Home VALLE MURICANA Valle Muricana, “Dal 2011 questi problemi sono in attesa di soluzione”

Valle Muricana, “Dal 2011 questi problemi sono in attesa di soluzione”

“Spett.le Redazione, perdonatemi se come cittadino mi rivolgo al Vostro giornale ma spero tanto che attraverso il Vostro aiuto possa ottenere maggiore attenzione da parte del XV Municipio e del Comune. Purtroppo le numerose segnalazioni, effettuate nel corso degli anni, ad oggi non hanno sortito alcun risultato sperato”.

Così Francesco F., residente a Valle Muricana, scrive in una “lettera al direttore” inviata alla nostra redazione sottolineando che “è dal 2011 che si vive con la speranza che il Comune di Roma prenda a cuore la gestione di una piccola area urbana”.

“Personalmente – continua Francesco – ho più di un motivo per credere che sarebbe un bel segnale se l’amministrazione comunale, nonostante il tempo trascorso, e nonostante le presumibili difficoltà presenti nell’apparato istituzionale, riuscisse a realizzare ciò che una parte della cittadinanza si aspetta di ottenere da anni. Probabilmente la speranza di tutti questi anni non lascerebbe spazio alla rassegnazione”.

Due problemi in attesa di soluzione

“Comunque, al di là delle personali considerazioni, i problemi in attesa di una soluzione in estrema sintesi sono i seguenti” sostiene Francesco nell’evidenziare le due situazioni che gli stanno più a cuore.

Giardino di proprietà comunale situato in Via di Valle Muricana angolo Via Saronno. “Dopo la sua realizzazione (2011) è stato abbandonato a se stesso divenendo terra di nessuno e subendo un lento e graduale degrado. Basti pensare che, nell’arco di poco tempo dalla sua realizzazione, ignoti sottrassero la fontanella e divelto la staccionata”.

“Gli abitanti della zona hanno effettuato diverse segnalazioni alle autorità competenti ma senza alcun tipo di riscontro. Solo grazie al costante impegno, spontaneo e partecipato, di alcuni residenti di zona si è impedito che il giardino si trasformasse in una vera e propria discarica a cielo aperto”.

Terreno di proprietà comunale confinante con il suddetto giardino e adibito a parcheggio pubblico. “Come si noterà dalle foto, è stato realizzato in terra battuta, inoltre non è in piano ma leggermente scosceso perché segue l’inclinazione della strada con cui confina da un lato. Ragion per cui, quando piove, l’acqua piovana trascina con sé, verso il manto stradale, la terra di cui è composto ma soprattutto una considerevole quantità di frammenti di plastica di colore verde, frutto di una pavimentazione in plastica, posizionata all’epoca dal costruttore dell’intera area, ma che nel corso degli anni è andata via via sgretolandosi”  sottolinea puntualmente Francesco nell’allegare due foto a dimostrazione di quanto afferma.

“In altre parole gran parte di quei frammenti in plastica ostruiscono i tombini di via Saronno trasformando l’intera via in un vero e proprio torrente di fango e detriti, altri i invece, ancor peggio, finiscono  direttamente nella rete fognaria con tutte le conseguenze che si possono immaginare dal punto di vista ambientale. La soluzione ottimale, come più suggerito nelle numerose segnalazioni effettuate agli organi competenti, sarebbe quella di asfaltare l’area parcheggio”.

“Grazie in anticipo per l’attenzione che Vorrete dedicare a questa mia segnalazione” conclude Francesco nella speranza che, trovando spazio sulle nostre pagine “possa ottenere maggiore attenzione da parte dell’amministrazione municipale e capitolina”.

4 COMMENTI

  1. Trovo che solo da queste lodevoli iniziative si possa risalire la china…in fondo si chiede decoro niente altro. Il giardinetto descritto era un gioiello…ogni tanto viene ripulito dai condomini che vi si affacciano ma ora la staccionata è divelta e il parcheggio un accumulo di detriti…bene fate a dare voce a chi ha ancora il senso del bene comune…spero il municipio possa ascoltare chi veramente ha a cuore, senza alte interessi, il decoro del quartiere!

  2. giá la verita è che è uo schifo sapere che si pretende il verde dai costruttori e poi però non lo si acquisisce. parlo del Comune, ovviamente. e poi arriva il degrado….

  3. Purtroppo il degrado continua per tutta via Saronno il prato (affittato al maneggio)non viene pulito ci sono rovi- erbacce -terriccio accumulato al lato!! Senza canale di scolo per l’acqua piovana!! Oltre all’imposizione lasciata da chiunque passa !!Poi se piove la colpa è solo del cambiamento climatico !!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome