Home POLITICA Municipio XV, chiesto consiglio straordinario sulla peste suina

Municipio XV, chiesto consiglio straordinario sulla peste suina

municipio-xv-flaminia-872
Esposizione al sole

Il Municipio XV è uno dei tre, assieme al XIII e al XIV, a essere più impattato dalle decisioni assunte per il contenimento della peste suina incorporando nel proprio territorio gran parte della “zona rossa”, oltre alle aree del Parco di Veio e della Riserva Naturale dell’Insugherata (in cui è stato scoperto il focolaio della PSA), dalle quali i cinghiali sconfinano nelle zone urbane.

Numerose strade sotto stretta osservazione da parte di Ama per favorire l’applicazione delle misure di contenimento dei cinghiali da parte del Campidoglio. Nel XV, oltre a via Panattoni, via dell’Acqua Traversa e via Azzarita in zona Cassia, a essere sotto la lente dell’AMA sono anche via delle Galline Bianche, via Ghisalba, via Arcisate, via Valbondione, via Brembio, via Brembate, via Clauzetto, via Gemona del Friuli, via Magnano in Riviera e via Osnago in zona Labaro-Prima Porta, via al Sesto Miglio, via Santi Cosma e Damiano e via di Grottarossa, in zona Tomba di Nerone-Grottarossa.

E’ quanto ha fatto sapere l’assessora capitolina all’Ambiente, Sabrina Alfonsi, spiegando che sono state effettuate e sono in corso sanificazioni dei cassonetti e dove possibile, Ama provvederà a sostituire i cassonetti da 1.200 litri con quelli da 2.400 per evitare che i cinghiali li rovescino.

E’ in questo scenario che i gruppi di opposizione del Municipio XV (FDI, FI, M5S e Lega) hanno chiesto sul tema la convocazione di un consiglio straordinario che, a norma di regolamento, si dovrà tenere entro i prossimi dieci giorni.

“La diffusione della peste suina africana richiede un intervento coordinato da parte di tutte le realtà istituzionali del territorio. Questo problema va fronteggiato subito prima che la situazione degeneri ulteriormente” scrive in una nota Giuseppe Mocci, capogruppo Lega, sostenendo che “per dare un segnale concreto da parte del primo ente territoriale interessato dall’emergenza, questa mattina abbiamo richiesto un consiglio straordinario condiviso anche dalle altre forze politiche, al fine di fare chiarezza e capire come voglia muoversi la maggioranza municipale a riguardo, e dare il nostro contributo fattivo a un problema che non può essere sottovalutato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome