è vedere tutto quest’alone di ipocrisia che regna nella gran parte della popolazione italiana, la quale è la prima a dire che ama gli animali, ma poi a fatti dimostra l’esatto contrario.

    P.S.
    Domenica scorsa sull’Aurelia (dir. Roma), all’uscita di Torrimpietra, c’era un cane che camminava sulla corsia di sorpasso.
    L’ ha salvato la pioggia che ha costretto le macchine ad andare piano.
    E’ dovuta intervenire una volante (proveniente da Roma) a salvare questa povera bestia (taglia grande, nera). L’intervento è avvenuto dopo 20/25 min.
    Non solo si abbandona un povero cane, ma si rischia anche di provocare STRAGI!
    Vergogna e disprezzo per questi vermi.

    _____
    Buone vacanze a tutti!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome