Home ATTUALITÀ Via del Podismo a Tempo di Record

Via del Podismo a Tempo di Record

Logo Comitato Cassia FlaminiaI Residenti di Vigna Clara sono ancora in attesa della risposta del Consigliere Giuseppe Molinari, Presidente della Commissione Urbanistica, Edilizia, Inquinamento e Parchi, sulle sue promesse “indagini e conferme” circa la reale decisione dell’Assessore alla Cultura, nonché Vice-Presidente del XX Municipio, Marco Perina che nel recente 30/12/2007 ha dichiarato pubblicamente, e testualmente, su questo Blog: “il Municipio NON HA DELIBERATO NULLA IN MERITO!!!” ovviamente riferito al Giardino di Via del Podismo.

Comunque, nel caso chi di competenza non fosse aggiornato, informo che nel Giardino suddetto è stata costruita, a tempo di record, arbitrariamente e con disagi alla viabilità locale una “villetta con veranda sul parco” alla faccia della “prioritaria volontà dei Cittadini” che da anni si oppongono con tutte le forze a questa unilaterale e imposta decisione politica. Bell’esempio di Democrazia!!! E che dispendio inutile delle pubbliche (cioè nostre) miserevoli risorse economiche!!!

Sandra Giannoccaro
Comitato di Quartiere “Cassia-Flaminia”

Visita la nostra pagina di Facebook

14 COMMENTI

  1. Cara Signora, non solo attendiamo queste risposte ma anche di conoscere, sempre da questa commissione, il risultato dell’analisi di tutto l’incartamento chiesto all’ufficio tecnico dove adesso è palese che l’averlo chiesto è stato solo una modo per lasciare passare i giorni che servivano a far costruire la villetta. Cara Signora, ci hanno presi in giro proprio per bene, ma non li immagina i loro sorrisetti mentre leggono questi nostri sfoghi ?

  2. Caro Maurizio, ha tristemente ragione.
    Vorrei precisare che – a parte l’accesso agli atti – da sempre non ho mai smesso di richiedere l’intervento di Italferr, Ferrovie, Polizia Municipale, Consiglieri Municipali e tutti gli altri Organi di Competenza che però si rimbalzano continuamente le competenze, seppure inizialmente qualcuno, per la verità, si sia attivato per bloccare i lavori.
    Purtroppo, però, ora pare una volontà comune a non volere intervenire. Pochi giorni fa ho anche incontrato l’Ass. Perina che insiste ad affermare che questa sarà una struttura utile ai Cittadini (biblioteca, anagrafe municipale, ecc.). Io gli ho ribadito fermamente che i Cittadini non la vogliono e con questa prepotenza si stanno giocando il Municipio! Più chiaro di così?? Comunque continuerò la battaglia fino in fondo.
    Però, per combattere ci vuole l’esercito, non bastano le parole o le lamentele e starsene poi comodamente a casa e lasciar fare agli altri. L’UNIONE FA LA FORZA! E quando sono stati chiamati i Cittadini per manifestare sul posto eravamo in cinque!!!
    La saluto cordialmente.
    Sandra Giannoccaro

  3. mia cara Signora, lei ha ragione ma non credo che se invece di 5 fossero stati 50 i cittadini a protestare sulla strada il fatto avrebbe smosso qualche coscienza. Forse avrebbe sortito un articolo su un quotidiano e poi basta. A meno di non fare un’azione di forza, un blocco del traffico, un girotondo intorno al cantiere per impedire agli operai di entrare ma allora si sarebbe passati dalla parte del torto. Che fare allora ? secondo me dobbiamo continuare con un tam-tam mediatico ancora più martellante: non riusciremo a demolire la casetta in costruzione ma sicuramente qualche bella picconata alla torre d’avorio nella quale sono chiusi i nostri indifferenti amministratori riusciamo a darla, soprattutto avvicinandosi asupicabilmente l’ipotesi di nuove elezioni municipali. Non cambieremo le cose in via del Podismo ma forse quelle in via Poma si !
    Mi stia bene signora e grazie a lei per il suo impegno.

  4. sul tema ho presentato una proposta di risoluzione che giace nelle commissioni urbanistica e lavori pubblici. 3n settiamana ho chiesto la discussione ottenendo un secco rifiuto da parte della maggioranza motivato dall’assenza dei documenti richiesti. %omani mattina in consiglio presenterò il testo ‘fuori sacco’. l’ iniziativa avrà successo solo se nessuno dei consiglieri si oppone. In caso contrario verrebbe negato al consiglio il dibattito sull’argomento. Vi terrò informati.

    marco tolli

  5. E’ certo che qualcuno si opporrà, domani ci faccia sapere chi in modo che poi lo si possa ringraziare di persona. grazie per l’interessamento.
    Maurizio

  6. Certo che il cittadino è stato preso in giro.
    Preso in giro dall’inefficienza dei consigli, delle futili e inutili riunioni, constatazioni, promesse, e chiacchere alla democrazia made in italy, c/0 xx municipio.

    I problemi e le ingiustizie, che queste amministrazioni propinano, possiamo combattrele solo assumendoci la volontà di risolvere a modo nostro, le problematiche del quartiere. A modo nostro.

  7. Questa mattina sono stata finalmente contattata dal Responsabile della Direzione Infrastrutture Nodo di Roma delle Ferrovie.
    Mi ha chiesto chiarimenti su Via del Podismo e relativa costruzione, per cui valuterà la compatibilità di questo nuovo edificio con la galleria sotterranea.

  8. Mi stupisce in realtà l’inaspettata e travolgente efficenza dimostrata dalla nostra circoscrizione ( o chi per lei ) nel dare una furiosa accellerata a tutte ( o quasi ) opere che erano “in pending” da tempo.
    Com’era il film ? Tutto in una notte ?
    Casetta-giardino a via del podismo , parcheggio a via del golf, ari-riqualificazione del parco via maratona, luminaria alla stazione tor di quinto, lavori a via due ponti ( ignoro il fine , comunque ).
    Mi sento quasi imbarazzato di fronte a cotanta abbondanza , poi dopo mi viene in mente che ,forse, qualcuno vede all’orizzonte dei fumi elettorali ed allora ….

  9. Non buttiamo tutto insieme nel calderone.
    L’illuminazione della stazione di Tor di Quinto è stata chiesta da tempo…
    I lavori a via due ponti sono la prosecuzione dei lavori per il collettore che sono iniziati mesi fa.
    Il parcheggio di via del golf finalmente finisce (incredibili i ritardi), ma prima o poi doveva succedere.

    Anzi se è per questo come da finanziamenti richiesti l’anno scorso, è stata illuminata via oriolo romano e, a breve, anche via due ponti.

    Su alcune cose si potrà pure pensare male, ma almeno pensiamo male avendo i fatti a comprovare questo pensiero…

    Ho sempre letto con piacere quanto scritto da Granpasso/aragorn, ma sinceramente questa volta…

  10. Visto? Cosa non si fa sotto elezioni! 🙂
    A parte gli scherzi, è giusto criticare l’amministrazione laddove è in difetto, ma mi sembra anche altrettanto giusto farlo se ce n’è un motivo.
    E anzi, trovo ancora giusto fare un plauso alla stessa se si muove bene.
    Semplicemente è essere obiettivi. Cosa non facile di questi tempi devo dire…

  11. Accipicchia che foga ragazzi!
    Comunque posso confermare che i lavori a via Due Ponti sono iniziati un anno fa circa e sono relativi al collettore.
    Io li ho visti dall’inizio, perchè lì c’è l’officina di un fabbro di cui si avvale la gente della zona e l’anno scorso nello scavare un pò troppo gli avevano fatto crollare giù delle vetrate….
    Comunque i lavori sono stati “grossi” (e sono ancora in corso al di là del ponte). E gli abitanti sapevano anche dell’illuminazione di via Oriolo e di quella prossima di via Due Ponti.
    Del resto basta frequentare le officine o il ristorante di zona e si apprende un pò di tutto, anche se a volte in maniera imprecisa. I quartieri, in fin dei conti, sono un pò come dei paesi….
    E poi scusate se mi stupisco del vostro stupore, ma non ci lamentiamo sempre che i tempi della burocrazia sono lunghi? I lavori ora in corso saranno stati decisi e poi finanziati e progettati e poi appaltati mesi fa, no?
    Comunque è certo che la zona se ne avvantaggerà ed a me questo sta bene.

    Quanto alle elezioni, ben vengano e presto: c’è giusto qualche pallone gonfiato da rimettere a terra…..
    E, per favore, avviso ai candidati futuri: cercate di non essere acri come il fumo in campagna elettorale! Sono allergica e come me tanta gente. E non sopportiamo più le diatribe astiose fra concorrenti. Abbiamo tutti occhi per vedere e orecchie per sentire e una testa per (quasi tutti) capire.
    Buona notte.
    Azzurra

  12. Pierluigi , sono il primo ad essere contento e soddisfatto se opere da anni in sospeso vengano concluse ora ed in breve tempo.

    Ritengo comunque – come abbiamo tutti avuto modo di verificare nel corso degli anni – che queste opere subiscono accellerazioni in prossimità di eventuali elezioni.

    Non dico che siano sospette , sono semplicemente “all’occorenza” , sarebbero comunque state terminate ma probabilmente in tempi ancora più lunghi.
    Una pratica assolutamente “bipartzan”.
    D’altronde tutti ci ricordiamo quanti primi ed unici mattoni e quanti nastri che inauguravano solo intenzioni e non opere hanno posato e tagliato francesco e walter.
    E lì ci siamo/si sono, fermati.

    In questi casi perlomeno vediamo l’effettiva conclusione.
    Avremo la luce all stazione tordiquinto, avremo/avranno i parcheggi a via del golf, avremo una migliore sistemazione a viadueponti, oriolo , eccetera.
    Nell’eccetera di queste opere , è compresa anche la “casetta” di via del podismo.

    Argomento che , debbo essere sincero , non capisco granchè bene, al momento.

    Nel senso che trovo non propriamente corretto che non siano stati “interpellati” gli abitanti della via o non siano state fatte oggetto di discussione le loro opinioni.
    Dall’altro , un’opera di riqualificazione di un’area dismessa da tempo e preda diurna di sporcizia e preda notturna di male frequentazioni non la vedo come cosa assolutamente negativa.
    Anzi.
    Si dovrà verificare alla prova dei fatti , l’impatto ( se ce ne sarà ) sulla viabilità/parcheggi e sulla tranquillità della via.
    Certo , da una parte è un po’ come se gli abitanti della maratona protestassero per il giardino adiacente, i cui frequentatori occupano e spesso anche male , i parcheggi.
    O gli abitanti di giochi delfici non volessero la chiesa le cui funzioni religiose provocano il caos domenicale.
    Quelli di iacini per il traffico causato dal cinema.
    Ossia, dapperttutto ma non nel mio giardino.

    Credo manchi poco a questo punto per verificare che tipo di attività verrà avviata nella famosa casetta, che tipo di manutenzione verrà richiesta ( se richiesta ) agli occupanti e che impatto avrà il tutto.

    Non “vedendo” al momento sotto queste proteste altro che una richiesta di vivibilità ottimale della zona , non mi resta che attendere la conclusione dell’opera e “vedere l’effetto che fà”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome