Home CRONACA Un déjà-vu per Valle Muricana: arriva una seconda antenna telefonica

Un déjà-vu per Valle Muricana: arriva una seconda antenna telefonica

antenna-telefonica
immagine di repertorio

Depositata al competente dipartimento capitolino il 31 marzo, trasmessa da questi al Municipio XV dopo ben 50 giorni (il 18 maggio), pubblicata subito dopo sul sito web del XV, la richiesta del gestore di telefonia mobile Iliad di installare una Stazione Radio Base, cioè un’antenna, in via di Valle Muricana 586, ha suscitato non poche perplessità fra i residenti e le forze politiche municipali.   

Perplessità trasversali, condivise da tutti i componenti della Commissione Trasparenza e sfociate nella richiesta di convocazione di un Consiglio straordinario che si terrà appunto giovedì 25 giugno alle 9.30, in videoconferenza, a una manciata di ore dal termine di formazione del silenzio assenso, 30 giugno, data entro la quale devono essere presentate eventuali opposizioni in assenza delle quali Iliad acquisirà il diritto ad erigere la sua stazione radio base.

Un déjà-vu per Valle Muricana, i cui residenti nell’ottobre del 2018 assistettero in silenzio all’installazione di un’antenna di 35 metri d’altezza contro la quale si erano battuti nei tre anni antecedenti senza successo. Ed ora la storia pare ripetersi.

Cosa ha spinto la Commissione Trasparenza a chiedere un Consiglio Straordinario? Secondo la consigliera Luigina Chirizzi, membro della commissione, “la preoccupazione nasce dal fatto che proprio in quel quadrante abbiamo una grande criticità di emissione onde elettromagnetiche per la presenza dell’elettrodotto S.Lucia in Via Pedrengo e dell’antenna Vodafone, a soli 30 metri dall’elettrodotto, in Via Viadanica. Ed ora c’è chi vorrebbe installarne una nuova a soli 400 metri“.

E’ per questo motivo che nel corso di una recente commissione alla quale ha partecipato il presidente Stefano Simonelli gli è stato suggerito, racconta Chirizzi, “di richiedere una perizia all’Agenzia Arpa Lazio, che ha un ruolo determinante nella protezione dai campi elettromagnetici, che certifichi i livelli di inquinamento elettromagnetico lungo la valle Muricana, Via Pedrengo e Via Viadanica. Credo inoltre che vada richiesto anche un parere dell’ASL competente per il rilascio del nulla osta sanitario“.

Iniziative, queste ed altre, che verranno dibattute nel Consiglio straordinario del 25 giugno, a meno 5 giorni dal termine di formazione del silenzio assenso: da mercoledì 1 luglio Iliad, in assenza di motivate opposizioni, potrà infatti avviare l’iter d’installazione.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome