Home ATTUALITÀ I semafori di Piazza Giuochi Delfici

I semafori di Piazza Giuochi Delfici

Piazza Giochi delfici - SENZA TRAFFICO!!!Tutti voi ricorderete quando, circa una decina d’anni fa, venne implementato il sistema semaforico di Piazza Giochi Delfici: alcune menti illuminate dell’Ufficio Traffico del Comune di Roma, con l’assenso del XX Municipio, avevano infatti partorito l’idea di risolvere con una semaforizzazione intensiva il problema degli ingorghi allucinanti di questa piazza, sito simbolico della pessima circolazione automobilistica romana. L’impianto costò, così si disse, oltre 300 milioni di lire e naturalmente non funzionò….. Nel senso che fu studiato così male che, appena acceso, creò a macchia d’olio tanti di quegl’ingorghi in tutti i quartieri limitrofi che, dopo solo qualche giorno, venne spento definitivamente. Da allora abbiamo sulla piazza un grappolo di semafori spenti, con i vetri spaccati, utilizzati solo dalle agenzie immobiliari, che stanno lì a dimostrazione di una miope politica capitolina del traffico mentre per disciplinarne il traffico (peraltro di molto diminuito con l’apertura del passante Nord-Ovest) basterebbe che quell’elegante chiosco della Polizia Municipale, installato un anno fa e mai utilizzato, fosse frequentato da un paio di Vigili Urbani nelle ore di punta (ma questa è un’altra storia).

Torniamo dunque ai nostri semafori : per quanti altri decenni dovremo tenerceli sulla piazza ? Quanto costa e cosa osta rimuoverli ? Se l’iniziativa è stata fallimentare, ed è sotto gli occhi di tutti che lo è stata, sarebbe bene che il Comune ed il Municipio abbiano l’onestà di ammetterlo e provvedano a rimuoverli al più presto piuttosto che contare sull’indifferenza dei cittadini, che però tanto indifferenti alla gestione della res-publica non sono più. Grazie anche a questo blog. Apriamo dunque una campagna per rimuoverli: è un problema di decoro urbano, di dignità del quartiere, di non-passività dei suoi residenti e chiediamo tutti ai ( purtroppo pochi) Consiglieri Municipali frequentatori di questi blog di farsi parte attiva in tal senso.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. ho visto dal vostro sondaggio che 430 cittadini, me compreso, chiedono la rimozione di questo monumento allo sperpero. ma non saranno 430 voci al vento ? io sono scettico, secondo me tutto questo lascia indifferenti i nostri politici del municipio e i funzionari pubblici che potrebbero attivarsi per togliere questa vergogna dalla piazza. l’importante è stata mettercela e vantarsene, no ? poi se non funziona poco conta, cosa fatto capo ha.

  2. Salve,
    sono pienamente d’accordo e ricordo alla perfezione l’installamento di questi semafori nella Piazza.
    Non si potrebbe fare una petizione?
    Quante firme servono per smantellare questi orribili ed insulsi pali gialli?
    Spero in una risposta, anche via e-mail.
    E’ mio interesse voler collaborare e cercare di contribuire a coinvolgere più gente possibile alla firma di un’ipotetica petizione per la rimozione di questi semafori.

    Cordiali Saluti,
    Mattia

  3. sig.Ariola come ho già detto in un altro commento se servono 2 semafori pedonali sulla Cassia venite a smontarli da piazza Giochi Delfici, ce ne sono almeno una dozzina spenti da una decina di anni a perenne ricordo di un progetto fallimentare durato solo tre giorni. Legga questo articolo che ho ritrovato sfogliando nottetempo le pagine di questo blog.

  4. L’idea di togliere un semaforo da piazza Giuochi Delfici per metterlo sulla Cassia mi sembra ottima!
    A tal proposito, poiché le rotatorie sono state create soprattutto per evitare incidenti, perché non si migliora la segnaletica VERTICALE (e anche quella orizzontale ma prima di tutto verticale) sulla piazza? Da che mondo è mondo TUTTI DOVREBBERO sapere (ma pochi sanno) che sulle rotatorie ha il diritto di precedenza chi ha GIA’ IMPEGNATO la rotatoria e non chi viene da destra come su tutte le altre strade. Invece mi è capitato spesso, proprio a proposito delle minicar, di arrivare sulla piazza da via Cassia Antica (provenendo da Ponte Milvio) direzione ancora via Cassia Antica (quindi verso Sgaravatti per intenderci), e di dover quasi inchiodare a causa dei conducenti che arrivano sparati da via di Vigna Stelluti e non si degnano neanche di rallentare (il codice della strada obbliga con l’AVVICINARSI A UN INCROCIO a RALLENTARE per appurare, prima di impegnarlo, che l’incrocio sia libero!! Questo anche quando abbiamo un semaforo verde a darci il diritto di precedenza… E come ha purtroppo scritto Mattia (Post del 31 gennaio delle ore14:26:42), spesso anche quando si ha la precedenza si incontrano persone che non hanno la bontà di rispettare il codice della strada e darcela, quella precedenza!
    Allo stesso modo, circolando su piazza Giochi Delfici, a quanti di voi capita che chi scende giù da via della Camilluccia (o anche coloro che arrivano da Sgaravatti ma lì c’è una salita e la visuale è davvero poca perciò il rallentare è quasi “fisiologico”) imbocchi la rotatoria senza la MINIMA VELLEITA’ di rallentare e dare la precedenza a chi deve ad esempio uscire dalla rotatoria per andare a prendere via Nemea ? A parte la questione della precedenza stessa, che quando la piazza è intasata sembrerebbe davvero IL MINIMO che la precedenza venisse rispettata a favore di chi con quell’ingorgo non ha più niente a che fare perché deve uscire sulla sua “strada”… Ma la questione sicurezza è quella fondamentale: si rischiano ogni volta botti pazzeschi perché la gente non rispetta la precedenza, e nessuno rallenta a prescindere dal diritto o meno di avere la precedenza!
    I semafori non funzionano è vero, ma la segnaletica, PER I TANTI ROMANI CHE IGNORANO LE PIU’ BASILARI NORME DEL CODICE DELLA STRADA, invece la segnaletica sì che serve!!! Su via di Vigna Stelluti in prossimità della piazza non c’è il cartello del DARE precedenza e non sono sicura che ci sia nemmeno su via della Camilluccia, dove invece c’è una bella striscia vasta orizzontale a indicare lo STOP, ma chi ci fa caso a uno stop non segnalato a LETTERE o col segnale verticale?! Nessuno, ovviamente!
    Sarebbe da armarsi di pennello e vernice e scriverlo nottetempo… altro che WRITERS!
    Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome