Home ATTUALITÀ Una proposta per l’AMA

Una proposta per l’AMA

In riferimento alla nostra indagine su Quelli che frugano nei cassonetti arriva dall’Ucraina una lezione di civiltà. L’agenzia di comunicazione MEX ha realizzato una splendida campagna di guerrilla marketing tesa a sensibilizzare i cittadini ed a modificare i loro atteggiamenti sull’uso nientemeno che della SPAZZATURA.

Il titolo della campagna è: La tua spazzatura è il loro pranzo dove per loro si intendono gli Homeless.

Clicca per IngrandireClicca per IngrandireClicca per Ingrandire

La campagna è stata realizzata con pochi investimenti inserendo sui cassonetti alcuni poster con i visi di Homeless e la dicitura: La tua spazzatura è il suo pranzo. I risultati sono stati eccellenti. Nei 12 giorni successivi le donazioni per gli Homeless sono cresciute del 500% mentre il numero verde ha ricevuto più di 300 telefonate di richiesta su come effettuare donazioni. Cara AMA perché non ripetere l’iniziativa anche a Roma ?

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. non ci vanno a rovistare nei cassonetti soltanto i poveri :bisogna non vergognarsi di farlo, dal momento che gli scarti dei supermercati costituiscono un autentico spreco! vengono gettati interi scaffali di prodotti, scaduti lo stesso giorno o in scadenza tra 2, 3 giorni. Pane fresco confezionato Carni , formaggi, polli arrosti perfettamente confezionati, il tutto chiuso nei sacchi e pulito. Quanto è il risparmio, ad esempio, se dovreste nutrire qualche animale domestico? questo cibo sarà comunque più sano delle scatolette ed è gratis. Si pensi e si rifletta, quanti bambini africani mangerebbero con le cose che qui da noi si gettano? Si produce troppo. E piuttosto che dare a chi ha bisogno, il sistema impone di gettare il tutto nelle immondizie, è più comodo! però è uno schifo, è la bella società degli sprechi.Un paese civile metterebbe questi “scarti ” a disposizione di chi ne ha bisogno ogni giorno, in un contenitore apposito,non costringendo così a rovistare nella spazzatura.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome