Home CRONACA Chirurgo del Sant’Andrea indagato per omicidio colposo

Chirurgo del Sant’Andrea indagato per omicidio colposo

sant'andrea

Indagato con l’accusa di omicidio colposo, durante l’intervento il chirurgo avrebbe tagliato l’aorta addominale per errore e il paziente è morto per emorragia.

Sabatino Ruggiero, 54 anni, vicesindaco di Bucciano, piccolo comune in provincia di Benevento, era stato ricoverato all’ospedale Sant’Andrea sabato 23 maggio per un intervento all’addome per rimuovere un sospetto tumore nel peritoneo. Due giorni dopo, lunedì 25, entra in sala operatoria ma qualcosa va storto e muore.

Sarebbe stato un taglio accidentale dell’aorta addominale ad avergli provocato prima un’emorragia poi un infarto e infine il decesso. A verificarlo è stato il medico legale dell’ospedale chiamato da accertare le cause della morte e che poi ha informato l’autorità giudiziaria.

Nella relazione inviata alla Procura della Repubblica, secondo il medico legale la prima emorragia sarebbe stata causata dall’incisione dell’aorta addominale avvenuta per errore. Un taglio che sarebbe stato subito suturato ma a seguito della gravissima situazione venutasi a creare sarebbe intervenuta una seconda emorragia causando l’infarto che poi ha stroncato la vita del paziente.

Sulla vicenda la Procura ha deciso di fare luce aprendo un fascicolo per omicidio colposo ed iscrivendo nel registro degli indagati il medico chirurgo che ha effettuato l’intervento. Saranno i risultati degli esami autoptici, che arriveranno tra circa 60 giorni, a chiarire le cause esatte del decesso.

Nel frattempo la salma del vicesindaco è tornata nel piccolo comune di Bucciano, oggi a lutto, dove si sono tenuti i funerali. A piangerlo, la moglie, le due figlie e l’intera cittadina.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome