Home CRONACA Abbandono rifiuti, in via Due Ponti servono le fototrappole

Abbandono rifiuti, in via Due Ponti servono le fototrappole

rifiuti-via-due-ponti
Galvanica Bruni

E’ vero che nel mese di agosto i romani se ne vanno al mare lasciando la città deserta, ma è altrettanto vero che gli incivili non conoscono ferie. Non si spiega altrimenti la discarica sorta recentemente in via dei due Ponti, in prossimità dei campi del Centro Ricerche Agricole.

Una strada bella, che attraversa una magnifica campagna con alberi, prati e sentieri, un fosso e perfino un castello del XII secolo. Eppure, grazie alla presenza di piccole piazzole dove sostano le auto di chi va a correre o passeggiare, si trasforma spesso in una discarica a  cielo aperto.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

L’ultima discarica

Recentemente sono state scaricate in queste piazzole montagne di rifiuti ingombranti: mobili, televisori, arredi, elettrodomestici, stendini, vecchi scaldabagni, trafilati metallici.

Un’operazione che, vista la gran quantità di materiale, deve essere durata un bel po’. E’ come se qualcuno avesse svuotato un appartamento decidendo poi di disfarsi dell’ingombrante carico sulla pubblica via.

Ovviamente nessuno si è accorto dell’accaduto. D’altra parte su questa strada si procede sempre a velocità sostenuta e nelle immediate vicinanze non ci sono abitazioni. E allora come interrompere questa maledizione, visto che non è la prima volta che accade?

Servono le fototrappole

Ne basta una delle tante in dotazione al Comune di Roma di cui si è vantata in queste ore la Sindaca Virginia Raggi visto che grazie a questi dispositivi nell’ultimo anno e mezzo sono stati sequestrati 203 automezzi usati per reati ambientali, sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria 48 persone ed elevate oltre 9 mila multe per reati di tipo ambientale per un totale di circa 1,3 milioni di euro.

Solo grazie a queste telecamere mobili potranno essere smascherati i furbetti di via Due Ponti.

Francesco Gargaglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome