Home ARTE E CULTURA Caput Mundi, 500 milioni per il patrimonio monumentale di Roma

Caput Mundi, 500 milioni per il patrimonio monumentale di Roma

tomba-gladiatore
Galvanica Bruni

Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia e il commissario straordinario per il Giubileo e sindaco di Roma Roberto Gualtieri hanno presentato gli interventi del progetto Caput Mundi, che stanzia complessivamente 500 milioni per il recupero, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio monumentale di Roma e del Lazio.

Il progetto è ripartito in 335 interventi su 283 siti archeologici e culturali, da realizzarsi a cura di più soggetti attuatori: Ministero del Turismo, Ministero della Cultura – con il coinvolgimento delle varie Soprintendenze – , Parco Archeologico del Colosseo, Parco Archeologico dell’Appia Antica, Diocesi di Roma, Regione Lazio e Roma Capitale.

Gli interventi definiscono un processo innovativo di valorizzazione del patrimonio archeologico, turistico e culturale di Roma e del Lazio, usando l’opportunità offerta dal Pnrr in coincidenza con il Giubileo del 2025.

I macro-obiettivi di questo grande progetto di rilancio culturale ed economico della Capitale sono: aumentare significativamente il numero di complessi turistici fruibili, creare offerte alternative ai percorsi tradizionali anche fuori dal centro storico, rilanciare anche quei luoghi o monumenti “minori” che spesso vengono dimenticati e formare personale qualificato da far entrare in servizio.

“Oggi è una giornata molto importante perché presentiamo un piano da 500 milioni di euro concentrati su un ambito specifico di grandissima importanza, non solo per Roma, ma per tutto il Paese”, ha spiegato il sindaco Roberto Gualtieri. “Un programma ambizioso, molto diffuso, che arriva anche nei quartieri più lontani, con 335 interventi su 283 siti archeologici e culturali. Con l’opportunità di migliorare, mettere in sicurezza, innovare e valorizzare una fetta larga del patrimonio artistico e naturalistico del territorio”.

Le ricadute su Roma Nord

È dunque in arrivo una pioggia di denaro sui siti archeologici di Roma Nord, tra cui lo splendido Mausoleo di Marco Nonio Macrino di via Flaminia, detto anche la Tomba del Gladiatore, che sarà finalmente aperto al pubblico.

Ma non solo… per tutti i dettagli ecco il nostro articolo di ottobre 2021 col quale davamo notizia in anteprima delle ricadute su Roma Nord…

Giulia Vincenzi

Dal PNRR pioggia di denaro sui siti archeologici di Roma Nord

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome