Home CRONACA Pedane e dehors “covid”, autorizzazione prorogata fino al 31 dicembre

Pedane e dehors “covid”, autorizzazione prorogata fino al 31 dicembre

pedane-via-flaminia
Promuovi la tua attività commerciale a Roma Nord

Sul filo del rasoio. Da sabato sarebbe scattata la tagliola del Campidoglio sulle occupazioni di suolo pubblico. A salvarle ha provveduto il governo con una misura che proroga al 31 dicembre le occupazioni, liberalizzate con il covid e diventate permanenti da provvisorie che erano.

Anche perché – sostengono gli esercent i- all’emergenza covid è subentrata quella dei costi dell’energia. I commercianti hanno già notificato al Campidoglio la nuova disposizione governativa, affinché la recepisca senza frapporre indugi.

Si tratta della terza proroga sul tema che in ogni quartiere di Roma divide residenti ed esercenti. Con i primi pronti ad invocare decoro e spazi per pedoni ed auto. E i secondi determinati a rivendicare il diritto al lavoro anche dei propri  dipendenti destinati ad essere licenziati in massa se solo un tavolino sarà toccato.

Gazebo, terrazze, “funghi” e tavolini sono destinati a restare sui marciapiedi, sulle strade e in piazza sino alla fine dell’anno. Il Comune attraverso l’assessore Lucarelli ha fatto sapere di essere pronto ad emanare la circolare che disapplica la delibera che fissava al 30 settembre la scadenza inderogabile per tavolino selvaggio. Nessuna deroga né per il centro storico o le aree più colpite dalla movida incontrollata.

E nulla si sa del destino della task force che doveva operare tra il primo, il secondo e il quindicesimo municipio con controlli serrati su spazi ed arredi. Nessuna rimozione, né riduzione di occupazioni da Ponte Milvio a via Flaminia: tutto resterà com’è e magari si proverà anche ad allargarsi. Confidando nella quarta proroga. (red/RL)

Leggi anche…

Una task force contro dehors abusivi nel I, II e XV Municipio

Ponte Milvio, pedane e dehors sotto la lente

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome