Home ATTUALITÀ I saperi delle donne, i loro diritti. Se ne parla in XV

    I saperi delle donne, i loro diritti. Se ne parla in XV

    municipio-xv-flaminia-872
    Lavanderia Oblò, tradizione e innovazione nel cuore di Roma Nord

    Si avviano a termine le iniziative messe in atto nel corso del corrente mese, il “mese della consapevolezza”, a cura dell’assessorato alle Pari Opportunità  e dell’omonima Commissione del Municipio XV.

    Vogliamo e crediamo che il mese della Consapevolezza possa e debba essere un’ulteriore opportunità per la nostra Comunità per riprendere in mano tematiche come la violenza e la parità di genere, questioni che non andrebbero mai trascurate e che meritano di essere trattate e approfondite ogni giorno dell’anno con la giusta attenzione e il rispetto che meritano”, dichiararono l’assessora Agnese Rollo e la presidente della Commissione, Stefania De Angelis, nell’annunciarle.

    In programma dalle 17 di domani, giovedì 24 marzo, nella sala Consiglio del Municipio XV in via Flaminia 872, c’è quindi il secondo appuntamento per raccontare i saperi delle donne e i loro diritti. 

    Il tema dell’incontro è “il cammino e la scoperta del nuovo uomo” e a trattarlo sarà Stefano Ciccone, docente universitario, coordinatore del Parco Scientifico dell’Università di Roma Tor Vergata, giornalista, scrittore e fondatore dell’Associazione Maschile Plurale, che affronterà con i presenti il tema del confronto attraverso una lunga riflessione critica sul maschile.

    E’ vero che le donne che lavorano hanno svilito i ruoli maschili? E’ vero che gli uomini hanno paura delle donne indipendenti? Cosa fanno gli uomini in casa? Cos’è la paternità oggi? Perché gli uomini oggi mostrano senza pregiudizi la loro vulnerabilità? Il linguaggio di genere è un tema per il cambiamento? Se è vero che nessun uomo è estraneo quali barriere dovrà mettere fra sé e coloro che usano violenza contro le donne? Il potere maschile è uno stereotipo culturale che mette in crisi l’uomo? Perché la guerra è un sostantivo femminile che agisce al maschile? Il mito virile è quello della norma sociale o dell’identità di un uomo?

    Tante le domande e tante saranno le risposte. Per partecipare all’incontro è necessario il green pass ed è obbligatoria la prenotazione da inviare con mail all’indirizzo ufficioconsiglio.mun20@comune.roma.it. In alternativa la diretta streaming.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    1 commento

    1. E’ pratica diffusa in questi ultimi anni da parte di alcuni uomini di lanciare accuse ad altri uomini, attraverso la stampa, la televisione o internet, rei, secondo loro, di chissà quali colpe nei confronti delle donne. Si tratta di un atteggiamento spesso poco comprensibile perchè si ignorano due aspetti importanti. Il primo è che in Italia esistono MILIONI di uomini che non solo non sono violenti ma sono bravi mariti, padri eccellenti e grandi lavoratori; la seconda è che così facendo si rischia di cancellare valori importanti tipicamente maschili come l’Onore, l’Eroismo, il Coraggio, la Fedeltà. In realtà non serve nessun “uomo-nuovo” ma semmai occorre una società nuova che anteponga i doveri ai diritti, il sacrificio allo sballo, l’onesta al compromesso.

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome