Home CRONACA Risolto il giallo sulla Cassia, si è trattato di tentato suicidio

Risolto il giallo sulla Cassia, si è trattato di tentato suicidio

ospedale san pietro 2

Sono migliorate le condizioni del cittadino filippino di 37 presentatosi nel pomeriggio di mercoledì 4 dicembre al Pronto Soccorso dell’ospedale San Pietro con profonde ferite da coltello allo stomaco ed una copiosa perdita di sangue.

Dopo essere stato sottoposto ad intervento chirurgico oggi pare essere fuori pericolo; i medici non hanno ancora sciolta la prognosi e lo tengono sotto particolare attenzione ma tutto lascia sperare per il meglio.

Nel frattempo è stata fatta luce sulla vicenda e soprattutto sulla presunta misteriosa scomparsa della moglie dall’ospedale, fatto che aveva suscitato subito sospetti nei suoi riguardi. In realtà nelle stesse ore la donna si trovava invece negli uffici di Polizia per fare chiarezza sulla dinamica del fatto.

E chiarezza è stata fatta. Non è servito molto agli investigatori del commissariato Flaminio Nuovo, diretto da Massimo Fiore, per appurare che non c’è stata nessuna aggressione, nessun tentato omicidio a danno del 37enne.

Si è trattato invece di un tentato suicidio per ammissione dello stesso filippino che dopo l’intervento ha confessato agli agenti di aver tentato di togliersi la vita, ma non perchè. Non sono state infatti ancora chiarite le motivazioni alla base del gesto e a quanto si apprende parrebbe siano di tipo strettamente familiare.

Come si sono svolti i fatti. Presa la decisione di togliersi la vita, l’uomo, con un lungo coltello, si è inferto in rapida successione due coltellate allo stomaco. Il fatto è accaduto all’aperto, poco distante dall’abitazione nella quale lavora la moglie come domestica.
Poi, riacquistata probabilmente la lucidità, è riuscito a raggiungere il luogo di lavoro della moglie dove è stato soccorso dalla stessa e dal suo datore di lavoro e subito accompagnato all’ospedale. Le indicazioni fornite dal 37enne hanno inoltre consentito agli agenti di ritrovare anche il coltello sul luogo del tentato sucidio.

Edoardo Cafasso

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome