Home CRONACA Via di Grottarossa, bus tampona moto e fugge. Denunciata l’autista

Via di Grottarossa, bus tampona moto e fugge. Denunciata l’autista

Sant'Andrea

Tampona una moto, manda a terra il centauro e anziché fermarsi continua la sua corsa. Il fatto eclatante è che a compiere il gesto non è stato il solito pirata della strada ma un bus della linea Atac che collega piazzale della Stazione Saxa Rubra con l’ospedale Sant’Andrea in via di Grottarossa.

Il fatto è accaduto nel pomeriggio di domenica 10 ottobre ma è venuto alla luce solo in queste ore.

Protagonisti della vicenda solo l’autista della linea 029 e un sessantenne romano a bordo della sua moto che proprio all’altezza dell’Ospedale viene urtato dal bus che poi prosegue la sua corsa. Moto e centauro vanno a terra. La prima con forti danni, per il secondo  si rende necessario il ricovero al Pronto Soccorso dal quale viene poi dimesso con una prognosi di dieci giorni.

Sul posto arrivano gli agenti del XV Gruppo della Polizia Locale ai quali però la vittima dell’incidente non fornisce molti dettagli. Non ha infatti fatto in tempo a prendere la targa nè a capire di quale linea fosse il bus.

Gli agenti si mettono così al lavoro e indagando nel deposito di Grottarossa, sulla Flaminia, nonostante i pochissimi indizi riescono a risalire al mezzo – che presenta danni compatibili con la dinamica dell’incidente – e al suo autista: una donna di 38 anni che ha spiegato agli agenti di non ricordare nulla e si è rifiutata  di sottoporsi ai test di alcol e droga.

Le indagini sono ancora in corso ma per la donna è già scattata una denuncia per omissione di soccorso. Stando a quanto si apprende, pare che le sia stata anche ritirata la patente e sospesa dal lavoro.

Gaia Azzali

VignaClaraBlog.it

1 commento

  1. Un conto è se non ricorda, altro conto sarebbe se non si fosse accorta dell’urto e avesse proseguito la corsa del bus. Sembra una questione di lana caprina, ma in realtà non è così. Certo il fatto che si rifiuti di essere sottoposta al test lascia molto perplessi sulla buona o cattiva fede dell’autista.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome