Home CRONACA Testimonial la Nitti, RidinTacc vuole spiccare il volo dal Fleming

Testimonial la Nitti, RidinTacc vuole spiccare il volo dal Fleming

libri-computer
Beauty journal

Durante la settimana di ioleggoperchè svoltasi a fine novembre 2021 nella scuola Nitti, ubicata nell’omonima via del Fleming, è stata presentata l’App “RidinTacc”, che consente ai ragazzi della scuola secondaria di scegliere e scambiarsi consigli sui libri letti con i compagni, stilando classifiche, scrivendo recensioni sui libri che più hanno amato, all’interno di una community protetta.

L’idea è quella di stimolare gli adolescenti, creare una community on line di nuovi lettori e rendere divertente e coinvolgente la lettura, adeguandola ai nuovi spazi digitali a disposizione dei ragazzi. Lo strumento è semplice, moderno e facilmente utilizzabile da qualunque scuola.

“Mamma, che pizza, mi tocca leggere due libri entro febbraio!” “Uff, mi annoio, hai un bel libro da darmi?” “Questo libro è veramente pesante, non mi va proprio di finirlo”.

Quante volte i nostri ragazzi dicono queste frasi? Quante volte a Natale i genitori avrebbero voluto regalare loro un bel libro ma non sapevano proprio quale scegliere? Con l’iniziativa ioleggoperchè  genitori e ragazzi sono stati  stimolati a donare libri alle scuole e a scegliere quelli che più piacciono scrivendo una dedica personalizzata.

Ma come fare a scegliere un libro per adolescenti? Come cercarlo in un contesto educativo sicuro?

Perché e quando leggere?

La scuola media IC Nitti si è interrogata lo scorso anno sull’uso del cellulare e sulle abitudini di lettura. Ne è emerso un quadro inquietante e sempre piu’ grave.

La DaD (didattica a distanza), seguita all’emergenza Covid-19, ha favorito la dispersione scolastica ed abbassato il livello delle competenze, avviando una fuga verso proposte ludiche (videogames, serie tv, You Tube, uso del cellulare in contemporanea alle lezioni, etc.) e spingendo i ragazzi ad una grave disattenzione nel seguire le lezioni a distanza, con un conseguente crollo delle abilità di concentrazione, comprensione ed esposizione.

Questo non saper più concentrarsi e comprendere cosa si legge rende impossibile, o quantomeno complesso, raggiungere l’eccellenza nelle materie scolastiche e nella vita in generale”, ha dichiarato a VignaClaraBlog.it Elisamarzia Vitaliano, dirigente scolastico della Nitti.

L’idea: creiamo un’App

Per questo l’anno scorso la scuola ha lanciato una proposta ai genitori: creiamo una App che i ragazzi possano usare per scegliere e consigliarsi tra compagni i libri secondo loro più belli, così da modernizzare il catalogo e da proporre titoli che effettivamente piacciono ai giovani studenti. La tradizionale Scheda Libro diventa oggi una recensione in tempo reale e una classifica continuamente in movimento.

Abbiamo cercato i fondi attraverso diversi sostenitori, ma purtroppo non siamo riusciti ad ottenerne. Sono stati, invece, dei genitori che hanno deciso di investire lavoro, tempo e professionalità per creare l’app per noi, senza alcuna spesa da parte nostra, e proporla poi sul mercato ad altre scuole o enti interessati”, ha spiegato La dirigente.

Ecco allora che un genitore, con la sua azienda Computime4it, ha gratuitamente realizzato un progetto informatico e comunicativo di alto livello, ora a disposizione di chi vuole solleticare i ragazzi per fare della lettura qualcosa di bello da condividere.

E’ il momento del decollo

Servono ora partner istituzionali affinché  un progetto come questo, che vede l’innovazione tecnologica al servizio del potenziamento delle competenze dei ragazzi, diventi accessibile a più scuole sul territorio.

Quali sono i possibili modi per collaborare al fine di promuovere questo progetto formativo? Abbiamo già tante idee, ma vorremmo ascoltare le vostre proposte. Incontriamoci per parlarne e cercare insieme la strada migliore da percorrere” dicono dalla Computime4it annunciando un incontro informativo che si terrà su Google Meet il 2 febbraio dalle 15.30 alle 16.30 (meet.google.com/mgw-sctt-apv).

Un’ora per saperne di più, in attesa della quale per vedere come funziona l’app c’è questo video su youtube

Giulia Vincenzi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. Ridintacc che definizione è? Una storpiatura della lingua inglese per un risultato incomprensibile in italiano. La lettura, giustamente sollecitata per i ragazzi ( e per tutti) invece di partire con un bel richiamo in italiano si presenta con questa ridicola ridin ( forse da reading) tacc?. Ma vogliamo salvare e far conoscere la nostra bella lingua italiana, così piena di vocaboli per una scelta la più accattivante?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome