Home AMBIENTE Scazzottata notturna a Ponte Milvio

Scazzottata notturna a Ponte Milvio

Questa notte a Ponte Milvio un violento litigio degenerato in rissa ha reso necessario l’intervento dei Carabinieri.

litigio.jpgIl fatto: un ragazzo, proprietario di una BMW Z3, parcheggia regolarmente la sua auto a Piazza Ponte Milvio, la chiude e mentre sta per allontanarsi viene avvicinato da un ragazzo di colore che gli chiede 3 euro per averlo aiutato a parcheggiare e per custodirgli l’auto. Il primo ragazzo, non accettando come tutti queste continue estorsioni, non gli da ascolto e si allontana ignorando la richiesta. Alle sue spalle sente però delle frasi con oscure minacce. Fatte poche decine di metri, ci ripensa, torna indietro e trova il parcheggiatore abusivo intento a graffiargli l’auto con una chiave. L’intera fiancata era solcata da un lungo e vistoso graffio, di quelli che incidono e che vanno via solo con l’intervento del carrozziere. La reazione del danneggiato è stata immediata e purtroppo scontata : sono volati prima schiaffi poi calci e pugni. La zuffa stava pericolosamente degenerando quanto sono arrivate sul posto due gazzelle dei Carabienieri a sedarla. Non ci è dato di saperlo, ma temiamo che il proprietario dell’auto sia stato denunciato per aggressione e lesioni personali. Al parcheggiatore abusivo una multa, altro la legge non prevede. A voi i commenti.

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. .. il parcheggiatore abusivo stasera sarà ancora li’ a estorcere denaro, tanto la multa non la paga, e il nostro giovane eroe della bmw, oltre a pagare i danni del graffio, dovrà pure pagare l’avvocato!

  2. E’ purtroppo l’ennesimo episodio che prova a cosa sia ormai ridotto piazzale Ponte Milvio: una suburra, un suk di delinquenti che non hanno paura di agire in barba alla legge, una malabolgia. Un consiglio: qualora dovesse capitarvi un episodio del genere, o se siete anche soltanto minacciati, frenate la comprensibile voglia di “farvi giustizia” da soli, e chiamate immediatamente la polizia. Forse non verranno o forse sì: una cosa è certa: se ognuno prenderà l’abitudine di farlo (beninteso quando ne ricorrano gli estremi) tali chiamate non potranno più essere ignorate.

  3. Durante il weekend i Carabinieri avevano eseguito un raid anti parcheggiatori abusivi in tutta Roma ed anche a Roma Estate fermando numerose persone e sequestrando l’incasso di 900 euro frutto di un ora di lavoro.
    Posso proporre una soluzione. perchè alle persone che vengono fermate non viene obbligata la domiciliazione coatta durante l’orario serale? in questo modo se vengono fermati un altra volta incorrerebbero in sanzioni più elevate e forse nell’arresto.

  4. L’italia è il paese dove tutto è concesso. Purtroppo chi si difende da solo ci rimette e basta! Io non do mai i soldi a questi estorsori, ho preferito spendere 50€ in piu all’anno per fare la copertura per gli atti vandalici. Meglio un giorno senza auto dal carrozziere che dare soldi a questi delinquenti! Ci saranno sempre purtroppo perchè chi ci governa tanto il problema non si pone.. auto blu, scorta etc… ce lo vedo Veltroni a roma a cercare parcheggio nella sua FAMOSA ESTATE ROMANA!!!!

  5. Spero che i magistrati che si occuperanno del caso valuteranno il fatto che tentata estorsione e danneggiamento aggravato sono reati seri e che la legittima difesa si applica anche alla difesa dei propri beni.

    Lo spero, ma ne dubito.

  6. Non è di certo che si risolve il tutto se si chiama la Polizia o qualsiasi altra autorità. La Polizia, al massimo, allontana questi dai luoghi dove lavorano sporco.
    Il chiamare le autorità, almeno per quanto mi riguarda, sarebbe come ignorare il problema.
    Questo ragazzo sconterà tutte le carenze giuridiche di questo paese e mi dispiace perché questo problema non viene affrontato “seriamente” da ben 20 anni.
    Non è di certo una multa che varia dai 700 euro ai 2000 massimo (ma quando mai la pagano!?), che si risolve il problema dei parcheggiatori abusivi.
    E non è certamente una chiamata a frenare il parcheggiatore, perché tu (generico), vittima qual sei del suo ricatto “verbale”, non hai prove a sufficienza per denunciarlo.
    E non si hanno prove nemmeno quando ti ritrovi una macchina rigata, perché la difesa dell’accusato è pronta a sbatterti in faccia trecento prove che le tue dichiarazioni sono infondate e ti cita pure per i danni morali.
    E allora che si fa?
    Denunciare il parcheggiatore è quasi un suicidio (sempre che non t’aggredisca) e quindi la cosa che puoi fare è presentarti in questura e denunciare “presunti ignoti per aver fatto bla bla bla”.
    La parola “ignoto” nella Legge Italiana equivale a piazzare la causa negli archivi.
    Il problema verrebbe risolto se intervenisse il Prefetto e sollecitasse il governo ad affrontare questo problema duramente, con sanzioni penali e detenzioni più lunghe.
    Due giorni di galera ad un morto di fame (quelli sono semplicemente dei morti di fame) è come fargli un favore, perché lo fai vivere meglio di come possa vivere per le strade.
    Tieni l’abusivo per due anni in galera, fagli pagare l’anima e vedi che ci pensa due volte a ricommettere un reato simile.
    Sennò c’è un’altra soluzione che è più drastica e ci rimetterebbero tutti: rendere Ponte Milvio una zona a traffico limitato nelle ore notturne.
    L’ hanno fatto a Testaccio e sono spariti tutti questi che chiedevano due euro fissi in qualsiasi via ed in tutte le sacrosanti notti dell’anno.
    Considerate che tra qualche anno arriva anche la Metro e se non si fa qualcosa, c’è davvero il rischio che peggiori tutta la situazione.
    Io lo dicevo da due anni.
    Ecco i primi risultati.
    Mattia

  7. Vorrei lasciare un contributo giuridico sulla questione parcheggiatori abusivi.

    L’illecito che si configura è solo amministrativo, con conseguente sanzione pecuniaria. Ma, molto spesso, non viene pagata perchè i contravventori non posseggono nulla.

    Diverso il caso in cui il richiedente, cioè il parcheggiatore abusivo, venga denunciato per estorsione, in quanto richiede indebitamente del denaro. La denuncia deve essere fatta dall’estorto, cioè colui che parcheggia. In tal caso è il codice penale che deve essere applicato ele sanzioni sono pecuniarie e detentive.

    Ludovico Todini

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome