Home POLITICA Torquati-Ribera (PD): “M5S del XV approva contratto AMA senza servizi”

Torquati-Ribera (PD): “M5S del XV approva contratto AMA senza servizi”

ama-tor-di-quinto

“Creano danni e ingannano i cittadini: tutti i Municipi di Roma, compresi quelli a guida 5 stelle, esprimono perplessità e si stanno orientando per un voto contrario al Contratto di servizio tra Roma Capitale e l’Ama perché insufficiente nei servizi, mentre in XV Municipio il M5S lo approva”.

È quanto dichiarano in una nota il capogruppo PD Daniele Torquati e Marcello Ribera, vicepresidente della Commissione Ambiente del Municipio Roma XV sostenendo: “Non sappiamo se rimanere sconcertati dall’assenza di qualsivoglia difesa del territorio da parte di questa maggioranza oppure se plaudere ad una fedeltà coerente all’azione della propria Sindaca che non si riscontra in altri Municipi a 5 Stelle della città: in entrambi i casi a rimetterci sono i residenti del nostro territorio che, nel voto dato ieri in Consiglio dal M5S al contratto di servizio con Ama, devono prendere atto di una scelta che li penalizza nei servizi di smaltimento rifiuti e pulizia della città”.

Si tratta di un contratto, secondo i due esponenti PD, “con servizi insufficienti: una presa in giro per Roma. In assenza infatti anche di un piano industriale di Ama e di una visione progettuale per la città che possa permettere lo sviluppo di quelle azioni necessarie per la risoluzione dei problemi legati al conferimento e al recupero, l’amministrazione ha scelto la via peggiore per i cittadini romani: un contratto fatto di tagli ai servizi”.

Per quanto attiene ai servizi di spazzamento strade nel Municipio XV, Torquati e Ribera fanno sapere che “oltre 100 strade sono state eliminate dal piano di spazzamento meccanico di Ama, e nessuna possibilità viene più garantita al cittadino per verificare l’operato dell’azienda comunale visto che è stata eliminata la pagina web sul sito di Ama dove venivano riportati orari e frequenze del servizio”.

Inoltre brutte notizie per il porta a porta, che l’ex assessore capitolino all’ambiente, Pinuccia Montanari, proprio nell’aula consiglio del XV lo scorso 8 ottobre aveva annunciato che sarebbe stato implementato entro il 2019.
“Nelle azioni programmatiche allegate al contratto di servizio – rendono noto i due esponenti dem del XV – non si fa alcuna menzione per il 2019 dell’estensione della raccolta porta a porta, come invece promesso dalla ex delegata del sindaco qualche mese fa. L’estensione del servizio è ancora una volta rimandata”.

Per quanto attiene alle isole ecologiche previste nella capitale, “nessuna di queste verrà realizzata nel nostro territorio e questo risulta particolarmente grave e preoccupante in quanto il Municipio XV ne è assolutamente sprovvisto. L’unico centro di raccolta a Olgiata continua a rimanere chiuso e anzi apprendiamo da tale documento che la maggioranza 5 Stelle ha intenzione di realizzare un centro di compostaggio senza aver condiviso con nessuno tale scelta e in aperto contrasto con quanto stabilito dal consiglio municipale”.

“Nelle stesse linee programmatiche – incalzano Torquati e Ribera – non troviamo alcun incremento di servizi che suppliscano a tali mancanze; i Centri mobili di raccolta Ama, che fino al 2016 venivano realizzati in ogni quartiere, continuano a latitare in molti quartieri e le attività di comunicazione e sensibilizzazione dell’azienda sul territorio non vengono contemplate. Un passo indietro su tutta la linea che non fa che alimentare i disagi di quanti vedono tutti i giorni il degrado che avanza in ogni dove”.

“Quando poi abbiamo sottolineato queste mancanze al M5S già nella prima seduta di Consiglio, poi riconvocato per mancanza del numero legale a causa dell’assenza di alcuni membri del M5S, abbiamo appreso che la maggioranza stessa non aveva visionato la documentazione e nemmeno l’Assessore all’ambiente era al corrente che il nostro territorio veniva escluso da molti servizi. Saranno stati i giorni di vacanza – ironizzano i due consiglieri democratici – ad aver distratto la classe dirigente del M5S dal loro dovere”.

“Speravamo quindi in uno scatto di orgoglio e dignità all’indomani della ripresa delle normali attività di Consiglio e invece hanno deciso comunque di approvare il taglio ai servizi nel nostro territorio. Peccato: avevamo dato disponibilità a modificare insieme il contratto con proposte condivise. Collaborazione che evidentemente non piace al M5S. È già successo molte volte. Prendiamo atto che il M5S preferisce tagliare i servizi. Scelta che ovviamente siamo noi a non condividere.
Sono tre anni – concludono Torquati e Ribera – che il Campidoglio taglia i servizi al XV Municipio ricordandosi di noi solo quando si tratta di condividere i problemi dell’intera città. Speriamo cambi il vento, come dice la Sindaca, e una classe dirigente migliore torni ad occuparsi del nostro territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome