Home CRONACA Tre topi d’auto arrestati a Tomba di Nerone

Tre topi d’auto arrestati a Tomba di Nerone

arresto polizia

Tomba di Nerone. Svegliato da un forte rumore si affaccia al balcone di casa e vede 3 uomini intenti a rubare autovetture. Da l’allarme alla Polizia di Stato – Arrestati in flagranza  per furto aggravato continuato in concorso.

Viene svegliato da un forte rumore e quando si affaccia dal balcone di casa nota tre uomini intenti a rubare  dentro delle autovetture in sosta all’interno del parcheggio vicino alla fermata dell’autobus “San Pietro” sulla Cassia.

Immediatamente da l’allarme al 112 NUE, che gira la telefonata alla Sala Operativa della Questura di Roma. Gli operatori del 113 acquisite tutte le notizie utili le diramano ai poliziotti del Reparto Volanti e dei commissariati Villa Glori e Flaminio Nuovo che nel frattempo si stavano recando sul posto.

Le minuziose descrizioni hanno permesso agli agenti della Polizia di Stato di individuare i ladri che, nel frattempo, continuavano ad aggirarsi intorno ad alcune autovetture ferme. Fermati, alla richiesta di cosa stessero facendo , non hanno saputo dare contezza.

Notate diverse autovetture danneggiate, i poliziotti hanno proceduto al controllo dei tre.

B.R. 19enne romano, è stato il primo ad essere stato identificato – controllato aveva nella tasca destra del pantalone un paio di occhiali da sole con relativa custodia di una nota marca  e delle monete – restituiti al legittimo proprietario.

Il secondo  Q.D.M. 19enne romano che è stato  trovato in possesso di un power bank marca Anker  di colore nero, una sacchetta nera con dentro occhiali da sole di marca – tutto sequestrato .

Infine, indosso al terzo, S.T.S., stessa età dei complici, hanno trovato un paio di occhiali da sole  e un coltello multiuso – tutto sequestrato.

I tre, accompagnati negli uffici di Polizia, sono stati arrestati per furto aggravato continuato in concorso.

Il materiale sequestrato successivamente è stato restituito in fase di denuncia ai proprietari delle auto.

 

1 commento

  1. Un particolare ringraziamento all’amico che ha tempestivamente dato l’allarme al 113 permettendo agli equipaggi della Polizia di arrestare in flagranza i tre scienziati… Chi ha subito danni può chiedere il risarcimento agli autori.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome