Home CRONACA Labaro, rinasce l’area verde nel complesso Ater di piazza Arcisate

Labaro, rinasce l’area verde nel complesso Ater di piazza Arcisate

area-verde-via-treviolo-labaro

Nuova vita per il parchetto di Via Treviolo a Labaro che proprio questa mattina, venerdì 16 aprile, è stato inaugurato dal presidente della Regione, Nicola Zingaretti.

Ad abbellire l’area verde delle case popolari Ater di Piazza Arcisate, che è stata completamente rinnovata con l’installazione di nuove panchine, recinzioni, camminamenti e illuminazione dedicata, ci sarà un nuovo playground attrezzato con altalene, scivoli e giochi per bambini.

Oggi si inaugura questo luogo, ma è solo l’inizio; abbiamo sotto i nostri occhi la dimostrazione che è possibile realizzare progetti di inclusione sociale e di condivisione degli spazi e dobbiamo andare avanti su questa strada. E’ l’ora di valorizzazione i beni comuni e migliorare la qualità della vita dei residenti” – ha commentato al taglio del nastro Zingaretti, affiancato dall’assessore regionale alle Politiche abitative, Massimiliano Valeriani, con il commissario di Ater Roma, Eriprando Guerritore e il direttore Andrea Napoletano.

Riqualificato con un investimento regionale di circa 100mila euro, il nuovo giardino attrezzato rientra nel progetto di rinnovazione di 10 nuovi playground che la Regione, grazie a un finanziamento di oltre un milione di euro, sta realizzando nei plessi di edilizia pubblica della periferia romana.

Parchi e alloggi Ater riqualificati, un impegno per le periferie

Ora però, parallelamente al rinnovamento delle zone verdi, sarà necessario procedere anche con la manutenzione e la riqualificazione degli alloggi popolari, interventi chiesti a gran voce dai residenti di zona:

Il nuovo giardino inaugurato oggi deve essere un punto di partenza per la riqualificazione del nostro quartiere, le case Ater di Labaro cadono a pezzi, necessitano di migliorie e ristrutturazioni, non possiamo più aspettare” – ha aggiunto una residente dei plessi di Via Treviolo che al termine dell’inaugurazione ha chiesto al presidente della Regione e ai rappresentanti di Ater un aiuto concreto per il territorio.

Impegno chiesto a gran voce anche dal Gruppo PD in XV Municipio, che a margine dell’incontro ha ribadito la necessità di agire finalmente con interventi mirati sull’edilizia pubblica, interventi che i residenti attendono ormai da troppi anni.

Abbiamo sollecitato e chiesto di rispettare l’impegno assunto per la manutenzione e la riqualificazione degli impianti e delle strutture Ater nei lotti in via delle Galline Bianche, via Adro e via Treviolo e il recupero fisico dell’ex poliambulatorio di via Offanengo per nuove destinazioni funzionali. Ater ci ha comunicato di aver preso in carico le istanze per i lavori edilizi a causa di infiltrazioni e prossimamente partiranno i lavori.” – hanno dichiarato i consiglieri municipali PD Marcello Ribera e Luigina Chirizzi a margine dell’incontro.

Lavori di riqualificazione Ater nel XV

I lavori dell’Agenzia territoriale, che è stata uno dei primi enti ad attivarsi per usufruire del super bonus del 110% per l’edilizia pubblica, comprenderanno anche il rifacimento dei cappotti termici e delle facciate delle palazzine e oltre a Labaro riguarderanno anche i plessi Ater dei quartieri Farnesina, Tomba di Nerone e Cesano.

Quando le istituzioni ascoltano i territori è sempre un fatto positivo, tanto più se gli interventi sono l’inizio di altri lavori altrettanto importanti, come la manutenzione delle abitazioni; lavori attesi dai cittadini ormai da troppo tempo ma ora inseriti nella programmazione; da impegni presi dovrebbero partire a gennaio prossimo – ha aggiunto il Capogruppo Pd in Municipio, Daniele Torquati.

Il rifacimento del parchetto di Labaro è quindi solo l’inizio, un punto di partenza dal quale a poco a poco dovrebbe rinascere l’edilizia popolare delle periferie del quindicesimo municipio, un passo in avanti per chi aspetta interventi di questo tipo da oltre trent’anni.

La riqualificazione delle case Ater passerà anche per la banda larga, un investimento che in questa prima fase riguarderà 15.000 appartamenti che verranno raggiunti dalla rete, una necessità per le famiglie che ormai da oltre un anno a causa della pandemia studiano e lavorano da casa; dobbiamo fare in modo che tutti godano degli stessi diritti, non è Più rimandabile – ha concluso Zingaretti lasciando Labaro.

Ludovica Panzerotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome