Home CRONACA Cinghiali dell’Insugherata all’asta a un euro al chilo

Cinghiali dell’Insugherata all’asta a un euro al chilo

cinghiale-catturato
immagine di repertorio

A Roma i cinghiali vanno all’asta a un euro al chilo. L’Ente Regionale RomaNatura ha messo infatti all’asta esemplari catturati vivi nelle Riserve naturali dell’Insugherata e della Marcigliana.

Lo rende noto l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) spiegando come «anche in Regioni e Comuni dove le amministrazioni si dichiarano “ambientaliste”, ancora si ricorre a procedure amministrative non etiche nelle quali gli animali sono considerati meri oggetti».

«L’apertura delle buste si è svolta lo scorso 9 marzo», dichiara la delegata dell’Oipa di RomaRita Corboli. «Nella gestione della fauna della capitale e della Regione Lazio ancora siamo molto lontani dal recepimento del Trattato di Lisbona del 2007, che tutela gli animali in quanto “esseri senzienti”».

L’asta di RomaNatura non è un caso isolato. Una analoga si è svolta lo scorso ottobre indetta dall’Ente Parco di Veio. «Cedere all’asta cinghiali vivi  catturati in parchi protetti per farne carne da macello in aziende venatorie o  allevamenti a scopo alimentare è quanto meno discutibile – sottolinea l’Oipa di Roma -. Chiediamo alla Regione Lazio e agli enti di gestione delle riserve che non si ricorra più a queste procedure e che si passi a una gestione etica della fauna della nostra Regione perché questa è di proprietà indisponibile dello Stato, cioè di tutti i cittadini, la stragrande maggioranza dei quali è contraria alla caccia e, immaginiamo, anche alla cattura di animali vivi destinati ad andare all’incanto».

“Ricordiamo – conclude l’Oipa – cosa stabilisce il Trattato di Lisbona all’articolo 13:  Nella formulazione e nell’attuazione delle politiche dell’Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio, l’Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale”.

L’Oipa invita quindi la Regione Lazio e gli enti gestori dei parchi e delle riserve protette a riflettere e a cambiare passo dimostrando un maggiore rispetto per gli animali tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. I cinghiali dell’Insugherata entrano nel giardino di casa, scorrazzano di notte tra le auto parcheggiate, sventrano i cassonetti, minacciano gli animali domestici e talvolta li feriscono, Sino indignato per l’atteggiamento delle associazioni ambientaliste che non sanno fare altro che invocare principii ma non offrono alcuna soluzione. Vergogna!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome