Home SPORT Europei, l’Italnuoto comincia con quattro medaglie

Europei, l’Italnuoto comincia con quattro medaglie

campionati-europei-nuoto
Ottica Artigiana Carli

Neanche il tempo d’iniziare e l’Italia subito incamera una medaglia d’oro all’Europeo di nuovo. La conquista un ragazzo che ha lo stesso sguardo di Eros Ramazzotti e canta pure lui, solo che lo fa in acqua.

Alberto Razzetti chiude in 4:10.60 i 400 misti e trionfa davanti all’ungherese David Verraszto e a un altro azzurro, Pier Andrea Matteazzi, bronzo.

Comincia nel migliore dei modi l’Italia del nuoto, che nel frattempo porta a casa pure una medaglia d’argento col nuoto sincronizzato, protagoniste Domiziana Cavanna, Costanza Di Camillo, Gemma Galli, Marta Murru, Linda Cerruti, Costanza Ferro, Marta Iacoacci, Enrica Piccoli, battute solo dall’Ucraina.

Gli spalti sono gremiti come non mai, gente in costume, o comunque a torso nudo che si esalta quando suona l’inno di Mameli.

A consegnare le medaglie dirigenti d’ogni tipo, fra questi il presidente federale Paolo Barelli, ma la presenza più tenera a bordo podio è quella di Lea e Gastone, cani-mascotte che magari non sanno perché stanno lì, buoni buoni, ma percepiscono che a fine gare, quando tutti saranno andati via, gli addestratori concederanno loro il premio d’un bagno in piscina.

Prima però c’è ancora tempo per assistere alla conquista di un’altra medaglia, d’argento, per l’Italia. La conquistano Marco De Tullio, Lorenzo Galossi, Gabriele Detti e Stefano Di Cola al termine di una 4×200 stile libero combattuta e vinta dall’Ungheria. Quarte sulla stessa distanza le azzurre, brave comunque. Anzi, bravi tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome