Home CRONACA Novità per il palazzetto dello sport di Cesano

Novità per il palazzetto dello sport di Cesano

palazzetto-sport-cesano
Galvanica Bruni

Un passo avanti nella vicenda del palazzetto dello sport di Cesano i cui lavori sono fermi da oltre trentasei mesi. Il destino di quello che ormai da oltre 12 anni doveva diventare non solo il primo impianto sportivo di Cesano, ma anche di tutto il quadrante nord di Roma, pare sia tornato a cuore del Campidoglio.

È quanto si apprende da Nando Bonessio, presidente della Commissione Sport del Comune di Roma, nel raccontare che la commissione da lui presieduta e quella dei Lavori Pubblici hanno affrontato in seduta congiunta la questione di questo palazzetto, una struttura sportiva da circa mille spettatori che da lunghi anni si trova in una condizione di cantiere semi-abbandonato.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

La causa? “Lungaggini burocratiche e tecniche che le passate amministrazioni non sono state capaci di risolvere” sostiene Bonessio affermando: “Ora viaggiamo spediti verso il completamento dei lavori”.

Secondo quanto emerso dalla riunione delle due commissioni il progetto del palazzetto ha ricevuto i pareri favorevoli della Commissione nazionale impianti sportivi del CONI e dei Vigili del Fuoco mentre sul piano degli investimenti economici è stato già ottenuto un finanziamento di 2,7 milioni di euro e il costo complessivo dell’opera sarà di 7,7 milioni.

Con il presidente della Commissione lavori pubblici Antonio Stampete e il presidente del Municipio Roma XV Daniele Torquati – continua Bonessio – ci stiamo attivando per reperire le risorse necessarie a terminare l’opera. Gli uffici dovranno validare i progetti in modo da arrivare entro l’estate all’approvazione degli stessi in Giunta; a seguire si potrà dare il via a una gara unica, sia per gli interventi interni che esterni”.

Ritengo urgente e prioritario concludere l’iter di realizzazione dell’opera sia per dotare la città di un ulteriore impianto prestigioso e significativo per il quadrante di Roma nord, sia per migliorare l’offerta di servizi pubblici in un quartiere come quello di Cesano – conclude Bonessio – che non offre molte occasioni di pratica sportiva”.

Storia di un’incompiuta fra stop & go

Per il progetto pubblico del palazzetto, approvato nel 2001 e avviato solo nel giugno di otto anni dopo, la svolta parve arrivare nel 2015 quando la Giunta Marino destinò un finanziamento di 1 milione e 700 mila euro per l’avvio della seconda fase dei lavori, mirati al recupero dello scheletro fermo da tempo e in stato di deterioramento.

Grazie a ritardi, lungaggini burocratiche e lavori proceduti a singhiozzo la struttura era infatti diventata un vero e proprio ecomostro.

A cantiere riavviato, due anni dopo nuovo stop per un contenzioso tra la ditta appaltatrice e il Comune di Roma per delle difformità riscontrate all’interno della struttura. I lavori riprenderanno a luglio 2020 con la consegna di cinque navate in legno destinate alla copertura del tetto, le prime di ulteriori venti.

Si trattava del posizionamento di travi lunghe oltre 30 metri a cui sarebbe dovuta seguire la realizzazione del campo da gioco e la posa dell’intero piano terra del palazzetto comprensivo di impianti di illuminazione, rete elettrica e di condizionamento.

Dal Campidoglio erano arrivate rassicurazioni sugli step successivi: nell’ennesima “seconda fase” sarebbe avvenuta la realizzazione degli altri piani interni alla struttura sportiva e di tutta la zona esterna, comprensiva di parcheggi per il pubblico.
Ma nel 2021 i lavori si fermano nuovamente. Mai più ripresi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome