Home CRONACA La Storta,  “Io, con i cassonetti davanti casa. Ruotiamoli!”

La Storta,  “Io, con i cassonetti davanti casa. Ruotiamoli!”

via-cassia-1608
Lavanderia Oblò, tradizione e innovazione nel cuore di Roma Nord

“A proposito di cassonetti dell’immondizia. Chi se li ritrova davanti casa, ultra pieni con tanto di scarti umidi puzzolenti, frigoriferi, letti, calcinacci e chi più ne ha più ne metta, a mio avviso dovrebbe almeno ottenere una riduzione della tassa da pagare. In alternativa, una buona regola sarebbe quella di spostarli ogni anno (della serie: soffriamo tutti per soffrire meno), anche se di poco, in modo da non penalizzare con la loro vicinanza sempre le stesse persone”.

Roberto S. non lo dice tanto per dire, se cita questa situazione è perché, come scrive in una lettera al direttore, “questo è esattamente il mio caso: io ho i cassonetti davanti casa, in via Cassia 1608, da sempre”.

“Onestamente debbo far presente che, negli ultimi tempi, vengono svuotati con una maggiore frequenza anche se troppo spesso l’AMA e’ chiamata a rimuovere la montagna di spazzatura che li circonda, ma il problema non può dirsi risolto: ho comperato un lungo tubo di gomma e spesso debbo rimuovere scarti e liquami (il cattivo odore d’estate e’ veramente insopportabile) che l’AMA non e’ attrezzata a rimuovere”.

“Confesso che invidio tutti coloro che arrivano con i loro sacchi neri, si fermano, li scaricano (non sempre dentro). E io, e quelli che si trovano nella mia identica situazione, con i cassonetti e la mondezza davanti al portone di casa, perché il luogo e’ stato scelto dall’AMA come idoneo ad ospitarli, rimanere ad osservare questi utenti fortunati che se ne tornano a casa felici e contenti”.

“Torno a ripetere il concetto – conclude Roberto -: ruotiamoli di posto almeno ogni anno per far soffrire tutti per non penalizzare sempre gli stessi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

  1. Come si vede dalla foto, oltre alla mancanza di un marciapiede (ho scritto a Torquati in merito, pratica n. 02066591) i cassonetti sono vicinissimi al ciglio stradale ed i pedoni (compresa una persona portatore di handicap) sono costretti a passare sulla carreggiata con le auto che li sfiorano pericolosamente.

  2. Il problema dei cassonetto posizionati troppo vicino alle abitazioni private (in alcuni casi proprio attaccati) è un problema che va risolto in qualche modo. Forse è proprio il sistema dei cassonetti che ripensato.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome