Home CRONACA Ponte Milvio, l’iorestoacasa resta ancora indigesto a tanti

Ponte Milvio, l’iorestoacasa resta ancora indigesto a tanti

ArsBiomedica

Forti del fatto che uscire di casa per attività motoria non sia espressamente vietato e visto il sole che nella mattina di oggi, domenica 15 marzo, ha scaldato Roma, un bel po’ di romani si sono dedicati ad una passeggiata lungo la sponda del Tevere a Ponte Milvio.

C’era chi giocava, chi faceva sport e chi chiacchierava formando assembramento, proprio quello vietato nel modo più assoluto perchè favorisce la diffusione del contagio.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

A denunciare l’episodio su Twitter è stato il virologo Roberto Burioni postando una foto che ritrae appunto “l’attività motoria” in corso sotto la Torretta di Ponte Milvio commentandola così:”A Roma non hanno ancora capito bene la situazione” e precisando “gli scatti me li mandano: io posso essere fotografato solo in casa o in ospedale, sono blindato!“.

Immediata la reazione della Sindaca Raggi che ha comunicato di aver subito inviato sul posto due pattuglie della Polizia Locale. A quanto pare l’iorestoacasa resta ancora indigesto a tanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 COMMENTI

  1. Questa è una settimana fondamentale per Roma. Restate a casa! Pensate a voi, le vostre famiglie e soprattutto una volta tanto pensate al vostro prossimo!

  2. Non è cambiato nulla, la foto è parziale, ieri c’era tanta tanta gente, stamattina meno. Io devo far sgambare i cani, e siccome mi hanno chiuso ogni parco (e hanno fatto bene) pensavo di trovare vuoto , come durante l’anno…niente. Pieno di gente, mascherina abbassata per interloquire meglio. C’erano anche i vigili, che fermavano le famigliole di ciclisti che percorrevano le strade del piazzale contromano. E’ allegria, vacanza, felicità. Una pasquetta!!! Ripeto: la foto che hanno mandato a Burioni NON rende l’idea.
    Non ho parole.

  3. Questi sono i danni provocati da quelli che fino a poco tempo fa parlavano d’isteria e di un’influenza poco più pesante del normale. Poi hanno aggiustato il tiro specificando che alla fine muoiono solo i vecchi e i malati…

  4. La foto risale agli anni ’80, a dire il vero, tanto che lo stesso Burioni, accortosi dell’errore, l’ha cancellata.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome