Home AMBIENTE Ponte Milvio, gli ambulanti ed i parcheggi

Ponte Milvio, gli ambulanti ed i parcheggi

Passata la festa gabbato lo santo ? Nel periodo antecedente sia le elezioni che l’apertura del nuovo mercato di Ponte Milvio abbiamo assistito ad una ricorsa di promesse in merito alla successiva ma immediata riqualificazione del Piazzale: subito via gli ambulanti, per una piazza più bella, pulita ed ordinata, subito via i vecchi box sostituiti da ampi parcheggi a raso. E questa è la situazione di oggi, un giorno qualunque della settimana ma diverso dal sabato, perché di sabato il fenomeno si quadruplica :

[GALLERY=107]

ambulanti di fiori in divieto di sosta, ambulanti con banchi da 12 mq che occupano il suolo pubblico ostruendo l’accesso ai negozi, impedendo il passaggio dei pedoni e bloccando gli scivoli per i portatori di handicap, ambulanti con merce contraffatta. E pensare che era stato annunciato il loro immediato trasferimento in un’area attrezzata nella vicina piazza Maresciallo Diaz.

[GALLERY=108]

Ed i parcheggi a raso ? L’area del vecchio mercato è stata transennata, impedendo il passaggio ai pedoni ma soprattutto la vista di cumuli di rifiuti abbandonati durante il trasloco, di generi alimentari che marciscono al sole, dei ratti che vi scorazzano. Di operai al lavoro neanche l’ombra. E quindi la Piazza di Ponte Milvio continua ad essere ingolfata dalle auto in seconda e terza fila, come si vede in queste foto, senza che un solo Vigile fosse presente, oggi alle 13, a disciplinare il traffico. In compenso c’era un’auto-gru addetta alle rimozioni, anch’essa parcheggiata al centro della piazza in palese divieto di sosta.

[GALLERY=109]

La promessa era: Ponte Milvio da suk a salotto. Chiudiamo così come abbiamo aperto: passata la festa gabbato lo santo ?

.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Ponte Milvio e zone limitrofe, oramai ognuno fà come se fosse a casa sua: parcheggi a spina in seconda fila, praticamente in mezzo alla strada, SUV su marciapiedi al centro della piazza, venditori ambulati di frutta e verdura con il camion parcheggiato sulle strisce pedonali situate tra la questura e la chiesa, ieri una classica auto di scorta sulle strisce di fronte la macchina per fototessere accanto all’ex mercato, l’isola di fronte alla questura trasformata la sera in un parcheggio che blocca la viabilità ed infine le strade di accesso ai parcheggi del nuovo mercato già semibloccate da auto in sosta vietata.
    A questo punto mi chiedo se l’equazione Roma Nord zona di zona “bene” significhi inciviltà e maleducazione stradale (possiedo uno dei tanti odiati SUV ma 1. non lo uso per la città che è già ingolfata di auto ben più piccole e 2. lo parcheggio semplicemente entro le strisce e quando non trovo posto mi faccio qualche centinaio di metri in più, cosa evidentemente impensabile per le molte “signore” o i molti “signori” che pensano di guidare uno scooter50 invece che una macchina di 5 metri per 2 parcheggiandolo dove vogliono.
    L’unica soluzione che vedo è una riqualificazione dei marciapiedi in tutta la zona attorno alla piazza, la creazione di parcheggi a spina ove possibile e soprattutto la segnalazione con chiare strisce bianche dei parcheggi, attraversamenti e divieti di sosta sulla piazza e in tutte le strade limitrofe. Solo così si potranno stabilire chiare ed evidenti regole per permettere la mano dura dei vigilil e del servizio rimozione. Mi sembra assurdo vedere gente che la sera parcheggia sopra i marciapiedi della bella piazza, quando a 3/400 metri ci sono fior di “posti” liberi su Lungotevere!
    Saluti e complimenti per il blog.
    R.
    p.s. sono arrivato al punto di accendere le 4 frecce quando parcheggio regolarmente per evitare che qualcuno di chiuda in doppia e tripla fila…

  2. concordo con tutto quanto sopra e volevo aggiungere che a proposito del nuovo mercato, il parcheggio sotterraneo è gratis per due ore con un minimo di spesa di 30 euro. A me sembra un pò esagerato. Se si comprano 10 kg di mele, pere e arance non si arriva a 30 euro e non è comodissimo trasportarli ad un parcheggio più lontano a meno di pagare 2 euro l’ora. Per non dire che non è stata fatta nemmeno la convenzione col supermecato di fronte. All’interno poi, l’ascensore non funziona e i venditori si lamentano perchè le tende sono troppo corte (effettivamente è vero) e i banchi che sono esposti al sole non riescono a ripararsi e la merce si affloscia e inoltre sembra che la ditta addetta alle pulizie sia latitante. Insomma, come al solito le cose fatte a metà sia all’interno che all’esterno…

  3. Beh Francesca, al di là delle cose da migliorare che hai elencato (speriamo lo facciano in fretta) darei un giudizio positivo al nuovo mercato….
    Dimenticavo un’altro consiglio per evitare i parcheggi selvaggi: mettere i paletti a bordo marciapiede (al nuovo mercato l’hanno fatto) e fare marciapiedi larghi tanto da lasciare la strada ampia solo per un veicolo. In questo modo anche se uno lo volesse, non potrebbe nemmeno fermarsi a lato strada (bloccherebbe il traffico)…
    E’ una soluzione che hanno adottato in Prati e a Piazza delle Province (dove peraltro il Comune ha fatto delle ottime opere di urbanizzazione), ed è molto usata a Londra e Parigi (ormai il quartieri tipo Saint Germain dove le vie sono tipo Trastevere sono tutti così…strade strette con paletti ad entrambi i lati).
    Sono le uniche soluzioni che funzionano…
    R.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome