Home ATTUALITÀ Garante Privacy multa una società energetica per 10 milioni di euro

    Garante Privacy multa una società energetica per 10 milioni di euro

    risvolti negativi del mercato libero, attivati col porta a porta contratti di gas e luce non richiesti e con dati inesatti e non aggiornati

    garante-privacy
    ArsBiomedica

    Il Garante per la Privacy ha elevato una multa di ben 10 milioni di euro a carico di Axpo Italia Spa, società fornitrice di energia elettrica e gas, per l’attivazione di contratti non richiesti nel mercato libero mediante il trattamento di dati inesatti e non aggiornati della clientela.

    La società, stando a quanto si legge sul Provvedimento del 28 settembre 2023, avrebbe trattato illecitamente i dati personali di oltre 5mila utenti e ora dovrà adottare una serie di misure tecniche e organizzative prescritte dal Garante per conformarsi alla normativa italiana e europea sulla protezione dei dati.

    Continua a leggere sotto l‘annuncio

    Il Garante è intervenuto a seguito di numerosi reclami di utenti che lamentavano l’attivazione a loro insaputa di contratti di luce e gas intestati a proprio nome, dei quali erano venuti a conoscenza dopo aver ricevuto lettere di chiusura del precedente fornitore o dei solleciti di pagamento delle fatture insolute. Gli stessi lamentavano, in particolare, che i propri dati personali (come per esempio indirizzo email, numero di telefono e di fornitura) indicati nel contratto fossero inesatti o non aggiornati.

    Dalle ispezioni effettuate dal Garante è emerso che la società avrebbe acquisito i nuovi contratti per la fornitura di luce e gas tramite una rete di circa 280 venditori (agenti e subagenti) porta a porta, senza essersi dotata di strumenti e procedure idonee ad avere certezza che i dati inseriti dai venditori all’interno del proprio database corrispondessero effettivamente ai reali utilizzatori delle utenze.

    Tali carenze hanno comportato l’acquisizione di contratti non richiesti, spesso compilati con dati personali inesatti e non aggiornati. Significativo il caso limite di un utente che aveva contestato alla società ben 23 attivazioni su altrettante utenze aventi la stessa data di inizio e cessazione di fornitura. Nel database della società, inoltre, erano presenti 2.462 proposte contrattuali in cui lo stesso indirizzo email del potenziale cliente era ripetuto per più di cinque volte.

    L’Autorità, oltre alla multa di 10 milioni di euro, ha quindi ingiunto ad Axpo Italia Spa l’adozione di una serie di misure correttive, tra cui l’utilizzo di un sistema di “check-call” bloccante che permetta di verificare la correttezza dei contratti acquisiti tramite la rete di venditori; l’introduzione di sistemi di alert idonei a rilevare eventuali comportamenti scorretti e/o fraudolenti di acquisizione dei dati di potenziali clienti da parte dei venditori; l’implementazione di meccanismi di accertamento della effettiva ricezione delle comunicazioni trasmesse al cliente in fase di contrattualizzazione; l’adozione di regole procedurali volte a rafforzare le attività di audit nei confronti dell’operato delle agenzie.

    Ora, ai sensi di legge, la società potrà opporsi al provvedimento del Garante ricorrendo all’autorità giudiziaria ordinaria entro trenta giorni dalla data di comunicazione dello stesso.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    1 commento

    1. Fino a poco tempo fa si vedevano in giro e anche all’interno di condominii, coppie di giovanotti con cartellina in mano e fnto badge di Enel.
      Che lassù qualcuno strafulmini questi truffatori.

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome