Home CRONACA Infermiere del Sant’Andrea arrestato per ricettazione e spaccio

Infermiere del Sant’Andrea arrestato per ricettazione e spaccio

arresto-polizia
++ foto di repertorio ++

Arrestato dagli investigatori del Commissariato “Flaminio Nuovo”, diretto da Luca Cosimati,  B.M., infermiere professionale del Sant’Andrea, trovato in possesso di circa 250 grammi di marijuana, di una pianta del tipo “Lophophora Williamsii”, denominata “upeyote”, nonché proprietario di un box-serra completo di tutta l’attrezzatura per la coltivazione e la produzione di sostanze stupefacenti.

Gli agenti sono giunti a lui a seguito di una denuncia contro ignoti sporta a inizio dello scorso mese di marzo da un medico dell’Ospedale di via di Grottarossa.

Il medico era stato infatti contattato da una farmacia sulla Cassia che gli segnalava alcune ricette scritte su carta intestata Sant’Andrea, recanti la sua firma ma con un timbro che sembrava contraffatto con le quali si autorizzava l’acquisto del farmaco “Oramorph”, un medicinale a base di morfina.
Le indagini subito avviate hanno portato all’identificazione di B.M. e, ottenuto dalla Magistratura il decreto di perquisizione, gli agenti lo hanno rintracciato e fermato in Ospedale.

Le perquisizioni effettuate sul posto di lavoro e nella sua abitazione hanno così consentito di trovare il ricettario con intestazione Azienda Ospedaliera Sant’Andrea e il timbro falsificato.

Ma non è tutto, perché oltre ai circa 250 grammi di marijuana e tutta l’attrezzatura per la coltivazione e la produzione, sono stati trovati anche numerosi medicinali destinati ad uso esclusivo di ospedali e materiale sanitario di probabile provenienza furtiva, motivo per il quale B.M. è stato indagato anche per il reato di ricettazione in aggiunta ai reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e falso materiale commesso da incaricato di pubblico servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome