Home SPORT Al Foro Italico viva il tennis! Ma quanti doppi falli…

Al Foro Italico viva il tennis! Ma quanti doppi falli…

Campo-Centrale
Galvanica Bruni

Speriamo solo non sia vietato entrare al Foro Italico con pane e mortadella e una minerale, perché qualora non si potessero portare le vettovaglie al seguito sarà il caso di ipotizzare la “cessione del quinto” per rifocillarsi nel corso di una qualsiasi delle giornate di tennis in programma tra pochi giorni dalle parti del Centrale.

È storia nota e arcinota, e se non ci si assiepa sulle gradinate dello stadio del tennis capitolino a pancia piena saranno salassi per restare in forze.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Già lo scorso anno un tozzo di pane e una bevanda costavano dieci euro, qua con la scusa della crisi c’è già quel chiacchiericcio più ficcante d’un passante di Sinner che azzarda l’aumento di rito. Ecco, pensate a una famiglia normale, padre, madre e un paio di pargoli… quale sarà il costo minimo per un nucleo familiare?

Purtroppo funziona così, non esistono regole, e sarà sempre troppo tardi denunciare i costi di una “giornata” all’insegna del tennis che dovrebbe abbracciare gli appassionati, non ostracizzarli.

Il tutto per tacere degli stand che accompagnano lo “struscio” nel villaggio e di articoli legati alla disciplina, che si rischia di pagarli il doppio che se si va in negozio.

Dice… “ma a Wimbledon ci sei mai stato? Anche li non scherzano”. Si, è vero, anche Londra regala nulla, e pure a quelle latitudini i costi del “mangereccio” sono alti. Ma… allora perché prendiamo come esempio l’estero solo quando ci conviene?

Finale dedicato ai biglietti, altro doppio fallo dell’evento. Finisce sempre a tarallucci e vino, sono già sold out per la finale del 19 maggio. Ma abbiamo la netta sensazione che il giorno stesso dell’ultimo atto qualche bagarino si appropinquerà davanti ai cancelli per offrire l’agognato tagliando a prezzi esorbitanti.

Non ci credete? Beh… pensate a quel che diceva Giulio Andreotti… “A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina”.

Massimiliano Morelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome