Home AMBIENTE L’unica area giochi di Collina Fleming degradata e dimenticata

L’unica area giochi di Collina Fleming degradata e dimenticata

area-giochi-via-valdagno
Ottica Artigiana Carli

Il parchetto di via Valdagno è l’unica area pubblica di Collina Fleming dedicata ai bambini, ma pericolante e inagibile. Nonostante le proteste dei residenti e il tentativo di alcuni di risistemarlo, giace in completo stato di abbandono da molto tempo.

Si tratta di un triangolo di appena mille metri quadri che sorge all’incrocio tra via Valdagno, via Civitella d’Agliano e via Monterosi, uno spazio dichiarato area ludica e affidato al Servizio Giardini del Dipartimento Tutela Ambientale.

Il cartello del Comune di Roma posto davanti al cancello chiuso così recita: “Qui gioco io!” e ancora “La responsabilità dell’uso delle attrezzature ludiche è dei genitori e/o accompagnatori, che devono assicurarsi dell’integrità delle stesse”. Di giochi però, non c’è traccia.

L’alto muro di tufo che contiene il parchetto sembra frantumarsi su stesso e la recinzione è in più punti divelta, in alcuni rattoppata con staccionate di legno o reti di plastica arancione; all’interno l’ortica e i rovi crescono indisturbati, un pino caduto giace a terra dal 2019, un cassonetto è crollato e un altro straripa di immondizia.

“Al Fleming non ci sono aree dove i bambini possano giocare in tranquillità, a parte quelle della chiesa di San Gaetano e della chiesa del Preziosissimo Sangue. È quindi molto importante restituire questo piccolo parco al quartiere al più presto”, spiega Cristina Tabarrini, presidente del ‘Comitato i quartieri della stazione di Vigna Clara e dintorni’.

Già nel 2015 vennero investisti circa 20mila euro per riqualificare la piccola area. Venne ripulita, recintata, allestita con giochi per bambini e fu realizzata una rampa di accesso. Un sogno durato poco, perché negli anni successivi nessuno si è occupato della sua manutenzione.

L’iniziativa dei cittadini vietata dal Comune

Esattamente un anno fa, in una giornata d’inizio primavera, due fratelli ottantenni armati di vanga e rastrello hanno dedicato un’intera mattina a ripulire il parchetto da erbacce e immondizia, tra il plauso e l’entusiasmo dei residenti. “Fu un’opera buona, venne investito tempo prezioso per riportare un po’ di decoro”, ricorda Tabarrini.

Pochi giorni dopo, il Comune di Roma e il XV Municipio, con l’ausilio della Polizia Locale, hanno avvolto l’area in nastri gialli e posto cartelli di divieto di accesso. “Un’interdizione inesistente, quella recinzione non impedisce l’ingresso e chiunque può entrare. Il risultato è che dopo un anno, l’area continua a essere degradata. Inoltre, viene utilizzata dai padroni dei cani, che vogliono evitare l’area cani posta a un paio di metri, ma mettendo a repentaglio la propria incolumità”.

“Bisogna assolutamente prevedere – aggiunge Tabarrini – una recinzione molto alta, per evitare che i bambini cadano verso via Monterosi, oltre a rifare il muro di tufo, potare gli alberi e ripristinare il lastricato della pavimentazione”.

Stefano Simonelli, ex minisindaco del XV Municipio e oggi presidente dell’Associazione “Cittadini attivi Roma XV”, lo scorso 1 marzo si è fatto portavoce dei residenti di Collina Fleming con una lettera indirizzata al Dipartimento Tutela Ambientale.

“Insieme al Dipartimento – ci spiega – per l’area ludica di via Valdagno, piccola ma fondamentale, si era condivisa la necessità della ristrutturazione e messa in sicurezza. L’ultima volta che ne parlammo, era fine marzo 2021, l’allora Direttore del Dipartimento ci informò che aveva incaricato l’Ufficio tecnico dipartimentale di progettare la ristrutturazione e che si stavano avviando le verifiche di stabilità”.

“Non abbiamo visto alcun sviluppo, – continua Simonelli – quindi ho inviato una lettera al Dipartimento per chiedere novità sull’avanzamento della messa in sicurezza e sul futuro finanziamento”.

Se ne parlerà prossimamente in XV

Lo scorso 17 gennaio, il gruppo Lista civica Gualtieri ha presentato una proposta di risoluzione per la messa in sicurezza e il rifacimento dell’area ludica in via Valdagno.

In considerazione dello stato di degrado dell’area, con la risoluzione i proponenti chiedono al Consiglio di impegnare il Presidente del XV e l’Assessore all’Ambiente ad attivarsi affinché il Dipartimento Tutela Ambientale e l’Assessore Capitolino all’Ambiente ripristino le condizioni di sicurezza e decoro dell’area ludica verde e la successiva installazione dei nuovi giochi.

“Questa proposta sarà votata in Consiglio entro un paio di settimane, – ci spiega Marcello Ribera, assessore all’Ambiente del XV Municipio – dopodiché trasmetteremo la richiesta di finanziamento per la risistemazione dell’area affinché l’intervento possa essere eseguito il prossimo anno”.

Nel mentre, si potrebbe fare un po’ di pulizia? Gli chiediamo. “Certamente. Verrà richiesto al più presto un intervento di decoro al Servizio Giardini” ci promette.

Giulia Vincenzi

Fleming, vietato l’accesso al parchetto di via Valdagno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome