Home CRONACA Via Grottarossa, chiusa per caduti alberi forse riaperta sabato 8 ottobre

Via Grottarossa, chiusa per caduti alberi forse riaperta sabato 8 ottobre

alberi-caduti-via-grottarossa
Galvanica Bruni

Ancora una settimana di passione sulla Flaminia a causa della chiusura di un tratto di via di Grottarossa – avvenuta nel pomeriggio del 26 settembre su disposizione dei Vigili del Fuoco – causa caduta di alberi.Tolta la possibilità di usare questa lunga strada che, peraltro, congiunge via Flaminia con via Cassia, ai pendolari su quattro ruote non resta altro che incolonnarsi su via Flaminia dove ogni mattina si registrano code chilometriche.

Nel frattempo vanno avanti i lavori. A fornire l’ultimo aggiornamento è il presidente del Municipio XV, Daniele Torquati, informando che “A seguito della relazione dell’agronomo della Protezione Civile si è certificato che i primi interventi in emergenza fatti dal CEV – Centro Emergenza Verde di Roma Capitale, purtroppo non sono stati sufficienti per consentire l’apertura della strada. Pertanto, come Municipio, siamo stati costretti in autonomia a commissionare una nuova relazione tecnica, pervenutaci da poco e che prevede l’abbattimento di ulteriori 25 alberi morti e la potatura dei rami che aggettano sulla strada”.

“In queste ore quindi – continua Torquati – a seguito della nuova relazione abbiamo lavorato per realizzare gli interventi richiesti e pertanto dopo che lunedì avremo affidato l’incarico alla squadra, martedì inizieranno gli interventi”.

Secondo quanto riferisce il minisindaco ci vorrà ancora tutta la prossima settimana. Le operazioni infatti dovrebbero iniziare martedì e concludersi, salvo condizioni meteorologiche avverse, venerdì o sabato mattina, quanto basta per riaprire la strada nella giornata di sabato 8 ottobre.

“Sebbene alcuni tratti interessati siano di proprietari privati, che comunque saranno diffidati, gli interventi in emergenza prima e in autonomia del Municipio dopo, si sono resi necessari per velocizzare la riapertura della strada al traffico, ma soprattutto – conclude Torquati – per tutelare l’incolumità pubblica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome