Home CRONACA Vigna Clara, piazza Jacini ante e post lockdown

Vigna Clara, piazza Jacini ante e post lockdown

Questa la situazione di Piazza Jacini, da prima del lockdown ad oggi non è cambiato nulla. Sembra la foresta amazzonica, con la spazzatura ad abbellire il tutto e i sampietrini divelti raccolti da mani pietose.

Stessa situazione in via Jacini, dove le aiuole sono state devastate dalle auto che le usano come parcheggio e dove l’erba così alta non s’era vista mai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 COMMENTI

  1. .. e la Raggi si permette di proporsi per un secondo mandato!!… “me lo hanno chiesto in tanti ” dice lei. Forse ha capito male perchè “in tanti le chiediamo di andarsene “. Marco Sesto Rufo

  2. Vecchio problema. Da bambino quando andavo al cinema Vigna Clara credevo di essere in Svizzera per quanto era bella quella piazza.
    Da adulto ci ho vissuto per 15 anni; una volta passai un’ora al telefono con il responsabile del Verde dell’allora XX Circoscrizione (che era ancora in mano Forza Italia) : mi disse “ma noi abbiamo bisogno di gente come lei! Incontriamoci, così ci da dei consigli” e io: “consigli? Io le parlo di fare pulire la m***a dei cani e le cerca consigli?”. Poi il multisala, i ristoranti, e il “famoso” accordo con l’AMA (????) per la raccolta dei rifiuti dei negozi. Da allora montagne di rifiuti vengono accatastate in mezzo alla piazza…..

  3. confermo quanto riportato nel commento che precede un anno fa. La vostra foto sulla rinascita di piazza Jacini è fatta dal lato pulito e gli alberi nascondo l’empio dei rifiuti accatastati dall’altra parte della piazza che è stata ripulita come giardino ma è enormemente degradata nella parte esterna dai rifiuti accatastati nel bordo. Il problema è stato creato dall’apertura di un supermercato in un locale piccolo che non ha spazi logistici per la gestione dei rifiuti ed è una indecenza che il comune abbia dato il suo ok all’apertura
    Silvana Quarto

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome