Home SPORT Sessanta anni fa Roma ’60, la prima paralimpiade

Sessanta anni fa Roma ’60, la prima paralimpiade

giochi-paralimpici

Sessant’anni fa Roma ospitava la prima edizione dei Giochi Paralimpici. Inaugurazione il 18 settembre, e proprio a partire da oggi  si svolgeranno nella capitale alcune iniziative promosse dal Comitato Italiano Paralimpico per ricordare gli eventi e i protagonisti di una manifestazione che rappresenta una tappa fondamentale della storia del movimento paralimpico internazionale.

I Giochi andarono in scena dal 18 al 25 settembre, una settimana dopo la chiusura dell’Olimpiade: parteciparono 400 atleti provenienti da 21 Paesi e fu il professore e medico dell’INAIL Antonio Maglio, insieme a Ludwig Guttmann, a promuovere l’iniziativa, anticipando di 28 anni il gemellaggio spazio-temporale tra Giochi olimpici e paralimpici.

Il primo appuntamento in programma è questa mattina alle 11, nell’ambito di una cerimonia che prevede la presenza delle istituzioni, verrà apposta una targa commemorativa nello stadio Paolo Rosi.

Questa sera alle 20, il Comitato Italiano Paralimpico – grazie alla collaborazione del MIBACT e di Roma Capitale – darà vita a una proiezione sul Colosseo con immagini e giochi di luce riguardanti lo sport paralimpico.

La settimana di festeggiamenti si chiuderà, il 25 settembre, con il convegno “Paralimpiadi, 60 anni di Roma 60” promosso da CIP, INAIL e SuperAbile INAIL. Appuntamento all’Auditorium INAIL di  piazzale Pastore.

“Il Comitato Italiano Paralimpico ha deciso di dare vita a una settimana di celebrazioni – ha dichiarato Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico – per raccontare come l’Italia sia riuscita a dare un impulso significativo alla promozione dello sport senza barriere e a una cultura dell’inclusione e dei diritti. Si tratta di un appuntamento a cui attribuiamo un grande valore, storico e sociale. In questo modo vogliamo conservare e rendere vivo un prezioso patrimonio di storie e valori che rappresenta la base del movimento paralimpico internazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome