Home ATTUALITÀ Corsa di Miguel, il 21 si corre

Corsa di Miguel, il 21 si corre

la_corsa_di_miguel_ponte-milvio
foto di repertorio
Galvanica Bruni

Il 21 gennaio va in scena una delle corse più amate dai podisti, la Corsa di Miguel, che raggiunge l’edizione numero venticinque.

Il traguardo è fissato al Parco del Foro Italico, con arrivo all’interno dello stadio Olimpico, lo stesso scenario dove a giugno si aprirà il campionato europeo di atletica leggera (in programma dal 7 al 12 giugno), la manifestazione sportiva più attesa dell’anno, per lo meno in Italia, preludio all’Olimpiade di Parigi.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

La corsa, di dieci chilometri, parte alle 9 e 30 da Lungotevere Maresciallo Diaz, si snoda lungo le vie di Roma nord e si svolge sia in modalità agonistica, riservata agli atleti iscritti Fidal o enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni o titolari di Runcard, sia con caratteristiche non competitive, aperta a tutti.

Il percorso è pianeggiante ed è prevista anche una gara non competitiva di nove chilometri e novecento metri oltre a una Strarazzismo, una “camminata-corsa-passeggiata” di tre chilometri.

La gara fino a dodici mesi fa aveva visto come vincitori gli italiani, lo scorso anno per la prima volta ha vinto uno straniero, l’eritreo Freedom Amaniel; fra le donne sempre successi azzurri, incluso quello del 2022 di Costanza Arpinelli.

La gara è organizzata dal Club Atletico Centrale ed è la kermesse dell’inclusione: 278 scuole hanno aderito al “progetto Miguel” e sono 40 le associazioni impegnate nel campo della solidarietà che “adotteranno” tutti i tratti del percorso colorandolo con striscioni e bandiere.

Inoltre c’è il campionato italiano di joelette, una corsa nella corsa con le speciali carrozzine su cui saliranno persone non autosufficienti che potranno ugualmente vivere l’atmosfera della gara, spinte da parenti e amici.

In gara, fra i tanti, anche Annalisa Minetti, pronta a dire che “tornerò a vivere questa gara. Miguel è per me l’inizio, è stata una delle mie prime corse, ma soprattutto quello che mi piace ricordare è che Miguel è inclusione”.

Leonardo Morelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome