Home ATTUALITÀ Calcio, meglio soli che male accompagnati

Calcio, meglio soli che male accompagnati

pallone calcio

Cambiano i tempi, siamo passati da “se potessi avere mille lire al mese” a “se potessi avere mille spettatori a partita”, la pandemia cambia le carte in tavola perfino al dio pallone, mentre ricomincia il campionato di serie A e il calcio mercato impera, pure se non impazza.

Restano ai box le europee Atalanta e Inter, la Lazio e altre tre squadre, complice anche la chiusura ritardata del campionato di serie B. Volano Juventus e Napoli mentre la Roma, la solita Roma, viene salvata dai legni a Verona e le polemiche sembrano non finire, pure che adesso c’è un presidente nuovo.

Solita tiritera, e solita solfa pure per VignaClaraBlog.it, che ogni tanto con qualche articolo di colore almeno regala sorrisi a chi è malato di calcio.

Accendo i riflettori sul Mapei stadium di Reggio Emilia, dove sono stato a vedere Sassuolo-Cagliari, ammetto che osservare la partita fra pochi intimi, senza bestemmiatori alle spalle e gente davanti a te che s’alza in piedi pure per un calcio d’angolo o semplicemente per farsi notare dall’amico al telefono che sta dall’altra parte dello stadio, è una goduria senza eguali.

Roba da non crederci, così come è roba da non crederci le stranezze di un’estate che sta finendo, e che è volata via in un amen.

Massimiliano Morelli

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome