Home TEMPO LIBERO La città della Pizza, gustoso appuntamento a Tor di Quinto

La città della Pizza, gustoso appuntamento a Tor di Quinto

città della pizza
immagine di repertorio
Galvanica Bruni

Sabato 28 (dalle 11 alle 24) e domenica 29 maggio (dalle 11 alle 22), nel parco Tor di Quinto, quello del laghetto, si terrà la rassegna ‘La città della Pizza’, l’evento ideato da Vinòforum che ha come protagonista il prodotto italiano più amato al mondo.

La Città della Pizza – con ingresso gratuito – è una grande piazza aperta a tutti: dagli appassionati agli addetti ai lavori. Prevista la presenza di 60 maestri pizzaioli provenienti da varie regioni italiane che da 14 ‘case’ appositamente realizzate presenteranno tutte le tradizioni della pizza: napoletana, all’italiana, romana, a degustazione, fritta, al taglio e senza glutine ma nella proposta non mancheranno i fritti all’italiana.

Previsti anche laboratori sia per adulti che per bambini, e workshop per operatori del settore, tutti con accesso gratuito.

“La manifestazione – dichiara Emiliano De Venuti, ideatore de La Città della Pizza e n.1 di Vinòforum – sarà un grande parco giochi dedicato alla pizza in tutte le sue sfaccettature. Siamo entusiasti di riaprire le porte di questa magica città in un nuovo spazio immerso nel verde e al centro di Roma. Non vediamo l’ora di accogliere pizzaioli e appassionati, perché ora più che mai la pizza, oltre ad essere un prodotto iconico, è un vettore di cultura, tradizioni e ricerca”.

Programma e calendario eventi sono sul sito de La città della Pizza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

  1. Si creerà un macello di traffico, visto che la strada è strettissima e già si ingolfa ogni weekend!
    Bisognerebbe allargarla e porre una rotonda per l’immissione nella strada o un semaforo funzionante!
    È inaccettabile una stradina così piccola per tutto il traffico di veicoli che la percorre, per via dell’esistenza dell’unico polmone verde della zona che si somma a tutti i circoli sportivi posti dietro.
    Solita situazione scandalosa romana!

  2. Il solito evento commerciale fatto a scapito dei cittadini e dei fruitori del parco che verrà deturpato dagli stand che lasceranno il prato distrutto, ferramenta per terra e rifiuti. Il traffico paralizzerà la zona e il Parco non sarà fruibile per metà per giorni fra allestimento e manifestazione. Perchè permettono questo scempio per una manifestazione che non ha alcuna valenza culturale e che serve solo a far fare incasso?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome