Home TEMPO LIBERO Labaro, tre film all’aperto e gratis. Ecco quali e quando

Labaro, tre film all’aperto e gratis. Ecco quali e quando

cinema-all'aperto estate
immagine di repertorio
Galvanica Bruni

Continua la programmazione di “Cortili di Cinema”, la rassegna cinematografica estiva di Roma Nord iniziata il 14 giugno per offrire al territorio la proiezione gratuita di film della commedia all’italiana nei cortili delle scuole del Municipio XV con l’obiettivo di favorire la socializzazione tramite la promozione del cinema sul grande schermo. Promossa dal Municipio XV e curata dall’ANEC Lazio, durerà fino a metà luglio.

Il prossimo fine settimana “Cortili di Cinema” si trasferisce a Labaro, fra le mura all’aperto della scuola Castelseprio, dove l’appuntamento è alle 21 in punto di venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 luglio.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

venerdì 5 luglio, film “Come un gatto in tangenziale”

un film del 2017 diretto da Riccardo Milani con Antonio Albanese, Paola Cortellesi e Claudio Amendola.

L’intellettuale Giovanni e Monica, ex cassiera del supermercato, non si sarebbero mai incontrati se i loro figli non si fossero fidanzati. Col tempo anche loro capiscono di volersi bene, anche se la loro storia durerà come un gatto in tangenziale…

sabato 6 luglio, film “Gli ultimi saranno ultimi”

un film drammatico del 2015 diretto da Massimiliano Bruno con Paola Cortellesi, Alessandro Gassmann, Fabrizio Bentivoglio e Stefano Fresi.

Il film racconta la storia di una donna semplice che sogna una vita dignitosa assieme al marito. È proprio al coronamento del loro sogno d’amore, quando lei attende un figlio, che il suo mondo inizia a perdere pezzi: si troverà senza lavoro e deciderà di reclamare giustizia e diritti di fronte alla persona sbagliata…

domenica 7 luglio, film “Grazie ragazzi”

un film italiano del 2023 diretto da Riccardo Milani. Protagonista Antonio Albanese con Fabrizio Bentivoglio, Vinicio Marchioni e Sonia Bergamasco.

Di fronte alla mancanza di offerte di lavoro, Antonio, attore appassionato ma spesso disoccupato, accetta un lavoro offertogli da un vecchio amico e collega come insegnante di un laboratorio teatrale all’interno di un istituto penitenziario…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome